Main partner:

Connexity acquisisce Hitwise per 47 milioni di dollari

La società, pioniera nell’analisi comportamentale online, processa oltre 7 miliardi di url nel giorno medio. Riccardo Porta: «Saremo così in grado di conoscere più a fondo il consumatore e di supportare meglio nelle decisioni i nostri clienti»

di Teresa Nappi
21 dicembre 2015
Riccardo-Porta

Dopo l’acquisizione di Become e di Pricegrabber, Connexity non si ferma e compra anche Hitwise, società pioniere nell’analisi comportamentale online (ricerche fatte, pagine viste, interazioni, punti di contatto, marche preferite, siti d’acquisto…) che, dal 1997, traccia gli interessi degli utenti della rete.

Un’operazione da 47 milioni di dollari grazie alla quale la company, che a seguito di un importante rebranding ha fatto della comparazione tra shopper online e della tecnologia pensata per guidare le scelte di marketing delle aziende, si rafforza ulteriormente nell’analisi delle audience.

In un giorno medio, Hitwise processa oltre 7 miliardi di url, costruendo delle audience rilevanti per chi investe, nel pieno rispetto della privacy (non si basa sui cookie).

Proviamo a scoprire di più su questa acquisizione e sui suoi risvolti nel nostro Paese con Riccardo Porta, General Manager di Connexity Italia.

Riccardo, con questa acquisizione che cosa cambia?

L’operazione “Hitwise” dà una direzione chiara e netta all’azienda. Connexity fino a qualche anno fa era conosciuta solo come Shopzilla, un comparatore leader in USA (secondo solo a Google, ndr) con una forte presenza anche in Inghilterra. Con Become e Pricegrabber ci siamo consolidati nel resto d’Europa, ma con Hitwise abbiamo ulteriormente rafforzato la proposizione commerciale: saremo infatti in grado di offrire ai nostri clienti degli scenari di pianificazione pubblicitaria fondati su solide basi legate ai bisogni e ai comportamenti “digitali” delle persone. Per dirla in inglese, ci stiamo trasformando sempre più in una powerhouse ricca di dati di valore che permetteranno a chi investe di “Find, Get and Keep Consumers!”.

Come verrà integrato il servizio di Hitwise nel mondo di Connexity?

Nei prossimi mesi lavoreremo per consolidare in una unica piattaforma – la nostra AudieceView -, sia i dati processati da Hitwise, sia quelli di Connexity, raccolti quotidianamente attraverso i suoi siti proprietari. Oggi il cliente Hitwise può interrogare il database in modalità self service, raccogliendo informazioni sulla propria audience di riferimento, per sviluppare visioni e strategie. Domani avrà invece due servizi: il primo dedicato agli uomini di marketing che vorranno fare un benchmark delle proprie performance verso quelle della concorrenza per identificare eventuali opportunità perse e, il secondo, riservato ad agenzie e i centri media che potranno così costruire delle pianificazioni tagliate su misura per i propri clienti, presentandosi nei meeting con delle informazioni dettagliate che difficilmente altri potranno avere. E questo, davvero, non ha prezzo in un rapporto agenzia-cliente.

E per l’Italia?

In Italia siamo già partiti a settembre offrendo a un ristretto numero di clienti delle soluzioni personalizzate, pianificando delle campagne display con doppia logica: retargeting e audience expansion. Il tutto, naturalmente, utilizzando la nostra DSP e procedendo in logica Programmatic. L’acquisizione di Hitwise non cambierà nell’immediato il nostro modo di lavorare nel Bel Paese, ma sarà di enorme supporto ai nostri clienti che vorranno investire all’estero: Inghilterra, Francia e Germania su tutti. I confini italiani stanno stretti a chi lavora bene nell’e-commerce e noi siamo qui per essere d’aiuto. Già oggi la piccola Connexity Italia è in grado di competere con i giganti che sono sul territorio prima di noi: siamo una bottega specializzati sull’e-commerce e il nostro team si occuperà di sorprendere ogni cliente e costruire la vera fedeltà alla marca.

Rimarrete un comparatore di prezzo?

La comparazione dei prezzi rimane parte del nostro core business e non ho dubbi che, vista anche la richiesta del mercato, avrà ancora un futuro per molti anni. Connexity ha un algoritmo (“Smartprice”) che ottimizza i cpc e i feed dei suoi clienti sui diversi portali su cui opera (in Italia sono oltre 20) e posso dirlo a ragion veduta avendo lavorato anche in Become: i risultati in termini di conversioni e cost of sale sono decisamente migliori. Grazie anche a Hitwise saremo in grado di conoscere meglio il consumatore e supportare meglio nelle decisioni i nostri clienti. E “meglio” è limitante, visto l’enorme mole di dati a cui abbiamo ora accesso.

Tutto questo come va interpretato in funzione del 2016 ormai alle porte?

È una sorpresa inaspettata, che ci permette di progettare in anticipo quei cambiamenti che, nel 2016, faranno la differenza.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.