Main partner:

Limitazioni sui cookie, Hagedorn (OMG): «Le DMP cominceranno a diventare inutili»

Tra difficoltà nelle misurazioni e nuovi limiti all’uso dei cookie sui browser, il mercato ad tech si trova a un punto di svolta. Ne parliamo nella nostra rassegna

di Alessandra La Rosa
08 maggio 2019
programmatic-620x413

Dalle visioni sul mercato programmatico di Omnicom Media Group e Deliveroo all’avanzata dei private marketplace, che l’anno prossimo raggiungeranno un importante traguardo: la nostra rassegna di oggi.

Limitazioni sui cookie, Hagedorn (OMG): «Le DMP cominceranno a diventare inutili»

Le nuove limitazioni sui cookie imposte dai principali browser potrebbero avere conseguenze importanti per i marketer, segnando l’improvvisa fine di uno strumento – il cookie di terza parte – ancora ampiamente utilizzato a fini di targeting. Secondo il CEO di Omnicom Media Group Scott Hagedorn, «le DMP cominceranno a diventare inutili», in quanto i cambiamenti annunciati da Apple e Google potrebbero arrivare a «spazzare via qualcosa come l’80% di tutti i cookie». Conseguenze pericolose soprattutto nell’era dell’in-housing: «I clienti sono stati convinti di poter fare le loro transazioni utilizzando DMP di terze parti […], ed ora improvvisamente questi investimenti diventano una completa perdita». La soluzione? Affidarsi ai dati proprietari e a strutture competenti. Leggi di più su Digiday.

Il top manager Deliveroo: «Il Programmatic è il canale a performance più sfidante per i brand»

Il Programmatic è il canale media a performance «più sfidante» per i brand. E’ quanto ha dichiarato, in occasione di un evento in UK, il Global Director of Performance Marketing di Deliveroo Adam Wilson. Secondo il manager, la difficoltà di misurare il programmatic continua ad essere un ostacolo per le aziende, e il tutto è peggiorato dai walled garden che Google e Facebook hanno costruito intorno ai dati sulle impression. «Vorremmo avere quei dati per prendere le nostre decisioni [media] – ha spiegato Wilson, aggiungendo che «il fatto che essi siano intrappolati in Google e Facebook rende il tutto molto complicato. E la stessa cosa vale sia per l’ambiente desktop che per quello mobile». Leggi di più su Campaign.

Programmatic: in USA nel 2020 la spesa su private marketplace supererà quella su open exchange

Nel 2020, per la prima volta, in USA la spesa pubblicitaria sui private marketplace supererà quella sulle piattaforme aperte. Secondo stime di eMarketer, gli investimenti su PMP hanno visto negli ultimi anni una rapida crescita, grazie a problematiche quali la qualità degli spazi e la brand safety, normalmente associati agli acquisti sul mercato aperto. Il prossimo anno gli americani arriveranno a spendere 13,09 miliardi di dollari sugli open exchange (quest’anno erano 12,22) e 13,74 sui private marketplace (nel 2019 11,56). Leggi di più su eMarketer.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.