Main partner:

Perché negli anni le agenzie hanno ridotto il numero di DSP con cui lavorano?

Ne parliamo nella nostra rassegna, insieme alla presenza (in calo) delle società ad tech a Cannes e al significato per le aziende dell’accordo tra Salesforce e Google Analytics 360

di Alessandra La Rosa
20 giugno 2018
DSP-Programmatic

Oggi nella nostra rassegna parliamo di DSP, Cannes e della partnership tra Salesforce e Google Analytics 360.

Perché negli anni le agenzie hanno ridotto il numero di DSP con cui lavorano?

Con l’acquisizione di sempre più competenze in ambito programmatico, le agenzie media col tempo hanno progressivamente ridotto il numero di DSP con cui lavorano. Secondo una recente ricerca, la quantità di piattaforme di acquisto con cui un’agenzia lavora si è ridotto del 40% nel corso degli scorsi due anni. Ma quali sono effettivamente i motivi, al di là dell’internalizzazione di certe competenze? Sicuramente un consolidamento del mercato, ma anche il bisogno di una maggiore efficienza, sia a livello di processi che di costi. Leggi di più su AdExchanger.

A Cannes quest’anno meno società ad tech

Nel mercato programmatico si parla da tempo di un progressivo consolidamento degli operatori. E questo concetto sembrerebbe aver trovato conferma quest’anno al Festival della Creatività Internazionale di Cannes. Rispetto all’anno scorso, quando una ventina di società ad tech dominavano il porto del festival, quest’anno il gruppo si è ridotto a quasi la metà di tutti i 18 yacht ormeggiati. In compenso, si sono aggiunte alla flotta le società di consulenza: Accenture, che proprio ultimamente ha lanciato il suo nuovo braccio programmatico, e PwC. Tra i temi più ricorrenti a bordo, il GDPR, da meno di un mese definitivamente entrato in vigore. Leggi di più su Digiday.

Cosa significa per le aziende l’accordo tra Salesforce e Google Analytics 360

Negli scorsi giorni Salesforce ha annunciato una partnership con Google, grazie alla quale le aziende potranno attivare dati dal software Analytics 360 attraverso la Salesforce Marketing Cloud. Ma cosa significa effettivamente questo per i marketer? Salesforce precedentemente non aveva un’offerta di web analytics, dunque ha optato per una “fornitura” esterna, appunto con Big G e il suo software Analytics 360. Adesso per esempio, un’azienda di beni di consumo potrà visualizzare sulla dashboard Marketing Cloud delle metriche importate da Analytics 360, creare delle audience aggregate e anonime, per esempio, di tutti gli utenti che hanno visualizzato spesso un prodotto ma non lo hanno acquistato, e attivarle con campagne di retargeting tramite la Marketing Cloud in pochi click. Leggi di più su AdAge.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.