Main partner:

IAB Tech Lab fornisce uno standard per la viewability della pubblicità in-app

Il nuovo aggiornamento al protocollo Mobile Rich Media Ad Interface Definitions stabilirà anche parametri più specifici su audio e tempi di caricamento delle creatività

di Cosimo Vestito
10 luglio 2017
iab-viewability-in app

Il Tech Lab di IAB ha pubblicato un importante aggiornamento alle sue Mobile Rich Media Ad Interface Definitions.

Lo standard permette ai creativi di progettare una singola tipologia di annuncio così che esso che possa essere erogato su molteplici applicazioni senza problemi tecnici. Prima della creazione del protocollo MRAID, gli annunci dovevano essere adattati ad ogni app di un editore.

Il nuovo aggiornamento, il terzo in ordine di tempo, fornirà insight più specifici su viewability, audio e tempi di caricamento delle inserzioni, fornendo anche un nuovo riferimento per il pulsante di chiusura delle inserzioni stesse. Fino ad oggi, l’Interactive Advertising Bureau non aveva fissato dei parametri per la viewability della pubblicità in-app.

Nel dettaglio, alcune indicazioni riguardo il volume degli annunci video e la percentuale di visualizzazione di una creatività sullo schermo.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.