Main partner:

Jobs

La soluzione di IAS per la brand safety su YouTube è ora disponibile per tutti gli inserzionisti

Lo scorso anno, Integral Ad Science (IAS) e YouTube hanno stretto una partnership finalizzata a rispondere alla necessità di misurazioni esterne della brand safety sulla piattaforma video di Google. Dopo oltre un anno di test condotti in sette Paesi, con oltre 50 inserzionisti, la soluzione sviluppata da IAS esce dalla fase “beta” e diventa disponibile per tutti gli inserzionisti.

C’è dunque un’importante novità di prodotto per IAS, che solo pochi giorni fa ha ufficializzato la nomina del nuovo Ceo, la ex Yahoo Lisa Utzschneider.

La soluzione per la brand safety di IAS coniuga il machine learning e la revisione umana al fine di ricalibrare continuamente i modelli, piuttosto che basarsi esclusivamente su un algoritmo statico. L’utilizzo di questa tecnica consente a IAS di informare gli inserzionisti e YouTube di contenuti poco appropriati, offrendo la possibilità di smettere di monetizzare i contenuti e di ricalibrare al meglio le campagne per ridurre i rischi.

“Universal McCann e i nostri clienti hanno partecipato alla beta del programma di IAS per la brand safety su YouTube. Siamo entusiasti che la verifica della brand safety da parte di compagnie esterne sia ora disponibile per offrire a tutti gli inserzionisti un ulteriore livello di protezione su YouTube”, ha dichiarato Joshua Lowcock, Global Brand Safety Officer e EVP/US Chief Digital and Innovation Officer di UM.

Il programma di beta condoto da IAS e YouTube ha monitorato centinaia di campagne condotte in sette Paesi. Brand globali come Diageo, Bayer Health e Verizon hanno usufruito dei report di IAS allo scopo di adeguare la loro strategia di brand safety e ottenere risultati migliori nel posizionamento dei loro annunci su YouTube.

“Tutte le parti interessate del nostro settore devono lavorare sinergicamente per trovare una soluzione alle criticità della brand safety”, ha dichiarato Nick Morley, Managing Director EMEA di IAS. “La beta ha avuto grande successo, perché YouTube, IAS e i brand di rilievo coinvolti hanno instaurato un dialogo costruttivo al fine di creare una soluzione congiunta. Lavorando sinergicamente abbiamo creato un’offerta di brand safety di cui gli inserzionisti possano fidarsi per proteggere i loro investimenti YouTube“.

Ora che l’integrazione è disponibile per tutti i clienti di IAS, i modelli di machine learning sviluppati, assicura IAS, continueranno a essere perfezionati. Con l’assimilazione di una quantità sempre maggiore di dati, “arricchiti” dal feedback umano, i modelli IAS analizzeranno nuovi contenuti e impareranno a identificare video, ritenuti non sicuri, permettendo ai brand di poter prendere decisioni quasi in tempo reale per le loro campagne.

Oracle lancia un nuovo strumento per inventory sicure, visibili e autentiche in pre-bid

Oracle unisce le tecnologie ottenute da due recenti acquisizioni, quella del player specializzato in brand safety Grapeshot ad aprile e quella della società di misurazioni Moat lo scorso anno, in un nuovo prodotto. Si chiama Pre-Bid by Moat ed analizza le inventory prima che siano messe all’asta sulle piattaforme programmatiche, per verificare che siano brand safe, viewable e libere da frodi.

La soluzione sarà disponibile all’interno del già esistente filtro di brand safety pre-bid di Grapeshot, e integrato con varie DSP come Adobe Advertising Cloud, Amobee, dataxu, MediaMath e The Trade Desk.

Già a partire dall’acquisizione delle due società, le soluzioni di verifica e controllo di Grapeshot e Moat sono state messe a disposizione degli utilizzatori di Oracle Data Cloud. Ma, stando a quanto dichiara l’Head of Product Mark Kopera, si tratta della prima volta che l’analisi delle inventory da parte di Moat per traffico invalido e viewability è reso disponibile prima che gli spazi vengano messi all’asta. Precedentemente, il servizio era disponibile nel momento del caricamento della pagina per acquisti non in programmatic (nel caso bloccando l’erogazione dell’annuncio), o – nel caso di ambienti programmatici – dopo l’acquisto.

Adesso, nel caso Moat o Grapeshot individuino dei problemi in pre-bid, l’asta non verrà condotta.

Pubblicità digitale, in aumento la viewability in Italia. I dati di IAS

Integral Ad Science (IAS) ha ufficializzato i dati del suo ultimo report sulla Media Quality per il mercato italiano.

Lo studio ha preso in considerazione oltre 500 miliardi di annunci pubblicitari di campagne nazionali ed internazionali, pubblicati tra il 1 gennaio e il 30 giugno 2018, rivelando che attualmente meno della metà degli annunci in formato Desktop Display soddisfa gli standard minimi di viewability (un annuncio viene considerato “in-view” se almeno il 50% dei pixel è visualizzato sullo schermo per almeno un secondo, nel caso di display su desktop o mobile, o se viene riprodotto mentre almeno il 50% dell’immagine è sullo schermo per un minimo di due secondi consecutivi nel caso di spot video). Il dato è comunque in aumento (+9,7%), essendo passato dal 43,2% nella seconda metà del 2017 al 47,4% nella prima parte del 2018.

Per la prima volta, il report ha evidenziato anche i livelli di viewability nei formati video e mobile. La viewability per gli annunci video su desktop raggiunge il 68,8% e il 77,9% per dispositivi mobile web. D’altra parte, solo il 46,9% degli annunci display sulle applicazioni mobili viene considerato “in-view”.

«Capire le differenze tra i dispositivi è essenziale per aiutare gli inserzionisti ad attrarre il loro pubblico – commenta Elisa Lupo, Director di IAS in Italia -. Questo report evidenzia un progresso significativo e positivo per il settore della pubblicità digitale, con una percentuale più elevata di annunci che superano gli standard di viewability».

Lo stato della Brand Safety

Anche i livelli di Brand Safety sono migliorati nella prima metà del 2018. Il numero di annunci pubblicati su pagine che potrebbero danneggiare l’immagine e la reputazione dei brand è infatti diminuito del 35% (dal 4,3% nel 2017 al 2,8% quest’anno).

Il report mostra anche una riduzione del fenomeno dell’Ad Fraud in Italia del 12,3% – dal 0,9% alla fine del 2017 fino al 0,8% all’inizio del 2018. Questi dati sono rappresentativi per le campagne ottimizzate contro le frodi (campagne che impiegano tecnologie o strategie di prevenzione delle frodi pubblicitarie).

«Guardando al futuro – aggiunge Elisa Lupo -, dobbiamo essere più consapevoli di non concentrarci su un solo fattore della Media Quality. Dobbiamo avere una visione più olistica dei media e dell’impatto che hanno».

La ricerca è scaricabile qui.

IAS lancia una soluzione che protegge la spesa pubblicitaria video delle aziende

Integral Ad Science (IAS) lancia una nuova soluzione volta a proteggere la spesa pubblicitaria video delle aziende.

Si tratta di un nuovo tag, costruito all’interno della tecnologia di bloccaggio della società per desktop e mobile web, e dedicato precisamente agli spot pubblicitari. Indipendentemente dall’ad server utilizzato, la soluzione consente di bloccare l’erogazione degli annunci laddove viene riconosciuto che lo spazio che la ospiterà non è brand-safe, o è fraudolento. In questo modo, consente alle aziende di evitare sprechi di investimenti pubblicitari, dal momento che i brand non sono tenuti a pagare l’ad server o l’editore se l’impression non viene erogata.

