Main partner:

Jobs

Post valutazione, misurazione cross-media e real time bidding le principali sfide per il digital advertising

Post valutazione, misurazione cross-media e real time bidding sono alcune delle principali sfide del mercato della pubblicità digitale a livello internazionale.

E’ emerso dall’incontro di Audiweb – Joint Industry Committe (JIC) per la rilevazione delle audience editoriali online – con i più importanti JIC europei. L’evento di due giorni, tenutosi a Milano è stato un momento di confronto sui principali temi legati alla misurazione dell’audience online, con la condivisione di best practice e soluzioni già disponibili e sperimentate a livello locale.

Belgio, Danimarca, Germania, Regno Unito, Norvegia, Polonia, Romania, Spagna, Svizzera e Ungheria, questi i rappresentanti dei JIC europei che si sono incontrati nella sede del JIC italiano, dando seguito al ciclo di incontri che da sei anni, ogni volta in un Paese diverso, alimenta la condivisione di know how tra i JIC e l’apertura verso nuovi approcci e soluzioni.

Le sfide del digital advertising

La discussione si è sviluppata individuando le principali sfide che il mercato digitale sottopone a livello cross-nazionale da cui sono emersi alcuni ambiti comuni che hanno incontrato il più largo consenso fra gli operatori europei partecipanti all’incontro: dal tema della “post valutazione”, ovvero come affiancare alla misurazione delle audience editoriali quella dei contenuti pubblicitari statici (banner e simili) e video (pre-mid-post roll); alla misurazione cross-media, ovvero come rispondere alla esigenza degli advertiser di disporre di dati di audience qualificati e su più mezzi (TV, digitale, stampa, radio) per pianificare la pubblicità e per valutare l’effettivo raggiungimento dei target desiderati; chiudendo con il real time bidding, ovvero come produrre informazioni e dati di base che siano utili ad arricchire e qualificare i sistemi di pianificazione in programmatic.

La rilevazione delle audience

Nel corso delle due giornate di lavoro sono stati affrontati diversi temi legati alla rilevazione delle audience e illustrate le specifiche soluzioni individuate per rispondere alle principali sfide che il mercato digitale propone. In questo contesto, i JIC europei hanno riconosciuto l’unicità e il valore di alcune soluzioni adottate da Audiweb, sia in termini metodologici sia per la copertura garantita al mercato, la più ampia rispetto alle altre realtà europee, spiega Audiweb nel comunicato.

Tra le soluzioni metodologiche adottate, la scelta del panel di persone “on device metered” – dotate di software meter installato sui propri device – è stata indicata come indispensabile quale fonte di verità alla base dell’intero impianto di rilevazione e risolutiva rispetto ad alcune complessità derivanti da una rilevazione di matrice esclusivamente censuaria quali, ad esempio, la stima degli “utenti unici” (VS cookies) e la deduplica delle audience tra device.

Per quanto riguarda gli aspetti legati alla copertura dei fenomeni rappresentati, gli operatori degli altri Paesi europei hanno riconosciuto l’ampiezza e la rappresentatività del perimetro di Audiweb garantite, da un lato, dalla disponibilità di un database “respondent level”, consultabile tramite i tool di pianificazione, che oggi raggiunge la copertura più ampia rispetto alle altre realtà europee, grazie ai recenti accordi (diretti o via concessionaria) con oltre 150 realtà editoriali nazionali e internazionali e alla scelta di includere tutti i big player con audience complessiva pari o maggiore a 20 milioni di utenti unici mensili, fra cui gli OTT, dall’altro, dall’estensione del sistema di rilevazione che riesce ad attribuire agli editori rilevati le audience generate da contenuti statici e/o video, attraverso i principali device e le piattaforme disponibili, anche di terza parte.

Tra gli elementi riconosciuti quali differenzianti per il mercato sono stati indicati anche la rilevazione Video integrata – che rileva stream e utenti unici, coprendo le esigenze sia dei broadcaster tradizionali che degli editori nativi digitali – e la produzione di dati currency giornalieri e settimanali, che si è aggiunta ai tradizionali dati mensili.

Marco Muraglia, presidente di Audiweb, a margine dei lavori ha così commentato: “Audiweb attribuisce grande valore a queste occasioni di confronto che consentono di mettere sul tavolo, senza filtri, i punti di forza, le aree di miglioramento e le soluzioni a sfide comuni. Mi ritengo particolarmente soddisfatto dell’interesse e del riscontro che la nostra rilevazione Audiweb 2.0 ha ricevuto nel corso dei lavori. Anche dal confronto internazionale abbiamo avuto conferma di quanto – pur nelle naturali complessità – l’Italia disponga di un sistema di rilevazione delle audience editoriali all’avanguardia. Ma non ci accontentiamo: diversi sono i cantieri già aperti e il dibattito di questi giorni ha offerto preziosi spunti dei quali faremo tesoro”.

DotAndMedia lancia Dot&Insight, prima DMP con i dati Audiweb

DotAndMedia, technology provider italiano specializzato in tracciamento, erogazione e analisi della pubblicità online con clienti quali Mediamond, Veesible e Gold 5, lancia Dot&Insight, Data Management Platform (DMP) proprietaria di ultima generazione sviluppata in collaborazione con un Professore di Statistica del Dipartimento di Matematica dell’Università Statale di Milano.

Dot&Insight – prima DMP italiana a integrare i dati Audiweb – offre a concessionarie e network editoriali uno strumento fondamentale per valorizzare la propria inventory pubblicitaria attraverso la creazione di cluster di utenti modulabili in base a oltre 300 diversi parametri, grazie alla base dati più ricca ed eterogenea sul mercato italiano, che include, oltre ai già citati Audiweb, dati di semantica, First Party Data Survey proprietarie, Behavioural targeting, Affinità pubblicitaria, Intenzioni d’acquisto.

Grazie a Dot&Insight, network editoriali e concessionarie clienti di DotAndMedia possono ottimizzare la propria inventory pubblicitaria creando cluster di utenza definiti per genere, età, livello di istruzione, area geografica, professione, tipologia familiare, interessi e intenzioni di acquisto.

«In una fase in cui è forte la domanda di soluzioni tecnologiche in grado di generare un reale valore aggiunto partendo da dati eterogenei, Dot&Insight si distingue sul mercato italiano per la quantità e la qualità dei dati processati – dichiara Andrea Fiore, managing director di DotAndMedia -. Grazie alla DMP proprietaria, i nostri clienti potranno garantire agli inserzionisti un abbattimento sostanziale della dispersione pubblicitaria, valorizzando così maggiormente la propria audience».

Dot&Insight è frutto di un articolato lavoro di Ricerca e Sviluppo, condotto da un team dedicato coordinato da Mario Pedrazzini e che si è avvalso del fondamentale contributo del Professor Giacomo Aletti, docente di Probabilità Statistica e Matematica dell’Università Statale di Milano, che ha operato in qualità di Responsabile Scientifico.

«Con il lancio di Dot&Insight, DotAndMedia conferma, in un mercato sempre più affollato di player esteri, la propria vocazione alla qualità ed eccellenza italiana fatta di sviluppo di tecnologia digitale su misura del cliente», aggiunge Andrea Fiore.

Con Dot&Insight, DotAndMedia completa la propria offerta, già forte della piattaforma adserving multicanale Dot&Ads (web, video, mobile, smart tv) e del sistema gestionale Dot&Sales, destinati principalmente a società commerciali che operano sul mercato dei new media e dell’online advertising.

Audiweb, a luglio inizia la migrazione verso il mobile: cresce dell'8,7% il tempo speso su smartphone e tablet

A luglio il numero totale di italiani che si sono connessi a internet cala leggermente su giugno, ma aumenta significativamente il tempo speso dagli internauti su mobile. Lo rileva Audiweb, che conferma così come l’arrivo dell’estate favorisca la migrazione dal pc ai device da tempo libero.

Rispetto al mese precedente, in cui erano stati rilevati 28 milioni di internauti, il nastro di pianificazione Audiweb Database, che riporta i numeri dell’audience online sia da pc sia da mobile, ha registrato 27,8 milioni di utenti unici (dai 2 anni in su) che si sono collegati a internet almeno una volta, con una media di 44 ore e 26 minuti per persona. Nel giorno medio l’audience totale ha raggiunto i 20,1 milioni di utenti collegati per circa 2 ore.

Internet_audience_luglio

La mobile audience mensile è rappresentata da 17,8 milioni di utenti (18-74 anni, da smartphone e tablet), online in media per 43 ore per persona, con un dato non molto differente nel giorno medio15,5 milioni di utenti – che conferma ulteriormente l’uso sempre più abituale dei device mobili per accedere alla rete.

Il tempo totale speso online è generato per il 62,4% dalla fruizione di internet da device mobili e, più in dettaglio, oltre la metà (il 52% del tempo totale speso online) è generato dall’uso di applicazioni mobili. Rispetto al mese precedente, a luglio il tempo totale speso online in mobilità è aumentato dell’8,7% nel mese e del 5,2% nel giorno medio.

Oltre alle donne che, rispetto al mese precedente, hanno dedicato due ore in più alla fruizione di internet da mobile, sono in particolare i 35-54enni e gli over 55enni che, in questo primo mese estivo, trascorrono più tempo online da device mobili. I 35-54enni, infatti, passano da un consumo medio mensile di 36 ore e 47 minuti a persona di giugno a 41 ore e 22 minuti ad agosto, mentre gli over 55enni passano da un consumo medio di 28 ore e 48 minuti a persona a 32 ore ad agosto.

 

Le più lette

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial