Main partner:

Da Snapchat nuovi strumenti self service per chi promuove app

Per gli inserzionisti che intendono spingere lo scaricamento o l’installazione di applicazioni sarà più facile utilizzare i deeplink per targettizzare gli utenti

di Alessandra La Rosa
19 gennaio 2018
snapchat

Su Snapchat arrivano novità dedicate a chi promuove applicazioni.

Il social network del fantasmino ha infatti annunciato tre nuove soluzioni rivolte a migliorare le performance delle campagne di app-install, quelle cioè volte all’installazione di un’applicazione, attraverso il re-engagement di un utente.

Circa un anno fa Snapchat aveva reso possibile, per le aziende interessate a promuovere un app, l’utilizzo di deeplink per portare traffico su una determinata sezione dell’applicazione, targettizzando gli utenti che avevano già scaricato e aperto l’app. Una mossa volta a rendere i formati app-install di Snapchat utili non solo a far scaricare un’app agli utenti, ma anche a farla utilizzare. Ad esempio, un retailer poteva mettere in risalto una pagina di prodotto che un utente aveva aggiunto al proprio carrello senza ultimare l’acquisto; o uno sviluppatore di mobile gaming poteva selezionare dei giocatori una volta che raggiungevano uno specifico livello di gioco.

Adesso, l’utilizzo del deeplink viene reso ancora più semplice. Basterà infatti che l’utente faccia uno swipe sull’annuncio per essere automaticamente indirizzato sulla pagina dell’app desiderata dall’inserzionista. E se l’utente non ha l’app, il sistema lo porterà invece nella pagina di installazione. Prima l’utilizzo del deeplink era più complesso per i brand, che dovevano autonomamente costruire le landing page e i pulsanti per l’attivazione del deeplink. Adesso a fare tutto questo ci penserà Snapchat.

Il social ha annunciato anche delle novità sul fronte delle misurazioni delle campagne di app install. Saranno disponibili per gli advertiser delle finestre di attribuzione più flessibili per misurare le performance degli annunci in termini di download o installazione di un’app.

La misurazione sarà anche più granulare. Gli inserzionisti potranno ora visualizzare quante persone hanno visto e fatto swipe sull’annuncio all’interno di tre finestre di tempo: un giorno, una settimana o 28 giorni. Sarà possibile anche misurare quante persone hanno visto l’annnuncio senza fare swipe, ma hanno poi scaricato o aperto l’app da un paio d’ore a una settimana dopo, e cosa gli utenti hanno fatto sull’app dopo lo scaricamento.

«Gli utenti di Snapchat sono delle persone interessate a provare sempre cose nuove – dichiara Peter Sellis, Director of Revenue Product del social network -. Su Snapchat c’è voglia di scoprire app, e il nostro team ha raddoppiato gli sforzi nel costruire strumenti ad hoc per gli inserzionisti di questo tipo. Con questo lancio possiamo ora offrire metriche più granulari e nuovi modi di raggiungere la giusta audience, e continueremo a fare sempre di più».

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.