Main partner:

Brandy 2017, Quantcast presenta i risultati della campagna MSC Cruises

È avvenuto nel corso della sessione “Brands & Engagement. Le regole di ingaggio emotivo”, in cui sono intervenuti Ilaria Zampori, General Manager della filiale locale della società ad-tech, e David Arcifa, Senior Digital Marketing Manager dell’azienda

di Cosimo Vestito
18 ottobre 2017
Quantcast-MSC Cruises-brandy 2017

Questa mattina, mercoledì 18 ottobre, si è alzato il sipario su Brandy 2017, l’evento dedicato alle strategie dei marchi. Tra i protagonisti anche Ilaria Zampori, General Manager di Quantcast Italia, che, insieme a David Arcifa, Senior Digital Marketing Manager di MSC Cruises, è stata tra gli speaker della sessione “Brands & Engagement. Le regole di ingaggio emotivo” per mostrare i risultati ottenuti con la più grande compagnia di crociere a capitale privato al mondo, grazie ad una strategia a performance studiata ad hoc per raggiungere i KPI definiti dall’azienda.

Quando MSC Cruises si è rivolta a Quantcast il suo obiettivo principale consisteva nell’aumento delle vendite dirette (e-commerce e contact center) con focus su Francia, Regno Unito e Italia, attraverso campagne display in programmatic.

La società ad-tech ha infatti agito su tre fronti: identify, target e learn. Nel primo ha definito l’audience di riferimento attraverso l’analisi di coloro che avevano già prenotato una crociera con MSC Cruises, i cosiddetti “converter”. Successivamente, attraverso il modello “Live Audience”, ha identificato utenti in-market per crociere e li ha raggiunti con annunci display. Ed infine ha fornito a MSC Cruises validi insight relativi alle audience per meglio comprendere i propri consumatori e influenzare altre iniziative di marketing.

Un approccio che ha permesso alla compagnia di crociere di ottimizzare il CPA del 87%, di aumentare i Roas vs Goals del 148% e di incrementare il traffico Paid&Organic del 167%.

Sfruttando le possibilità di branding offerte da Quantcast, MSC Cruises vuole lavorare al proprio target attuale e potenziale lungo tutto il funnel. I prossimi passi saranno quindi influenzare l’intent e la consideration utilizzando le capacità di targeting avanzate offerte da Search Powered Audiences, incrementare il target engagement grazie a formati ad alto impatto in grado di comunicare i valori del brand ed alimentare i prospect adottando modelli di attribuzione capaci di valorizzare e misurare le attività rivolte all’acquisizione di nuovi clienti.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette