Main partner:

Jobs

GDPR, Google ancora al lavoro sull’implementazione del Framework IAB

A maggio, pochi giorni prima dell’entrata in vigore del GDPR, Google aveva ufficializzato la sua posizione in tema di protezione dei dati, dimostrandosi aperta a partecipare al Transparency and Consent Framework di IAB Europe, la piattaforma lanciata dall’associazione per creare uno standard per la raccolta e la condivisione del consenso sul trattamento dei dati all’interno della filiera pubblicitaria. Un’apertura che – a detta di Big G – si sarebbe tramutata entro agosto in una effettiva e concreta adozione del framework, dopo un’attenta analisi delle sue caratteristiche e del suo funzionamento.

A più di tre mesi di distanza, però, Google non ha ancora mantenuto fede alla promessa fatta: l’attuale soluzione per la gestione dei consensi della società, Funding Choices, non è ancora infatti una CMP registrata nelle liste di IAB, il che vuol dire che il consenso che raccoglie non è libero di essere condiviso con altre piattaforme compatibili al Framework.

Uno dei punti forte del Framework IAB, infatti, è che consente alle CMP compatibili di far circolare i consensi raccolti tra le varie piattaforme (SSP, exchange, ad server, DSP, DMP, servizi di tracking e misurazione) di cui l’editore si serve per i propri servizi, pubblicitari e non. La maggior parte degli operatori del programmatic ha sviluppato CMP compatibili con tale framework, ma ancora non Google, appunto, che al momento ritiene valido solo il consenso raccolto attraverso piattaforme di sua proprietà.

Big G, a quanto pare, starebbe ancora studiando il Framework, e sarebbe in procinto di formalizzare la sua partecipazione, come ha dichiarato un portavoce della società alla testata AdExchanger: “Negli scorsi mesi abbiamo lavorato a stretto contatto con IAB Europe per assicurare che i nostri prodotti siano interoperabili con il Transparency and Consent Framework – ha spiegato-. Siamo in procinto di formalizzare la nostra partecipazione al framework e ci auguriamo che l’integrazione possa venire il più velocemente possibile“. Nessuna nuova data però è stata comunicata per il lancio della CMP ufficiale di Google.

All’indomani dell’entrata in vigore, a fine maggio scorso, del GDPR, e dopo che numerosi exchange avevano registrato una forte riduzione di domanda in particolare da parte di Google DBM (anche in Italia), Google aveva sviluppato una soluzione temporanea in modo da consentire agli editori con CMP compatibile col framework IAB di passare a Google il consenso raccolto per la targettizzazione della pubblicità. Google aveva anche avviato degli accordi con alcuni operatori del programmatic per facilitare il passaggio dei consensi.

Ma nonostante questa mossa ad interim, il ritardo della partecipazione di Google al Transparency and Consent Framework costituisce un problema per molti editori e fornitori di tecnologia, come fa notare AdExchanger. E tra le sue conseguenze potrebbe non esserci solo un eventuale calo di domanda e CPM per le inventory non targettizzabili.

Il fatto che Google non abbia una CMP compatibile col Framework, infatti, può costituire anche un freno in generale all’adozione delle CMP. Basti pensare a quanto utilizzati sono gli strumenti di Google dalla maggior parte degli editori in Europa. Editori che, con ogni probabilità, tenderanno ad affidarsi alle soluzioni della società – anche se non sono compatibili col framework IAB – anche per la policy GDPR.

GDPR, utilizzare una piattaforma di gestione dei consensi fa bene ai ricavi. Lo dice uno studio

Con l’entrata in vigore del GDPR lo scorso maggio, diversi editori si sono dotati di CMP (consent management platform), piattaforme create appositamente per la raccolta e la gestione dei consensi degli utenti all’utilizzo dei propri dati a scopi pubblicitari.

Ma, al di là di una più facile gestione dei processi, l’utilizzo di tali strumenti ha portato anche dei benefici economici a chi ha scelto di adottarli? Secondo uno studio internazionale, sì.

La società di monetizzazione Mediavine ha infatti condotto una ricerca, indagando l’influenza che l’uso delle CMP ha avuto per gli editori su CPM (costo per mille impression) e fill rate (livello di riempimento degli spazi adv) a cavallo dell’entrata in vigore del GDPR, ossia tra marzo/aprile e giugno/luglio. Il risultato? Gli editori che utilizzano una CMP registrano livelli più alti di CPM e fill rate.

Secondo lo studio, i publisher dotati di una CMP hanno avuto un aumento del 9% del costo per mille impression dei loro annunci, e una crescita del 5% dei livelli di riempimento degli spazi. Chi invece non ha optato per l’adozione di una CMP per il proprio traffico proveniente dall’Europa, ha visto scendere tali elementi nel periodo in esame rispettivamente del 43% e del 34%, senza annunci targettizzati.

La società sottolinea, in particolare, come la differenza a livello di costo per mille impression sia impressionante. Chi aveva una consent management platform ha registrato infatti CPM medi il 52% più alti di chi non ha cambiato il proprio setup dopo l’entrata in vigore della GDPR. Quanto al fill rate, invece, i valori erano il 39% più alti.

GDPR, Quantcast Choice raggiunge un miliardo di consensi degli utenti

Quantcast Choice, la consent management platform gratuita lanciata da Quantcast prima dell’entrata in vigore del GDPR, il regolamento europeo generale sulla protezione dei dati, avvenuta lo scorso maggio, ha abilitato la miliardesima scelta di consenso del consumatore.

Secondo le analisi della società martech, più di 10.000 domini in tutto il mondo stanno utilizzando la CMP, generando un tasso di consenso medio tra i consumatori di oltre il 90%. Le scelte del consumatore includono sia le opzioni di accettazione che quelle di rifiuto.

Secondo invece lo studio di Adzerk, la piattaforma di ad serving API-based, Quantcast Choice è la CMP più implementata tra i migliori siti negli Stati Uniti e nel Regno Unito. L’indagine ha esaminato i siti con maggior traffico di entrambi i mercati per identificare gli strumenti adottati per acquisire e trasmettere il consenso del consumatore per l’erogazione di pubblicità pertinente e rilevante, come richiesto dai nuovi regolamenti dell’UE.

“L’impatto del GDPR nel digital advertising è assolutamente profondo e rilevante non solo in Europa, ma in tutto il mondo. Ecco perché questo primo bilancio di Quantcast Choice non può che renderci estremamente orgogliosi e soddisfatti”, dichiara Ilaria Zampori, General Manager di Quantcast Italia.

“Quantcast Choice consente agli editori e ai marketer di fornire ai consumatori il controllo su come e quando condividono i loro dati attraverso una scelta opt-in chiara e non ambigua. La massa critica già raggiunta, unita al fatto che Quantcast Choice è parte del Transparency & Consent Framework di IAB Europa, offre agli editori la fiducia di poter continuare a finanziare il proprio business attraverso la pubblicità. Anche se siamo solo all’inizio di questo percorso per aiutare gli editori e gli inserzionisti ad adattarsi ad una nuova normalità sotto il GDPR, siamo felici della risposta ottenuta finora”, commenta Somer Simpson, Head of Product per il GDPR di Quantcast, protagonista lo scorso maggio a Milano dell’edizione 2018 di Interact con un intervento proprio sull’impatto del regolamento europeo generale sulla protezione dei dati sull’intera filiera della pubblicità digitale.

Quantcast Choice è stata la prima CMP disponibile del Transparency & Consent Framework di IAB Europa nella sua data di lancio, il 15 maggio 2018. Completamente gratuita, la piattaforma permette ad editori, inserzionisti e altri proprietari di siti web di ottenere e trasmettere il consenso esplicito dei consumatori per poter erogare delle pubblicità rilevanti e dei contenti personalizzanti.

La rinascita del “contesto” grazie a brand safety e GDPR

Oggi nella nostra rassegna parliamo di targeting contestuale, mercato video OTT e podcast.

La rinascita del “contesto” grazie a brand safety e GDPR

La combinazione tra le restrizioni imposte dal GDPR e gli avanzamenti nel machine learning stanno incoraggiando sempre più le aziende a considerare il “contesto” come alternativa al targeting audience-based. L’utilizzo del contesto per migliorare l’efficacia della comunicazione è nato probabilmente insieme alla pubblicità digitale stessa, ma con l’arrivo del programmatic advertising è stato progressivamente messo in secondo piano rispetto alla targettizzazione dell’audience. Tuttavia, tale approccio sta ultimamente cambiando tra i brand, complici sia le preoccupazioni sulla brand safety dallo scorso anno, che hanno portato gli inserzionisti a spostare la propria spesa su editori premium, sia la recente introduzione del GDPR, che ha posto nuove difficoltà all’utilizzo dei dati degli utenti. Leggi di più su Warc.

Video adv, gli approcci “a silos” frenano il mercato OTT

Nonostante il suo pubblico sia in aumento, sia a livello di volumi che di engagement, il mercato delle piattaforme video OTT (fornitori autonomi di contenuti video digitali in streaming) ha ancora delle barriere da superare per trarre il massimo potenziale dalla sua utenza. Le principali “sfide” per il settore sono la content discovery, le misurazioni e il fill rate, e molte di esse sono dovute ad approcci “a silos” delle stesse piattaforme. Ogni piattaforma è infatti un “feudo” a sé stante, o una sorta di “universo chiuso”, e tale mancanza di dialogo tra “contenitori” rende difficile sia per gli utenti trovare i contenuti che cercano, sia per le aziende riuscire a misurare le campagne, laddove ci siano appositi strumenti. Leggi di più su AdExchanger.

I podcast continuano a crescere (oltreoceano)

Per quanto in Italia la situazione sia molto diversa, e ancora ben lontana da questi numeri, all’estero quello dei podcast è un mercato florido con un’utenza in forte crescita. Secondo nuovi dati di Edison Research e Triton Digital, in America il 44% degli utenti oltre i 12 anni hanno ascoltato almeno un podcast quest’anno, e il 26% lo ha fatto nell’ultimo mese. Ironicamente, la crescita dei podcast è trainata per lo più da programmi delle radio lineari, in particolari quelli offerti dalla National Public Radio, i cui contenuti vengono scaricati ogni settimana da più di 5 milioni di utenti unici. Leggi di più su MediaPost.

Il GDPR frena le performance di Publicis Groupe nel Q2 2018

Oggi nella nostra rassegna: Publicis e il GDPR, la strategia pubblicitaria di Amazon, il “valore” delle frodi mobile in-app.

Il GDPR frena le performance di Publicis Groupe nel Q2 2018

Il secondo trimestre 2018 non è stato esattamente brillante per Publicis Groupe, che negli ultimi tre mesi ha registrato un calo organico del giro d’affari del 2,1%. Tra i principali motivi ci sarebbe il GDPR, a detta dello stesso management del gruppo. «Il GDPR ha avuto un impatto sui ricavi media in Europa – ha spiegato il CEO Sadoun durante la call di bilancio -. Noi siamo pienamente conformi al GDPR, ma vogliamo essere sicuri che lo siano anche gli editori con cui lavoriamo». Subito dopo l’entrata in vigore del regolamento a maggio, i clienti europei della holding hanno ritirato i loro investimenti in programmatic, in attesa che editori e piattaforme di vendita si rendessero conformi alla normativa, o anche perché non erano sicuri che le loro strategie di targeting rispettassero il regolamento. Una pausa (in alcuni casi un vero e proprio stop) negli investimenti pubblicitari di cui la holding avrebbe risentito. Leggi di più su AdExchanger.

Amazon punta al contatto diretto con gli inserzionisti

Da un po’ di tempo a questa parte, Amazon ha iniziato a lavorare sempre più direttamente con le aziende a livello pubblicitario, invece che attraverso il tramite delle agenzie. E se è vero che il colosso dell’ecommerce ha sempre avuto un buon dialogo diretto coi suoi inserzionisti, attraverso la sua API Amazon Marketing Services (che include anche strumenti self-service), è cosa relativamente nuova che abbia iniziato ad utilizzare questo approccio “agency-free” con grandi aziende per grandi acquisti pubblicitari. E tra i motivi potrebbe esserci anche l’intenzione di raggiungere più rapidamente il duopolio Google-Facebook. Leggi di più su Digiday.

Le frodi mobile in-app “costano” alle aziende 75 milioni di dollari all’anno

Quello delle frodi su mobile è un fenomeno diffuso e in crescita, che sta dando non pochi pensieri al mercato, complice anche l’inefficacia di soluzioni nate per l’ambiente desktop e fisiologicamente più adatte ad esso, come ads.txt. Ma quanto “ruba” questo fenomeno alle aziende. Secondo uno studio di Pixalate, le frodi pubblicitarie in-app possono arrivare a costare ai brand fino a 75 milioni di dollari all’anno. L’area più soggetta a questo trend è il video in-app (più su tablet che su smartphone) seguito dalla display in-app (in questo caso, al contrario, leggermente più su smartphone che su tablet). Leggi di più su MediaPost.

GDPR: tre quarti delle aziende conta di essere conforme entro l’anno

Nella nostra rassegna di oggi parliamo di GDPR e di due mezzi in piena crescita nel mercato pubblicitario: le TV connesse e l’Out of Home.