Un recente report di IAS sulla qualità dei media ha svelato che aziende e agenzie che hanno lavorato in maniera proattiva per proteggere le loro campagne video dalle frodi hanno registrato una riduzione del 5,5% degli sprechi di investimenti, a confronto con chi non ha utilizzato alcuna tecnologia di prevenzione.

E l’esigenza di protezione per gli inserzionisti è tanto maggiore quanto sono cospicui e in continua crescita gli investimenti in pubblicità video: secondo uno studio di WARC, quest’anno le aziende hanno speso in video adv circa 30 miliardi di dollari.

«Dal momento che i brand stanno sempre più puntando sul video, essi hanno bisogno di una soluzione completa che li possa proteggere a livello globale nei vari canali e formati che utilizzano – commenta David Hahn, Chief Strategy Officer di IAS -. La nostra missione in IAS è di proteggere i clienti ovunque, ed avere una sofisticata soluzione di bloccaggio per l’ambiente video è fondamentale a questo scopo».

La nuova soluzione di IAS è attualmente disponibile per tutti i clienti della società.

Ligatus, inventory libere da frodi grazie alla collaborazione con Forensiq by Impact

Ligatus, operatore specializzato in soluzioni di Native Advertising per editori e inserzionisti, ha annunciato una nuova integrazione con Forensiq by Impact, società attiva nel rilevamento delle frodi pubblicitarie. Un accordo, quello tra i due player, volto ad offrire agli inserzionisti di Ligatus un’ulteriore garanzia di inventory prive di frodi e brand-safe.

“Con una ad fraud giunta al punto più alto mai raggiunto finora, la fiducia tra chi acquista e chi vende viene messa alla prova, e in tutti i mercati EMEA è elevata la pressione affinché venga erogata una percentuale ridotta di traffico fraudolento. Per raggiungere l’obiettivo di meno dell’1,50% di frodi nella propria inventory, e per erogare solo traffico di qualità, Ligatus ha iniziato a collaborare con Forensiq nel febbraio di quest’anno”, si legge nella nota con cui la società – che nei risultati del secondo trimestre ha intanto evidenziato una crescita del 51% del fatturato lordo – annuncia la nuova collaborazione.

L’integrazione consentirà a Ligatus di combattere ancor meglio il traffico fraudolento sui vari device, utilizzando le molteplici soluzioni di Forensiq per tracciare le minacce in tempo reale, oltre che tra i diversi tipi di media. Nel luglio 2018, Ligatus ha annunciato un totale di appena l’1,17% di traffico sospetto – al di sotto della media del 3% ritenuta da molte agenzie un livello accettabile di tolleranza dalle frodi.

Victor_Charpin_VP_Publishers_Development_Ligatus
Victor Charpin

«Grazie alla collaborazione con Forensiq, Ligatus ha mantenuto la propria promessa di fornire ad inserzionisti ed editori il mercato trasparente e sicuro che desiderano – afferma Victor Charpin, VP Publisher Development di Ligatus -. Siamo il fornitore leader di soluzioni di Native Advertising e vogliamo fornire prove di fatto di uno dei nostri valori chiave: la qualità. Vogliamo eliminare le sfide più critiche che gli editori si trovano ad affrontare e contribuire a creare un’esperienza pubblicitaria migliore per ogni soggetto coinvolto. Fornendo il software di rilevamento Forensiq all’interno della piattaforma SSP di Ligatus, tutti i partner possono evitare impression non autorizzate. Ancora più importante, facendo leva su Forensiq quale principale strumento di prevenzione dalle frodi, stiamo facendo la nostra parte nella lotta contro le frodi pubblicitarie e, al contempo, stiamo rafforzando la credibilità stessa dei nostri clienti».

Florian_Gramshammer_MD_Forensiq_by_Impact
Florian Gramshammer

«Il traffico non-umano è causa di grave preoccupazione per il settore. In definitiva, se un annuncio non raggiunge una persona reale, allora c’è valore zero per quell’investimento marketing. Forensiq collabora con partner come Ligatus per ridurre drasticamente le frodi sulle loro piattaforme e siamo molto lieti dei risultati già ottenuti», aggiunge l’amministratore delegato di Impact EMEA, Florian Gramshammer.

L’audio digitale è un ambiente sicuro per gli inserzionisti

Un nuovo rapporto pubblicato dall’Interactive Advertising Bureau rivela che l’audio digitale costituisce un ambiente pubblicitario sicuro per i marchi.

La ricerca, il cui oggetto sono stati nello specifico formati come podcast e musica in streaming, afferma che l’audio digitale ha molto da offrire ai marketer in cerca di un maggiore livello di controllo sui loro messaggi.

È emerso inoltre che gli ascoltatori di audio digitale tendono ad essere particolarmente interessati al contenuto, con una fruizione che avviene principalmente durante gli spostamenti su mezzi di trasporto o in palestra. Il consumo avviene spesso attraverso applicazioni, dove gli annunci non sono saltati.

Secondo il rapporto, molti formati e operatori del comparto sono in grado di fornire un ambiente dove marchi e agenzia siano certi della qualità e della sicurezza dei contenuti associati ai loro annunci.

“Un importate elemento per gli inserzionisti, nell’ambito della brand safety, è assicurarsi che la pubblicità non sarà ascoltata in un contesto che possa danneggiare la reputazione del marchio”, ha scritto in un articolo a corredo della ricerca Jennifer Lane, Audio Industry Lead di IAB.

Nel caso dei servizi di streaming musicale, come Pandora e la versione gratuita di Spotify, gli annunci possono essere inseriti in maniera dinamica, permettendo agli inserzionisti di scegliere canali, playlist, generi o artisti che siano appropriati per i loro marchi. IAB stima che la percentuale di marketer che acquisterà annunci su radio e audio digitale crescerà di quasi tre volte nel prossimo anno.

Per quanto riguarda i podcast e i programmi di genere talk, l’opportunità maggiore è l’integrazione dell’annuncio. La pubblicità è integrata nella trasmissione e alle volte letta dagli stessi presentatori o dalle personalità partecipanti. Questi annunci non vengono quasi mai saltati in quanto sfruttano il vantaggio della relazione unica tra ascoltatore e il programma.

“Ciò crea un’esperienza di ascolto forte in termini di udibilità e permette all’inserzionisti di lavorare più da vicino con un editore, il produttore di un programma o anche il presentatore per garantire la giusta sicurezza per il marchio”, conclude il rapporto di IAB.

Il 38% delle aziende ammette di aver pubblicato annunci su siti non sicuri

Cambiano le priorità dei marketer, che sempre più considerano brand safety e sicurezza prioritarie per il loro business. E’ quanto rivela una nuova ricerca di Sizmek, secondo cui il 39% dei marketer non dispone di soluzioni di sicurezza di terze parti e quasi il 90% prevede di aumentare gli sforzi in questo ambito nei prossimi 12 mesi.

La ricerca di Sizmek ha messo in evidenza il livello di preoccupazione dei marketer riguardo alla sicurezza, visto che ben il 38% ha ammesso di aver pubblicato un annuncio pubblicitario su una pagina web dannosa o insicura. Lo studio, che è stato svolto intervistando oltre 500 marketer di brand in Europa e negli Stati Uniti, ha anche mostrato che solo il 61% di essi ha attualmente una soluzione di sicurezza di terze parti o un partner di sicurezza per la propria campagna digitale.

Tre, in particolare, le barriere alla brand safety. Innanzitutto, trovare la giusta soluzione: i marketer sono impegnati a capire come garantire in modo efficace la brand safety, il 64% afferma che non sia semplice implementare una soluzione efficace di sicurezza e il 57% sostiene che la propria soluzione attuale sia troppo costosa.

Inoltre, l’impatto sulle performance. Il 64% degli intervistati ha dichiarato che garantire la sicurezza del marchio nelle campagne ha un impatto negativo sulle prestazioni di tali contenuti, e il 71% ha difficoltà a raggiungere l’obiettivo fornendo il giusto contenuto al giusto pubblico.

Infine, le conseguenze della normativa sulla privacy dei consumatori. Il 77% degli operatori di mercato prevede che le normative sui dati, come la GDPR europea, renderà sempre più difficile raggiungere il pubblico utilizzando dati di terzi; ciò significa che un targeting contestuale avanzato diventerà essenziale per creare nuovi tipi di pubblico.

Allo stesso tempo, lo studio individua quelle che sono le nuove priorità per i marketer su questo tema.

Per prima cosa, l’individuazione dei giusti partner. Il 62% degli intervistati ammette che il panorama dei media digitali è diventato troppo complesso ed è, quindi, chiaro che gli operatori di marketing sono alla ricerca di relazioni più efficienti e trasparenti con i vendor ad tech. In particolare:

  • il 64% vede come una priorità ridurre il numero di fornitori nella propria supply chain
  • il 76% vuole dare la priorità ad avere maggiore trasparenza nella digital display inventory
  • il 63% concorda nel dire che i “walled garden” non offrono sufficiente trasparenza nelle inventory

Secondariamente, assumersi le proprie responsabilità. Quando si vuole definire chi sia responsabile della brand safety, il 38% dei marketer afferma che lo è il brand stesso, mentre solo il 24% sostiene che riguardi anche i fornitori di DSP e altri fornitori ad tech.

Infine, investire nella brand safety. L’80% dei marketer afferma che raggiungere sia l’audience che il target contestuale su scala è o critico o una priorità per il prossimo anno. Tra questi marketer, il 78% prevede di migliorare le proprie capacità di targeting contestuale nello stesso periodo.

«L’ecosistema dei media digitali è complesso e frammentato, quindi non sorprende che gli esperti di marketing stiano dando priorità all’efficienza e alla trasparenza dei propri partner – ha dichiarato Enrico Quaroni, Managing Director Italy di Sizmek -. Questi risultati del sondaggio confermano ciò che abbiamo sentito dai nostri clienti riguardo alla semplificazione della supply chain e alle sfide che devono affrontare per la sicurezza del marchio e un panorama di fornitori sempre più complicato. I risultati rafforzano anche la nostra strategia di piena trasparenza e controllo; diamo ai marketer una chiara visione del processo di acquisto dei media e degli strumenti per agire».

Questa nuova ricerca di Sizmek è la prima di una serie di tre rapporti incentrati sulle sfide che i marketer si trovano ad affrontare nell’attuale panorama digitale.

Brand care, da Adform e ADmantX un nuovo approccio alla brand safety

Quello della brand safety, oggi, è un tema che sta impegnando particolarmente gli operatori dell’industry digitale.

Per iniziare un percorso consapevole sulle misure da attuare per una corretta strategia di brand safety, ADmantX, azienda specializzata in contextual targeting e brand safety avanzati e in soluzioni di first-party profiling, e Adform, piattaforma ad-tech full stack indipendente e aperta, hanno organizzato la scorsa settimana un incontro rivolto ad agenzie e centri media per approfondire il tema e individuare alcune soluzioni utili per adempiere alle attività quotidiane di pianificazione.

Nel corso dell’evento, i partecipanti hanno posto l’accento sulla mancanza di una definizione comune e univoca di brand safety, e chiesto risposte su come identificare il corretto livello di brand safety nelle strategie di pianificazione dei loro clienti. Da qui sono stati identificati diversi elementi che concorrono a costruire una strategia di cura del brand: l’attribuzione delle responsabilità tra editori e buyer, l’importanza e il valore che l’azienda attribuisce alla protezione del brand e il livello di equilibrio tra delivery e sicurezza. In particolare, però, è l’identificazione del livello di brand safety che gioca un ruolo importante nella strategia.

A tal proposito, ADmantX individua un primo livello che fa leva sull’uso di whitelist o blacklist che portano all’esclusione di domini pericolosi a beneficio dell’inclusione di domini sicuri, e un secondo livello dove si vanno a creare categorie pressoché universali e condivise di tematiche inappropriate (violenza, pornografia, linguaggio violento etc.) da escludere a livello di pagina web. Ma è l’applicazione del terzo livello che permette un approccio più preciso e senza sprechi al brand safety perché permette di lavorare con settori verticali o “custom brand safety segments”.

Il terzo livello è sinonimo di una ben precisa presa di coscienza del tema brand safety che porta le aziende ad affrontare il problema con una visione più precisa e maggiore consapevolezza. Un metodo più analitico che apre le porte al concetto di “brand care” che va oltre l’aspetto di protezione base per diventare cura a 360 gradi del marchio nel contesto della sua comunicazione digitale.

L’analisi ha preso in esame anche il tema delle fake news, fattore non più trascurabile nelle pianificazioni digitali. Riguardo a questo, ADmantX ha messo a punto una soluzione che combina un filtro semantico che analizza oltre 1200 web site, individua pagine e siti in cui prevalgono hate speech, razzismo e discriminazioni, e li esclude da ogni possibile pianificazione. Un insieme di intelligence on text e di inventory management per una protezione completa contro questo fenomeno.

«Adform, grazie a una serie di algoritmi che rilevano ed escludono attività fraudolente delle nostre piattaforme, crea da sempre un ambiente pulito per garantire che gli annunci dei propri advertiser e brand raggiungano gli utenti in un environment sicuro. Anche negli acquisti RTB, le nostre piattaforme di DSP non effettuano alcun tipo di bid su URL ritenute non safe. Tuttavia, il contributo che un player come ADmantX può dare è fondamentale per essere allineati non solo con le esigenze di comunicazione e di pianificazione dei singoli brand, ma anche con la loro filosofia aziendale ed etica», afferma Valeria Mazzon, Country Manager Adform Italia.

«Oggi, la gestione del Brand Safety si sta sempre più spostando al “Brand Care”, dall’eliminazione di contenuti genericamente inappropriati all’eliminazione di contenuti dannosi per il brand – dichiara Giovanni Strocchi, CEO di ADmantX -. Offrire ai nostri clienti (agenzie) soluzioni avanzate di Brand Safety per la gestione del processo di protezione efficace del marchio è sempre stato uno dei nostri obiettivi principali. Solo la tecnologica Cognitiva Semantica di ADmantX permette la vera comprensione del contesto testuale ed emozionale di erogazione con la flessibilità e la precisione necessarie per lo scopo. Dalla nostra collaborazione con Adform, oltre 116 categorie di Brand Safety per tutti i settori verticali e i principali prodotti sono disponibili allo stesso prezzo della “protezione base” e, inoltre, categorie di “Brand Care” speciali possono essere create per il giorno successivo».

Qualità delle inventory: i trend a livello globale in uno studio di DoubleVerify

La qualità delle inventory è ancora in cima ai pensieri di chi acquista pubblicità online, e non a caso. Una nuova ricerca di DoubleVerify, fornitore indipendente di soluzioni per la misurazione dei media digitali, ha svelato che nel 2017 il numero di violazioni della brand safety è aumentato del 25%, trainato da un aumento della diffusione di fake news e contenuti non verificati, e che insieme ad esso sono aumentati anche i casi di frodi su device mobili (+800%) sulla base dell’aumento degli investimenti in pubblicità su smartphone e tablet.

Uno scenario davanti al quale, secondo il CEO della società Wayne Gattinella, è necessario un approccio olistico alla qualità degli spazi media: «Con queste quote più alte che mai, è fondamentale che i marketer digitali di tutto il mondo adottino un approccio olistico alla brand safety, alle frodi pubblicitarie digitali e alla viewability. Gli inserzionisti chiedono chiarezza e affidabilità rispetto alla qualità delle piattaforme online e ai contenuti a cui i loro brand vengono associati».

Ecco qualche evidenza dello studio:

  • La qualità dei media continua ad essere tra i principali elementi capaci di influenzare le performance digitali oggi. Gli inserzionisti sono sempre più alla ricerca di modi per autentificare in maniera indipendente la qualità dei loro investimenti digitali.
  • La diffusione di fake news, violenza e contenuti incitanti l’odio ha riportato in auge il problema della brand safety. Un tema che si sta evolvendo, con le richieste degli inserzionisti di una sempre maggiore trasparenza per assicurare che i loro brand siano inseriti in posizionamenti appropriati e “autentici”: le aziende, infatti, si stanno muovendo concretamente per modificare le loro strategie di brand safety globali al fine di evitare contenuti violenti, sensibili o non verificati.
  • Le frodi sono diventate un fenomeno “mobile”. Se su desktop il fenomeno è diventato più gestibile, la diffusione di inventory “fake” si sta diffondendo rapidamente su smartphone e tablet, con la nascita di tecniche come falsificazione di app, annunci nascosti e dispositivi manipolati.
  • La viewability continua a crescere a livello globale, anche se il suo valore è ancora basso rispetto alle aspettative delle aziende: sono visibili il 56% delle impression display e il 63% di quelle video, contro un obiettivo fissato da IAB al 70%. D’altra parte, significativi progressi sono stati compiuti per espandere le misurazioni effettuate da società terze su social, ambienti in-app e piattaforme OTT e Connected TV.
DoubleVerify-Global-Insights-Report
Credits: PRNewsfoto/DoubleVerify

Brand safety: per 7 aziende su 10, DSP e ad exchange si stanno muovendo in modo adeguato

Il tema della brand safety ha visto un boom lo scorso anno, dopo il caso di una serie di grandi brand che si sono inconsapevolmente visti posizionare i loro spot accanto a contenuti “sensibili” su YouTube. Da allora il tema è stato per diverso tempo al centro dei dibattiti del mercato.

Adesso, a più di un anno di distanza da quell’avvenimento, la questione brand safety è ancora nei pensieri (e nelle preoccupazioni) delle aziende? Secondo quanto rivela una ricerca internazionale, sì.

Lo studio, commissionato da Oath alla società di ricerche Advertiser Perceptions e condotto ad aprile, ha rivelato che ben il 99% dei marketer coinvolti ha espresso ancora preoccupazione sul tema della sicurezza dei brand. Il 55%, addirittura, è più preoccupato adesso che nel 2017.

Quanto alle mosse prese dalle grandi piattaforme come YouTube e Facebook per arginare il problema, le aziende hanno opinioni contrastanti. Pochissimo più della metà (51%) ha detto di essere soddisfatto delle iniziative messe a punto da social network come Facebook, mentre il 45% ha dichiarato che hanno fatto troppo poco per venire incontro alle esigenze dei brand. La situazione non cambia molto nel caso dei siti di user-generated content come YouTube: secondo il 54% dei rispondenti la piattaforma è riuscita a rispondere bene alle preoccupazioni delle aziende, mentre il 42% ha affermato che non ha fatto abbastanza.

Chi ne esce meglio da questa situazione sono però, in assoluto, le piattaforme ad tech: il 70% ha dichiarato che DSP e ad exchange si sono mosse adeguatamente sul tema. Sul fronte programmatico, in particolare, sono stati due gli approcci più seguiti dalle aziende: la metà ha fatto pressione sui propri partner tecnologici perché garantissero loro posizionamenti “sicuri”, e il 45% ha spostato i propri investimenti pubblicitari su editori premium con una buona reputazione e un alto livello di controllo dei contenuti.

Circa la metà dei manager coinvolti, inoltre, ha dichiarato che implementerà tecnologie terze per segnalare problemi relativi alla brand safety, mentre un numero lievemente più basso conta di utilizzare blacklist o whitelist con i propri partner programmatici.