Main partner:

Jobs

Programmatic più trasparente, il progetto di MediaMath insieme a Rubicon Project

Una supply chain che funzioni meglio a beneficio dell’intero mercato. Con questo obiettivo, MediaMath ha siglato un accordo con Rubicon Project, che vedrà le due società impegnate nella realizzazione di un’infrastruttura di erogazione di pubblicità in programmatic diretta e trasparente. Tra i partecipanti al progetto, attualmente in fase beta, c’è anche Havas.

«L’attuale catena del valore media danneggia inserzionisti, editori e consumatori – spiega Joe Zawadzki, Founder & CEO di MediaMath -. Stiamo compiendo i primi passi per produrre un cambiamento necessario, attraverso un accordo con Rubicon Project e Havas. Un’ecosistema più affidabile e addressable, con i giusti valori e proposizioni, verrà solo dal lavoro congiunto di un’alleanza unita e motivata di aziende e agenzie di punta, insieme ai giusti editori e società tecnologiche».

MediaMath si è alleata con Rubicon Project con l’intenzione di creare una supply chain più trasparente attraverso un’alleanza di agenzie, brand, società tecnologiche e publisher capace di offrire soluzioni sostenibili a lungo termine tra cui trasparenza sulle fee end-to-end, connessioni dirette tra compratori e venditori e la disponibilità di inventory visibili, libere da frodi e sicure per i brand.

«Lavorando insieme – commenta Michael Barrett, CEO di Rubicon Project -, ci auguriamo di capeggiare il mercato nella rimozione di cattivi attori ed etichette negative, attraverso una supply chain ottimizzata e addressable. Modernizzare il modus operandi della catena del valore avrà un impatto benefico sull’intero ecosistema».

«Havas è entusiasta di essere parte di questo movimento che apre la strada a un’offerta pulita e di alta qualità, e crea soluzioni da cui potranno trarre vantaggio tutti gli attori del mercato», aggiunge Andrew Goode, Executive Vice President, Head of Programmatic, Havas Media Group.

Brand, band e big data: Havas e Universal Music danno vita alla Music Data Alliance

Brand e band da oggi sono più vicini: Havas Group e Universal Music Group hanno infatti siglato una partnership per la creazione della Global Music Data Alliance (GMDA), grazie alla quale Havas potrà aggregare e analizzare in modo contestualizzato i miliardi di dati di proprietà di UMG, generati attraverso download musicali, acquisto di biglietti e di merchandising, streaming e social media.

La partnership è stata annunciata da Lucian Grainge, chairman e ceo di UMG, e Yannick Bolloré, chairman e ceo di Havas Group, in occasione del CES 2015, e ufficializzata con un comunicato ufficiale di Universal Music Group.

«La musica», ha osservato Bolloré, «trasmette emozioni, simboli culturali e valori come nessun’altra forma di espressione creativa». Il numero uno di Havas ha poi assicurato che la Global Music Data Alliance «consentirà ai nostri clienti e ad altre aziende di espandere ulteriormente la passione sulla musica che condivono con i fan e di creare esperienze più significative con loro».

Come parte del progetto, i dati proprietari di UMG riguardanti artisti e generi musicali saranno sovrapposti con i behavioral data di Havas per permettere una maggiore comprensione della correlazione esistente tra artisti, music fan e brand. Questi dati non includono solo quelli relativi alle vendite di brani e video e alla loro fruizione in streaming, ma anche quelli sui social media e sulla trasmissione in Airplay, così come quelli provenienti da Bravado, la divisione di merchandising di UMG, e quelli sulle vendite di biglietti provenienti invece dalla unit Vivendi Ticketing. Il risultato è una visione onnicomprensiva della musica e del suo consumo attraverso varie piattaforme.

Con GMDA, gli artisti potranno monetizzare le loro fan base in modo più efficace, comprendendone meglio le caratteristiche e individuando le specifiche offerte e prodotti che possono piacere di più. Gli inserzionisti, invece potranno identificare queli generi e specifici artisti piacciono ai loro consumatori così come le opportunità legate alla musica che possono attrarli.