Main partner:

Pubblicità su Facebook, le aziende dovranno avere il consenso degli utenti per usare i dati di CRM

Grazie a un nuovo tool, il social potrà verificare se le informazioni di prima parte usate dai brand per il targeting delle campagne sono state raccolte col permesso dei consumatori

di Alessandra La Rosa
03 aprile 2018
facebook-header-bidding

Continua in casa Facebook la messa a punto di una nuova, più stringente politica dati, dopo lo scandalo Cambridge Analytica e in vista dell’imminente definitiva entrata in vigore della GDPR.

Dopo aver lanciato nuovi strumenti per il controllo della privacy e annunciato che non utilizzerà più dati provenienti da fornitori terzi per il targeting delle sue campagne, Facebook adesso avrebbe confermato di stare lavorando ad uno strumento capace di verificare se i suoi inserzionisti hanno ricevuto il consenso degli utenti per l’utilizzo dei loro indirizzi email ai fini della creazione delle Custom Audiences.

Le Custom Audiences sono una soluzione del social che rende possibile la creazione di segmenti di pubblico incrociando i dati di Facebook con informazioni di prima parte delle aziende, come liste di indirizzi email, numeri di telefono e altro. Questi segmenti vengono poi utilizzati dai brand per acquistare spazi targettizzati sul social e sulle sue property.

Attualmente, ad aziende e agenzie non è richiesto di confermare che i loro dati di CRM siano stati raccolti con l’esplicito consenso degli utenti. A questi ultimi è comunque permesso di individuare quali brand utilizzano le loro informazioni per le Custom Audiences. Sull’app di Facebook, basta andare in “Impostazioni Account”, selezionare “Inserzioni” e poi “Inserzionisti con cui hai interagito”: da lì sarà poi possibile scegliere di nascondere le inserzioni di determinate aziende.

Il nuovo strumento è tuttora in fase di sviluppo, e non si sa ancora come funzionerà e se si tratterà di un tool di facile utilizzo. Facebook ha comunque confermato che il lancio avverrà a breve, e che nel frattempo la società sta valutando anche altri modi di proteggere le informazioni sugli utenti all’interno delle sue Custom Audiences.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette