Main partner:

Cinque modi di vendere le inventory in Programmatic

Dal trading “a cascata”, all’acquisto diretto da SSP, all’header bidding, oggi sono tanti i modi in cui un editore può vendere i propri spazi in modalità data-driven. Ecco i principali

l'infografica di Improve Digital
29 settembre 2016
programmatico-strata

Oggi dire “Programmatic trading” è utilizzare un’espressione generica. Da quando infatti è nato il Programmatic, la compravendita automatizzata di spazi si è moltiplicata in tante tipologie e tecniche diverse, tutte con un fattor comune: l’automatizzazione.

Dal trading “a cascata”, all’acquisto diretto da SSP, all’header bidding, oggi sono tanti i modi in cui un editore può vendere un’inventory in modalità data-driven. E ciascuno di essi ha caratteristiche specifiche, onori e oneri per chi lo sceglie.

In occasione del lancio di 360 Polaris, la nuova SSP che integra le funzionalità di un ad server premium con quelle di una piattaforma supply-side (qui il nostro articolo dedicato), Improve Digital ha rilasciato un’infografica (nata con un intento informativo e al tempo stesso promozionale, ndr) che sintetizza le cinque principali modalità di trading programmatico. Nel grafico, di ognuna di esse viene spiegato il funzionamento, insieme a benefici per i publisher e svantaggi.

Eccola di seguito.

improve-digital-infograficaimprove-digital-infografica1

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.