Main partner:

Jobs

Moving Up, al via l’Out-of-Home in Programmatic; dieci campagne attive sul territorio nazionale

Moving Up ha ufficialmente avviato le proprie attività di Programmatic Out-of-Home sul territorio nazionale. Le prime dieci campagne pubblicitarie – figurano tra i clienti importanti case automobilistiche – sono state pianificate sui circuiti Clear Channel e Telesia, distribuiti nei principali aeroporti e stazioni di metropolitana.

«Grazie alla nostra tecnologia e alla collaborazione con Adform riusciamo a rilevare con estrema esattezza il numero degli individui esposti ai messaggi pubblicitari, secondo criteri misurabili e non statistici», ha dichiarato Marco Valenti, Ceo e fondatore della digital company.

Attualmente, Moving Up gestisce circa 2.500 impianti di affissione digitale, corrispondenti al 52% di tutti gli impianti presenti sul territorio italiano, e attraverso un processo di affiliazione si prefigge di raggiungere una quota del 70% entro la fine del 2018.

Sarebbe inoltre al vaglio da parte della società l’espansione delle proprie attività di raccolta pubblicitaria in programmatic alle sale cinematografiche. Secondo quanto dichiarato da Valenti, nel 2017 Moving Up ha raddoppiato il proprio fatturato (leggi l’articolo dedicato) rispetto al 2016 e punta a raggiungere i 10 milioni di euro di ricavi quest’anno.

DOOH, la GoTV di Telesia debutta nel Programmatic con una nuova soluzione

Una nuova soluzione data-driven arricchisce l’offerta DOOH di Telesia.

La media company digitale controllata da Class Editori approfitterà dell’occasione del prossimo IAB Forum per presentare WeCounter, una soluzione di people counting, specificatamente progettata per il mondo del DOOH e interamente sviluppata dalla divisione tecnologica della società, che rileva e trasmette in real-time il numero delle persone potenzialmente esposte allo spot al momento della sua diffusione e che consente di valorizzare ed acquistare anche i soli individui esposti al 100% della sua durata.

In questi ultimi mesi sono stati completati positivamente tutti i test della nuova piattaforma digitale di Telesia previsti per l’erogazione delle campagne con tecnologia VAST – un protocollo universale per l’erogazione di in-stream video che permette all’ad-server del cliente e/o del proprio centro media di usare un unico materiale per l’erogazione su più piattaforme video, dal web, al mobile e fino agli schermi della GoTV di Telesia degli aeroporti e delle metropolitane.

Per Telesia si tratta di un vero e proprio debutto della GoTV sul mercato programmatico, come dichiara la stessa società, contattata da Programmatic Italia: «Nel corso dei precedenti mesi e grazie al continuo confronto con le principali agenzie media operative sul Programmatic abbiamo perfezionato la nostra proposta seguendo le istanze che ci sono state avanzate dal mercato target. Quanto andremo a presentare allo IAB Forum costituisce un vero debutto della GoTV Telesia sul digital advertising in modalità data-driven».

In particolare, nei mesi scorsi la società si è concentrata a sviluppare quanto necessario per divenire conforme alle DSP. Oggi WeCounter è potenzialmente compatibile con qualsiasi piattaforma di terze parti per l’acquisto in modalità programmatic, a cominciare con quella full-stack di Adform, con la quale è già operativa. «Siamo disponibili ad approfondire con eventuali altre DSP che avessero intenzione di entrare nel mercato italiano del DOOH», aggiunge la società.

Ecco come funziona il nuovo strumento. WeCounter rileva la presenza minima di audience in prossimità degli schermi in cui è installato, contando le persone presenti durante la diffusione dello spot, rilevandone il tempo di esposizione e trasmettendo alla DSP il feedback dati in tempo reale e per ogni spot. In questo modo, la soluzione garantisce una misurazione ancora più puntuale e in tempo reale delle cosiddette Opportunity To See (OTS), ovvero della potenziale esposizione al messaggio da parte della stessa audience in movimento.

Il segmento della GoTV contatta circa 10 milioni di persone in movimento ogni giorno – spiega Telesia in una nota -. Si tratta di un target evoluto e attivo, di responsabili e di influenzatori di acquisto, alto spendente ed anticipatore di stili e tendenze, che in genere sfuggono alle pianificazioni televisive tradizionali e/o satellitari perché in movimento e fuori casa per gran parte della giornata lavorativa e del proprio tempo libero”.

Grazie anche a quest’ultima novità, l’inserzionista, pianificando la propria campagna su Telesia in modalità digitale, può raggiungere con il proprio spot quattro obiettivi in ottica di performance: un’emissione digitale certificata del proprio spot; una numerica dell’audience presente durante la trasmissione del proprio messaggio pubblicitario; la valorizzazione anche delle sole OTS fruite al 100% (end to end), beneficiando gratuitamente di tutte le altre visualizzazioni parziali, così come delle visualizzazioni, intere o parziali, riconducibili al pubblico presente ma non rilevato per via del wifi off del proprio smartphone; infine, un’unica gestione da remoto e dell’acquisto delle OTS sul circuito Telesia, all’interno di un normale media planning digitale.

L’approdo del Programmatic sull’offerta GoTV aggiunge un tassello in più alla collaborazione tra Class Pubblicità e Moving Up per la raccolta pubblicitaria in Programmatic sulle proprietà digitali del gruppo Classeditori. «L’accordo in essere tra Class Pubblicità, che è la nostra concessionaria in esclusiva, e Moving Up per il Programmatic sul web è stato esteso anche alla GoTV Telesia», precisa la società.

Telesia e Class Pubblicità parleranno di DOOH in occasione di un workshop allo IAB Forum il 29 novembre.

