Main partner:

Jobs

SpotX espande la collaborazione con zvelo e implementa nuove funzioni di brand safety

SpotX ha attivato nuove funzioni per rafforzare la sicurezza del marchio nel suo ecosistema pubblicitario video integrando gli ultimi aggiornamenti di zvelo, già partner fornitore di servizi di categorizzazione di contenuti e rilevazione di attività malevole online.

D’ora in poi, quindi, la società ad-tech guidata in Italia da Fabio Zoboli identificherà e bloccherà siti web e contenuti che rientrano in categorie negative, come ad esempio le fake news. Nel dettaglio, SpotX rimuoverà completamente i siti che disseminano informazioni inventate dall’inventario disponibile, impedendo agli inserzionisti di associare i propri annunci a contenuti dannosi.

Gli strumenti di zvelo, il partner di SpotX

zvelo fornisce un motore di classificazione che categorizza le notizie false utilizzando una combinazione di tecniche analitiche statiche ed euristiche, aggregazione di feed di “fake news” verificati di terze parti e machine learning supervisionato da umani.

Utilizzando un approccio basato sul crowd sourcing, le tecnologie della società analizzano le URL visitate da un network partner globale di oltre 550 milioni endpoint. I dati sono elaborati dall’AI Cloud Network della società e poi verificati da analisti qualificati. Oltre a riconoscere le notizie false, il database di categorizzazione URL zveloDB impedisce ai marchi di apparire accanto a contenuti che riguardano terrorismo, estrazione di criptovalute e altre categorie pericolose emergenti.

S4M lancia il formato video Trailer e annuncia un nuovo accordo contro le frodi

L’offerta di S4M si amplia con un nuovo formato video mobile.

Si chiama Trailer e consente alle aziende di “fornire agli utenti un’esperienza mobile video estesa, che inizia nell’annuncio e continua fino al post-click sulla landing page“, spiega l’azienda sul suo sito.

Tramite il formato, che si compone di due step, i brand possono catturare l’attenzione degli utenti sfruttando effetti video come il loop, lo slow motion, lo speed up e il boomerang. E successivamente, possono portare il consumatore all’interno di un universo brandizzato, scegliendo una landing page disegnata come un video ritratto, o il formato proprietario The Travelling, o ancora un video full screen a 180 gradi con sticker di prodotto o un video con pannello di prodotto. Tutte le varie opzioni sono selezionabili dal cliente in base al target da raggiungere.

Trailer può essere posizionato come MPU (formato a metà pagina) o come Interstitial.

trailer-s4m

S4M sceglie zvelo contro le frodi

Il nuovo formato Trailer non è l’unica novità di S4M. La società ha infatti annunciato in questi giorni di aver scelto la suite Invalid Traffic (IVT) della società di misurazioni zvelo come soluzione di riferimento contro le frodi pubblicitarie.

La suite di IVT è un feed continuamente aggiornato di IP riconosciuti come sorgenti di traffico fake, che include attività di data center, web crawler, fake crawler e bot. Implementando IVT, S4M potrà bloccare in fase pre-bid impression prodotte da traffico non umano, eliminando così il rischio per le aziende di vedere sprecati i propri investimenti pubblicitari in inventory fraudolente o ambigue. E contribuendo a fornire ai clienti posizionamenti verificati e affidabili.