Main partner:

Il mercato della pubblicità digitale e il trend del cross device

L’engagement e la conversione possono avvenire su dispositivi diversi tra loro. Ecco perchè un aspetto fondamentale dell’ottimizzazione di una campagna è riuscire a risalire al percorso che compie l’utente attraverso i vari canali digitali

di Enrico Quaroni, Rocket Fuel
24 maggio 2016
black-friday-rocket-fuel-enrico-quaroni

I cambiamenti dell’advertising digitale negli ultimi anni sono stati a dir poco sorprendenti: oggi, per la pianificazione delle campagne pubblicitarie, la tecnologia offre nuovi strumenti per rendere più efficiente sia la fase di media planning sia quella dell’accesso al target e dell’acquisto delle impression.

In Italia, nel 2015, in particolare il programmatic ha raggiunto risultati record: dopo la crescita del 120% messa a segno nel 2014, lo scorso anno il mercato della pubblicità automatizzata in Italia ha registrato un ulteriore +113%, giungendo ad una quota di 234 milioni di euro (Fonte: Osservatorio Internet Media della School of Management del Politecnico di Milano). Nel 2016, a trainare la crescita della spesa sarà il mobile, anche perché al giorno d’oggi l’utente medio usa più di 3 dispositivi e il tempo che trascorre sui dispositivi mobile è superiore a quello che passa sui dispositivi fissi (Fonte: eMarketer Google e Rocket Fuel Data Warehouse).

Alla base del programmatic ci sono i dati e più i dati sono precisi, maggiore è la possibilità di ottimizzare le campagne. Un aspetto fondamentale è riuscire a risalire al percorso che compie l’utente attraverso i vari dispositivi digitali che utilizza e, infatti, una delle tendenze del 2016 è sicuramente l’ottimizzazione del cross device, tema in cui si inserisce Rocket Fuel con la sua soluzione dedicata. Grazie a Rocket Fuel i marketer possono raggiungere un individuo nel momento di maggiore “influenzabilità”, sul dispositivo più appropriato e con il giusto messaggio per ottimizzare i risultati della loro campagna.

Le funzionalità cross-device permettono ai marketer di unificare una campagna ottimizzando i media sugli individui e sui loro momenti unici di influenza, sia che stiano utilizzando un computer che dei dispositivi mobile. Avere questa visione completa del percorso del consumatore dalla ricerca alla conversione consente ai marketer di ottimizzare le campagne.

Per vedere in che modo il comportamento delle persone e il tipo di contenuto visualizzato cambiano a seconda del dispositivo utilizzato, Rocket Fuel ha analizzato i propri dati riguardo a diversi settori raccolti in tutta Europa. Questa ricerca dimostra che l’engagement e la conversione possono avvenire su dispositivi diversi tra loro: gli italiani, per esempio, che utilizzano dispositivi mobile (come tablet e smartphone) per cercare informazioni turistiche sono leggermente di più (51%) di quelli che lo fanno da dispositivi fissi, ma quando si tratta di prenotare la percentuale scende drasticamente arrivando a 28% (16% da tablet e 12% da cellulare) rispetto a un 72% che lo fa sui desktop. rocket-fuel-cross-device

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.