Main partner:

YouTube, pubblicità solo sui canali con più di 10 mila visualizzazioni

Una novità grazie alla quale la piattaforma potrà meglio determinare la validità di un canale e confermare se esso sta seguendo le linee guida della community e le sue politiche pubblicitarie

di Alessandra La Rosa
07 aprile 2017
youtube-brand-safety

YouTube mette a punto nuove misure per i suoi contenuti pubblicitari.

Con l’obiettivo di evitare che le campagne dei grandi brand appaiano accanto a contenuti “sensibili”, YouTube ha annunciato che limiterà la presenza di pubblicità ai soli canali dello YouTube Partner Program che hanno più di 10 mila visualizzazioni totali tra tutti i video postati. Secondo quanto Google stessa ha riferito al Wall Street Journal, la misura è stata in fase di sviluppo dallo scorso novembre, e il suo primo obiettivo è quello di evitare che canali che rubano contenuti da altre fonti possano trarre ricavi attraverso la piattaforma. Ma il riferimento alle recenti questioni sulla brand safety di YouTube non può non balzare all’attenzione.

Prima di questa novità, le modalità di inserimento di pubblicità nei video erano abbastanza semplici: i proprietari del canale dovevano semplicemente fare domanda per ospitare annunci accanto ai loro video, e le possibilità che la richesta non fosse accettata erano molto basse. A quel punto, il posizionamento di una determinata pubblicità accanto a un contenuto era stabilita da un algoritmo, con un controllo caso per caso molto limitato. Da qui i recenti problemi emersi sulla brand safety della piattaforma.

Porre un limite di 10 mila visualizzazioni costituisce già una certa scrematura di contenuti “sensibili”: “Questi nuovi riferimenti ci forniscono abbastanza informazioni per determinare la validità di un canale – scrive Ariel Bardin, VP of Product Management, in un blog post ufficiale -. Ci consentono inoltre di confermare se un canale sta seguendo le nostre linee guida della community e politiche pubblicitarie“.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette