Main partner:

Imille al Programmatic Day, Pascolo: «Una realtà virtuale al servizio dei dati è possibile»

Il Ceo e Co-fondatore dell’agenzia, Paolo Pascolo, ha parlato delle nuove frontiere di applicazione di queste tecnologie, oltre la semplice dimensione ludica

Cosimo Vestito
18 aprile 2017
pascolo-imille-programmatic day

Non solo intrattenimento. Secondo Paolo Pascolo, Ceo e Co-fondatore de Imille, gli strumenti per la realtà virtuale possono trovare applicazione anche in ambito dati. Questo perché tali tecnologie, attraverso il tracciamento dei movimenti della testa e degli occhi, sono in grado di trasmettere informazioni più dettagliate rispetto ad altri mezzi di comunicazione.

In quest’ambito, la cosiddetta mixed reality rappresenta una delle frontiere più interessanti e, secondo quanto affermato da Pascolo nell’intervista rilasciata nel corso del Programmatic Day, presto offrirà nuove opportunità non solo ai consumatori ma anche ai marchi. La realtà virtuale è stata oggetto di una tavola rotonda nella Sala Blu del Multisala Orfeo, intitolata “VR: hype tecnologico o nuova via per brand experience innovative?”, a cui ha partecipato lo stesso Ceo dell’agenzia pubblicitaria.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette