Main partner:

Jobs

Hearst, un team misurerà l’efficacia data-driven degli spazi adv del gruppo

Oggi nella nostra rassegna parliamo dell’approccio data-driven di Hearst e Dentsu, e di una novità di YouTube.

Hearst lancia Hearst Data Studio: misurerà l’efficacia delle inventory del gruppo

Hearst è pronta a lanciare un nuovo team interno che si occuperà di fornire agli inserzionisti dell’editore informazioni su come il pubblico risponde ai loro annunci pubblicitari. Si chiamerà Hearst Data Studio e sarà composto da 20 persone tra research analyst, data scientist e specialisti del programmatic. Nel lungo periodo, il suo obiettivo sarà quello di trarre vantaggio dai dati di prima parte di Hearst così come da quelli di terze parti, per provare il valore delle inventory pubblicitarie delle property del gruppo. Leggi di più su Digiday.

Dentsu conferma il suo focus sul tema dati

Dentsu conferma la sua attenzione al tema dati per l’anno in corso. «Come gruppo rimaniamo focalizzati sull’innovazione per aiutare i nostri clienti a stare avanti nella competizione del mercato», ha dichiarato Toshihiro Yamamoto, president e CEO di Dentsu Inc in occasione dell’ufficializzazione del bilancio Q1 2018 della holding, aggiungendo: «In un mercato in rapida evoluzione, aiutiamo i nostri clienti a massimizzare il valore dei dati ed a trarre un vantaggio competitivo per i loro brand nel trasformare i dati sui consumatori in informazioni addressable, che insieme a contenuti dinamici possono migliorare l’engagement del pubblico». Il gruppo ha visto nel trimestre un aumento del 5,7% dei ricavi, con il digital a contribuire per il 23% al business di Dentsu e per il 61% a quello di Dentsu Aegis Network. Leggi di più su Campaign.

YouTube testa la modalità “incognito”

Google potrebbe presto lanciare la modalità “incognito” già esistente su Chrome anche su YouTube. Big G starebbe infatti testando la novità sull’app mobile della sua piattaforma video: alcuni utenti, infatti, avrebbero già cominciato a vedere la funzione all’interno della propria pagina “Account” del servizio. Una volta che l’utente entra in modalità “incognito”, l’app non potrà più tracciare i contenuti visualizzati sulla piattaforma per successive personalizzazioni. Leggi di più su Android Police.

Out of Home, la rivoluzione arriva dal Giappone: le insegne in strada fanno targeting

Cloudian, il fornitore di servizi per il deposito dati, ha annunciato il lancio di un progetto di pubblicità cartellonistica stradale mirata che utilizzerà i Big Data e l’apprendimento approfondito nella città, a Tokyo.

Insieme con Dentsu, Smart Insight Corporation e QCT Japan, e grazie al supporto di Intel Japan, l’iniziativa condurrà, nella sua prima fase, analisi di deep learning sugli schemi e sui volumi di traffico, ed effettuerà il riconoscimento automatico dei veicoli per elaborare annunci mirati tramite insegne digitali su strada.

Guidato da Cloudian, e utilizzando l’apprendimento approfondito e le funzionalità di deposito intelligente di HyperStore, il progetto si concentrerà sul riconoscimento del veicolo e sulla possibilità di presentare annunci rilevanti per modello e fabbricazione. La fase di prova terminerà, per poi avviare un utilizzo pratico, entro i prossimi sei-dodici mesi, le attività avranno inizio a Tokyo e si espanderanno poi nel resto del Giappone.

“Questo diventerà il primo sistema pubblicitario stradale attivato dall’apprendimento approfondito con targeting specifico per veicolo in tempo reale. Un grande risultato del progetto è dimostrare l’applicazione degli algoritmi che utilizzano i sofisticati meta dati di HyperStore al fine di attuare il riconoscimento e le classificazioni in tempo reale. Big data che altrimenti sarebbero rimasti stagnanti, possono essere automaticamente trasformati in dati intelligenti, possono essere fornite analisi altamente efficienti”, ha dichiarato Machel Tso, Ceo e Cofondatore Cloudian.

Cloudian ha avviato il progetto fornendo il software HyperStore, con un elevato volume di dati sulle auto, immagini e video sui modelli. Queste informazioni sono classificate utilizzando le funzionalità di immagazzinamento di dati intelligenti di HyperStore e saranno testate per identificare accuratamente le vetture sulle strade della capitale giapponese.

Come parte dell’esperimento, HyperStore registrerà anche dati in tempo reale relativi al volume di traffico nelle varie ore del giorno, i quali possono essere poi resi disponibili a istituzioni pubbliche come il Ministero della Terra, delle Infrastrutture e del Turismo, municipalità locali in Giappone e ad imprese affinché possano pianificare localmente le loro vendite.

“All’interno di un modo pubblicitario sempre più veloce, dove i consumatori si aspettano esperienze su misura e solo messaggi rilevanti, siamo entusiasti di lavorare con Cloudian e QCT guidare un approccio pubblicitario innovativo e altamente mirato”, ha detto Ichiro T. Jinnai, Director Out Of Home Media Service Division di Dentsu.

Obiettivo del progetto è applicare il riconoscimento automatico del veicolo per generare annunci display mirati basati sul modello; per esempio, un prodotto ecosostenibile potrebbe essere mostrato ai guidatori di veicoli ibridi o elettrici.

In questa fase dell’esperimento, saranno utilizzati grandi pannelli LED. A tutela della privacy dei consumatori, il sistema non rileva o immagazzina informazioni relative all’identificazione del veicolo, incluse le targhe.