Main partner:

Jobs

Nasce LinkedIn Audience Network: il social estende la sua reach pubblicitaria a siti e app esterni

LinkedIn estende la sua reach pubblicitaria. Tre anni dopo Facebook (era il 2014), il social “pro” lancia il suo Audience Network, una piattaforma che consente agli inserzionisti di acquistare pubblicità su siti e app esterni al proprio feed.

Ad annunciarlo è la stessa LinkedIn, con un blog post ufficiale in cui il Product Management Divye Khilnani spiega che si tratta di un network di pubblicità nativa grazie al quale le aziende postranno posizionare Sponsored Content su property terze di alta qualità, sia su mobile che su desktop.

In tal senso, LinkedIn sfrutterà il suo legame con Microsoft (da cui è stata recentemente acquisita): tra le property esterne ci saranno infatti MSN e Outlook.com, a cui se ne aggiungeranno altre tramite integrazioni con exchange pubblicitari come MoPub, Google’s AdX, Rubicon Project e Sharethrough.

Per il momento, LinkedIn Audience Network sarà limitata ai soli post sponsorizzati, ma in cantiere c’è già la possibilità di estenderlo ad altri formati come il video native.

A garanzia dell’alta qualità dei posizionamenti, LinkedIn avrebbe predisposto una whitelist di editori desktop considerati brand-safe, e per le app starebbe lavorando con gli ad exchange partner per bloccare determinate categorie poco in linea con un pubblico business, come scommesse e dating. Khilnani ha aggiunto che la piattaforma ha investito nella progettazione di misure di brand safety per l’erogazione di pubblicità solo su contenuti di qualità.

Alla fase beta di LinkedIn Audience Network hanno partecipato 6 mila inserzionisti, che hanno raggiunto in media un aumento tra il 3% e il 13% delle impression uniche erogate e dell’80% di click unici. Alcuni di essi hanno riscontrato anche un tasso di engagement quattro volte più alto rispetto a campagne non erogate sull’Audience Network.

Le più lette