Main partner:

Jobs

Teads, in arrivo il formato video per mobile “inRead 6”

Nell’ambito della pubblicità video, uno dei maggiori driver di crescita per l’online advertising, il 2017 è stato l’anno del sorpasso sui preroll e gli altri posizinamenti tradizionali (instream) da parte dell’oustream, il campo in cui eccelle Teads.

«In un settore in continua evoluzione anche sulla spinta del programmatic, noi stiamo sviluppando l’evoluzione della nostra offerta nel video in diverse direzioni, innanzitutto arricchendo l’esperienza creativa in termini di personalizzazione e interattività, e anche guardando a nuovi ambiti di crescita, come l’addressable tv», ha detto a IAB Interact, l’evento di IAB Europe in corso di svolgimento a Milano, Imran Khan, global VP strategic development della società.

Nell’ambito di un offerta di spazi video in crescita esponenziale, la differenza si fa anche nel campo della “premiumness“, «che nel nostro caso garantiamo con il contesto: lavoriamo con i top publisher in tutto il mondo, la nostra inventory è collocata all’interno di contenuti e articoli prodotti da professionisti, a differenza di quanto avviene, per esempio, nei social media. E le nostre ricerche, come la recente “In News we Trust“, dimostrano come la pubblicità veicolata all’interno di contesti premium restituisce risultati migliori, su qualsiasi metrica».

L’Italia è uno dei Paesi europei dove la quota del video rispetto al totale della pubblicità online è più alta; condizione per una ulteriore crescita del mercato è quella delle metriche di misurazione, che dovrebbero consentire un maggiore “dialogo” tra tv e media digitali. «I grandi brand sono abituati a ragionare in termini di GRP – ha osservato Khan – ma credo che in futuro questo cambierà. Con l’avanzata delle tv connesse e il passaggio a un ecosositema prevalentemente OTT, le metriche digitali si consolideranno anche nell’universo televisivo».

Dal punto di vista poi dell’offerta, che ha visto Teads concentrarsi negli ultimi mesi anche nell’area della display con il lancio e il continuo sviluppo di formati display interattivi “viewable by design” sviluppati dal Teads Studio, è in arrivo un nuovo prodotto nel campo del video mobile: «Stiamo rilasciando in queste settimane inRead 6, un formato video oustream di sei secondi ottimizzato per il mobile», ci ha detto Khan a margine del suo intervento.

 

The New Programmatic e Data Fusion: il nuovo IAB Seminar, a Milano il 13 ottobre

Si aprono le iscrizioni al nuovo Seminar di Iab, The New Programmatic e Data Fusion, in calendario martedì 13 ottobre al MiCo – Milano Congressi Ala Nord (Gate 14 – Via Gattamelata 5).

Il Seminar ospiterà esperti nazionali e internazionali che si confronteranno sulle strategie di business di questo trend.

Sarà, quindi, l’occasione per approfondire le diverse opportunità offerte dal Programmatic, dei suoi vantaggi, dei campi di applicazione e degli strumenti a disposizione dei professionisti. Attraverso l’analisi di best practice e scenari di mercato, saranno approfonditi i risultati e i futuri obiettivi. In particolare, un rappresentante di IAB US porterà la testimonianza di un mercato più maturo e ricco del nostro.

Si conferma il format guidato da Marco Montemagno, founder SuperSummit, che si basa su fireside chat e una maggiore interazione con il pubblico, anche attraverso i canali social e l’hashtag dedicato #iabprogrammatic15.

Platinum Sponsor dell’appuntamento sono Dentsu Aegis Network, RadiumOne, Rocket Fuel, Sky e Teads. Gold Sponsor sono AppNexus, ComScore, GroupM, PubMatic, Quantcast, Rubicon e Webranking. Yahoo è Silver Sponsor.

Per partecipare a IAB Seminar è necessario registrarsi sul sito www.iabseminar.it. Le iscrizioni online chiuderanno il 12 ottobre alle 11.00 e sarà possibile iscriversi al MiCo la mattina dell’evento fino a esaurimento posti.

IAB Italia in collaborazione con Engage sta intanto realizzando la “Guida al Programmatic in Italia”, che sarà distribuita nel corso dell’appuntamento. Per maggiori informazioni e per partecipare con la vostra azienda scrivere a vania.camillozzi@engage.it.

Le più lette