Main partner:

Jobs

Omnicom: nel 2015 per il programmatic crescita double digit

Il tema del programmatic ha tenuto banco alla presentazione dei risultati di Omicom per il terzo trimestre dell’anno. Il Ceo John Wren è stato chiamato da molti analisti a dire la sua sul potenziale di crescita del programmatic buying e sull’eventuale impatto atteso sulle attività della holding, cui fanno capo agenzie e network come Bbdo e Tbwa e che rappresenta la numero due al mondo per fatturato, dopo Wpp. Segno inequivocabile del grande desiderio di approfondire una modalità di fare business che promette  di scompaginare le carte nel mondo dell’advertising.

Wren non ha mancato di mostrare entusiasmo ma ha anche voluto sottolineare che non è lecito attendersi un impatto immediato sui risultati. Attualmente il programmatic rappresenta meno del 2% del fatturato totale della holding, che ha raggiunto i 3,75 miliardi di dollari nel terzo trimestre, con un +7,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Gran parte della crescita è dovuta al Nord America, che ha segnato un +8,9%. Proprio l’incremento delle attività di programmatic buying è stato indicato da Wren come uno dei fattori alla base del buon risultato dell’area nordamericana, insieme ai new business.

Le previsioni sono rosee dato che Wren ha dichiarato di prevedere una crescita del programmatic a doppia cifra nell’ultimo trimestre dell’anno e per tutto il 2015.  “Stiamo sviluppando e affinando skill e tecnologie“, ha detto il Ceo, aggiungendo che le attività di programmatic sono entrate nel vivo solo negli ultimi 12 mesi. La holding sta puntando e investendo molto sul gruppo di dati e analytics Annalect e il suo trading desk Accuen. Alla fine dello scorso anno Annalect ha stretto un accordo con Neustar per l’acquisizione della sua piattaforma di data management Aggregate Knowledge.

Interpellato da un analista su un confronto fra Accuen e l’omologo trading desk di Wpp, Xaxis, Wren ha commentato: “Stiamo studiando ciò che stanno facendo. Loro dichiarano di avere un business significativo in Europa, molto più del nostro. La vedo come un’enorme opportunità che dobbiamo cogliere”.

Domani a Los Angeles il Programmatic Summit

Si terrà domani, 23 ottobre, l’evento che per la prima volta vede Iab e thinkLA, associazione che raggruppa agenzie e professionisti di marketing e advertising a Los Angeles, unire le forze nel nome del fenomeno che sta segnando il panorama digitale: il Programmatic Summit vedrà riuniti professionisti del marketing, media buyer, publisher online, ad network e altri attori del mercato per analizzare e discutere la futura evoluzione del settore.

L’universo dell’advertising digitale ha accolto con entusiasmo la novità rappresentata dal programmatic, come chiave di volta di una trasformazione che ha inciso sul modo in cui la industry opera per le pianificazioni sui media digitali. Tuttavia il cambiamento è appena agli inizi e vi sono ancora ampi spazi di crescita se si guarda a come massimizzare le opportunità che il programmatic può offrire.

L’evento di domani, promosso in collaborazione con eMarketer e ospitato presso l’Hyatt Regency Century Plaza di Los Angeles, si snoderà attraverso presentazioni, workshop e opportunità di networking. Fra gli speaker attesi, Peter Crofut, Head of the Creative Platforms Solutions di Google, Scott Cunningham, Vice President of Technology and Ad Operations di Iab, Noah Elkin, Executive Editor di eMarketer, Steven Kaufman, VP Programmatic Development di Magna Global.

Si parlerà fra l’altro di come il programmatic non vada considerato antitetico ai concetti di premium e di creatività. Sarà affrontato anche il tema delle sfide legate alle possibili frodi e di come la industry si stia attrezzando per affrontarle e creare un ecosistema automatizzato che sia sicuro. Ampio spazio sarà dato alle esperienze di aziende e publisher che riveleranno le loro tattiche per raggiungere e influenzare i consumatori facendo leva sul programmatic, implementando soluzioni basate sulla tecnologia e stabilendo nuovi kpi e metriche di valutazione dei risultati.

Le più lette