Telesia lancia la tecnologia Weather-Plan. La prima campagna è di McDonald’s

Telesia ha sviluppato Weather-Plan, un sistema automatizzato che permette di pianificare spot su Go tv sulla base di determinate condizioni climatiche: temperatura e previsioni meteo.

Al debutto in Italia, la soluzione della società di Class Editori quotata all’Aim è disponibile per gli schermi situati nelle metropolitane e negli aeroporti e consente personalizzazioni per città e canale scelto. Stabilita la condizione di messa in onda dello spot e il numero di passaggi totali, Weather-Plan in automatico pianificherà gli spot sui diversi canali fino ad esaurimento dei passaggi.

Il sistema, sviluppato dal reparto Innovazione & Sviluppo della Go tv del gruppo, si caratterizza per l’elevata flessibilità e consente anche di differenziare la creatività, la condizione di messa in onda e il numero di passaggi obiettivo per città e per canale. L’inserzionista ha anche la possibilità di sostituire la creatività in qualunque momento. La nuova tecnologia Weather-Plan è stata scelta per prima da McDonald’s Italia che sarà on air su Telesia per tre settimane, a partire da domenica. La campagna è stata pianificata da OMD.

«Abbiamo scelto l’innovazione del Weather-Plan di Telesia perché ci permette di rafforzare la comunicazione del nostro nuovo servizio McDelivery mentre piove», spiega Dario Baroni, Chief Marketing Officer McDonald’s Italia, «Una condizione di maggiore ricettività della nostra clientela e quindi di generare call-to-action diretta. La Go tv è un mezzo di comunicazione moderno che guardiamo con grande interesse perché intercetta un pubblico numeroso, attivo e dinamico e per questo crediamo potrà diventare un media strategico per la nostra comunicazione”.

Class Editori, Telesia secondo motore della raccolta pubblicitaria

Telesia continua a essere uno dei principali motori commerciali di Class Editori. Dalla semestrale pubblicata venerdì scorso dal Gruppo guidato da Paolo Panerai è emerso infatti che, con una crescita del 13% nella raccolta pubblicitaria la Go Tv si conferma secondo mezzo, a fronte di un incremento dell’8% per la televisione (Class Cnbc) e del 20% per quanto riguarda internet.

Al progresso tecnologico di Telesia ha contribuito un accordo stipulato a dicembre dello scorso anno tra Class Editori e Moving Up, società guidata da Marco Valenti e specializzata in servizi di digitalizzazione per gli editori, grazie al quale è possibile pianificare sulla Go tv impiegando una tecnica avanzata di mobile remarketing che sincronizza le creatività pubblicitarie trasmesse sugli schermi televisivi con quelle visualizzate sui dispositivi portatili connessi.

Classpubblicità e Moving Up presentano la Moving Tv data-driven: ecco la nuova Telesia

Classeditori prosegue il suo processo di digitalizzazione. E stavolta lo fa potenziando l’offerta pubblicitaria di Telesia.

Il circuito di schermi televisivi, localizzati in aeroporti e metropolitane delle principali città italiane, si evolve da moving tv tradizionale a “digital engaging tv”, un mezzo capace di veicolare messaggi personalizzati e puntuali in modalità cross-canale sui dispositivi mobili delle persone in transito.

Il passaggio da una logica “one-to-many” a “one-to-one” è stato effettuato grazie alle competenze e alle tecnologie proprietarie di Moving Up, la media company a cui Visibilia Editore prima e Il Foglio.it poi si sono già affidati per potenziare la loro presenza in rete ed aprire il loro inventario al Programmatic.

«La nostra missione consiste nello sviluppo di soluzioni per editori. Siamo specializzati in Programmatic, ma supportiamo i publisher, soprattutto quelli tradizionali come Class, nei processi di digitalizzazione fornendo una serie completa di servizi e curandone allo stesso tempo il posizionamento», ha dichiarato Marco Valenti, Co-fondatore e Ceo di Moving Up.

marco-valenti-movingup
Marco Valenti

Su Telesia, che con il 57% dei passeggeri italiani raggiunti occupa una posizione di leadeship nel segmento, sarà ora possibile pianificare attraverso una tecnica avanzata di mobile remarketing che, avvalendosi del geo-fencing, sincronizzerà le creatività pubblicitarie trasmesse sugli schermi televisivi con quelle visualizzate sui dispositivi portatili connessi, con annunci orientati fortemente alla performance. L’acquisto di spazi potrà avvenire anche via Programmatic, tramite transazioni aperte.

Secondo Andrea Salvati, Vice Presidente di Classpubblicità, e Marco Valenti, che hanno presentato il nuovo prodotto in un workshop tenutosi allo IAB Forum 2016, questo sistema consentirà di valutare le campagne tv utilizzando le stesse metriche del web, e quindi con misurazioni in tempo reale, audio attivo, viewability totale e certificazione garantita delle visualizzazioni.

«Per noi la digitalizzazione di Telesia è importanti e rappresenta una grande opportunità. La moving tv è un’offerta premium, che va ad occupare uno spazio di comunicazione rimasto vacante e per di più in fasce orarie dove non sussiste sovrafollamento: è un mezzo già vincente. Proprio per questa ragione ci sembrava fondamentale trasformare la tradizionale interazione con lo spot in una più puntuale ed efficace sul web. La tecnologia del geo-fencing, con cui è possibile raggiungere i consumatori con creatività mirate, permette ora agli inserzionisti di attivare campagne diversificate, con finalità sia di branding che di performance», ha concluso Salvati.

Nell’ambito della collaborazione tra Classpubblicità e Moving Up, l’agenzia di Marco Valenti si occupa anche della raccolta pubblicitaria in modalità programmatica su tutte le proprietà digitali del gruppo Classeditori.

Le più lette