GDPR: tre quarti delle aziende conta di essere conforme entro l’anno

Un mese e mezzo dopo la definitiva entrata in vigore del GDPR, solo il 20% delle aziende europee e americane reputa di essere completamente conforme al regolamento. Lo rivela uno studio condotto dalla società di gestione della data privacy TrustArc, secondo cui il 53% delle aziende è in fase di implementazione delle procedure di conformità e circa tre quarti conta di essere compliant entro la fine dell’anno. E tra le motivazioni che spingono le aziende ad adattarsi alla normativa europea spicca la volontà di soddisfare le aspettative del pubblico, più che di mettersi al sicuro da multe e sanzioni. Leggi di più su MarTech Today.

AppNexus “vola” nel mercato delle Connected TV

AppNexus ha ufficializzato alcuni dati relativi alle performance del suo marketplace pubblicitario su Connected TV. Rispetto allo scorso anno, nel secondo trimestre la piattaforma ha registrato una crescita del 748% relativamente a questo mezzo, e del 69% sul primo trimestre. Una crescita che riflette quanto, recentemente, le aziende stiano puntando sulle tv connesse a livello pubblicitario. La società di ad tech ha dichiarato che attualmente sulla sua piattaforma vengono transate “più di 20 miliardi di impression mensili su Connected TV, tra Smart TVs, set top box e console di gioco”. Leggi di più su The Drum.

La rinascita dell’OOH grazie a dati e digitalizzazione

In svariati mercati, l’Out of Home sta vivendo una vera e propria rinascita. Grazie a una ritrovata versatilità data dalla digitalizzazione e dai dati, le aziende stanno sempre più rivalutando questo mezzo e il suo ruolo all’interno dei loro piani media. A volte descritto come “l’ultimo mezzo di trasmissione” capace di targettizzare le persone in movimento, l’OOH riesce a offrire sia un’ampia reach, seconda forse solo alla TV, sia, grazie alla tecnologia e ai dati, la possibilità di targettizzare e raggiungere specifiche audience. Leggi di più su Warc.

A sei settimane dall’entrata in vigore del GDPR, cresce la spesa in retargeting

Oggi nella nostra rassegna parliamo di retargeting, frodi in-app e del futuro di Groupon.

A sei settimane dall’entrata in vigore del GDPR, cresce la spesa in retargeting

Chi pensava che il GDPR avrebbe segnato la fine del retargeting, si sbagliava. Anzi. Secondo quanti dichiarano diversi operatori del mercato pubblicitario, sei settimane dopo l’entrata in vigore del nuovo regolamento europeo, la spesa in campagne di retargeting è in aumento. In alcuni casi, addirittura, sembra che le aziende, invece di interrompere gli investimenti in remarketing, abbiano piuttosto tagliato la spesa in attività di prospecting. Le campagne di prospecting, infatti, basate su reach e scalabilità, comportano spesso l’utilizzo di dati di terze parti, e dunque sarebbero più “rischiose” da un punto di vista di conformità alla GDPR. Leggi di più su Digiday.

Frodi in-app, scoperta una nuova tipologia

Migliaia di app oggi si spacciano come editori premium, bypassando ads.txt, lo strumento anti-frode di IAB. Alcuni ricercatori della società di rilevamento frodi Forensiq hanno recentemente scoperto un nuovo tipo di frode in cui alcune app vendono le proprie inventory pubblicitarie come se fossero spazi siti internet premium, nel tentativo di ingannare il sistema ads.txt. La tecnica utilizzata è un misto tra il classico “domain spoofing” e il suo equivalente in-app, il “bundle ID spoofing”, con le applicazioni che mascherano i loro identificativi dietro quelli di un sito mobile, invece che di un’altra app. Leggi di più su AdWeek.

Groupon vicina alla vendita?

Potrebbe stare giungendo al termine il decennio di Groupon come società indipendente. Secondo indiscrezioni, il management della società, insieme ad alcune banche che rappresentano l’azienda, avrebbe contattato diverse socieà pubbliche negli scorsi mesi, con l’intenzione di sollevare interesse per una eventuale acquisizione. Nata nel 2008 a Chicago come pioniera del concetto di offerte e coupon digitali per l’acquisto di prodotti e servizi di aziende locali, Groupon nel 2011 si era quotata in Borsa, all’epoca con un valore di oltre 16 miliardi di dollari, oggi sceso a 2,4 miliardi a causa del declino del suo settore di riferimento. Leggi di più su Recode.

Gestione del consenso, Google sempre sotto i riflettori sul tema GDPR

I protagonisti della nostra rassegna di oggi: Google, Wired e la pubblicità mobile.

Google sempre sotto i riflettori per il GDPR

Ritardando la sua implementazione del Transparency and Consent Framework di IAB, Google sta causando tra le aziende confusione sulla gestione dei consensi e possibili violazioni del GDPR. La società ha promesso di integrare il framework entro agosto, utilizzando temporaneamente una soluzione che secondo vari operatori sarebbe incompleta, e che starebbe potenzialmente portando alcuni clienti pubblicitari di Google ad erogare campagne targettizzate ad utenti che non hanno dato il loro consenso a pubblicità personalizzate. Con possibili conseguenze per gli operatori stessi. Leggi di più su Reuters.

Wired lancia un canale video in streaming

Wired punta sul video over-the-top con il lancio del suo primo canale streaming. Il contenitore è disponibile dal 1° luglio su Apple TV, Amazon Fire TV e Android TV, a cui prossimamente si aggiungerà anche Roku. Ospiterà i video e programmi più popolari di Wired.com e del canale YouTube di Wired. Si tratta del primo di una serie di canali video in streaming firmati Condé Nast: nel 2019 gli faranno compagnia analoghi progetti per GQ e Bon Appétit. Leggi di più su Digiday.

Nel 2022 il 70% della spesa digital USA sarà su mobile, secondo Forrester

In meno di 5 anni, circa il 70% degli investimenti pubblicitari digital andrà su mobile in USA, secondo un nuovo forecast di Forrester. La società stima che smartphone e tablet cresceranno a un ritmo medio del 14,7% ogni anno tra il 2017 e il 2022, contribuendo per l’86% all’aumento della spesa adv digital. A fare da traino saranno search e social, che copriranno l’81% dell’incremento della spesa mobile, con il social che nel 2019 supererà per la prima volta il search come principale canale mobile nel Paese. Leggi di più su MediaPost.

Ceccoli, Smart: «Marketing efficace nell’era del GDPR? Puntate sul targeting contestuale dinamico»

Ogni quattro anni, la Coppa del Mondo beneficia di una copertura sostanziale su tutti i canali media, il che la rende un’opportunità d’oro per gli inserzionisti. Secondo eMarketer, il torneo determinerà un aumento significativo della spesa pubblicitaria nel mondo quest’anno, contribuendo a un aumento del 7,4% degli investimenti adv.

Quest’anno, però, rispetto al passato, c’è un avvenimento che sta rendendo più complessa la pianificazione di campagne di marketing data-driven, ed è il GDPR, come ci spiega Andrea Ceccoli, Country Manager Italia di Smart.

«Come tutti sappiamo, con l’entrata in vigore del GDPR l’uso dei dati per il targeting del pubblico è diventato più complesso. Tuttavia, esiste un’ottima alternativa per gli inserzionisti per ottenere le migliori performances dalle loro campagne: quella di fare affidamento al targeting contestuale».

Utilizzare il targeting semantico per l’acquisto delle inventory, infatti, consente alle aziende di avere tutti i benefici di una campagna targettizzata senza utilizzare i dati di navigazione degli utenti, e dunque senza correre il rischio di violare le regole del GDPR.

Il targeting contestuale esiste già, ma secondo quanto ci spiega il manager, grazie alle nuove tecnologie è possibile ora utilizzarlo in maniera ancora più efficace: «Nel caso di Smart, il motore semantico di Deal+ riesce oggi a offrire non solo il targeting basato sul contesto (disponibile per il targeting attraverso la piattaforma Full Stack), ma anche il targeting contestuale dinamico. Questo è reso possibile da un potente algoritmo e da un sistema di apprendimento automatico che estrae, analizza e classifica i contenuti di ogni pagina in tempo reale».

«Smart – aggiunge Ceccoli – ha unito la precisione del targeting semantico con la potenza di Deal+, un curated marketplace a disposizione della domanda. Questo vuol dire che, se un’inserzionista è alla ricerca ad esempio dello spazio pubblicitario più pertinente su vasta scala durante la Coppa del Mondo FIFA, riuscirà a raggiungere facilmente il suo pubblico, all’interno di un ambiente di editori premium al 100%».

«Per gli editori – conclude -, questo nuovo targeting soddisfa un’esigenza molto precisa degli inserzionisti ed è l’unica soluzione per migliorare il valore del loro inventario e la visibilità lato domanda».

IAB Seminar, focus su qualità e trasparenza il 5 luglio a Roma

Sarà focalizzato su “Qualità e trasparenza: le leve per un’industria digitale europea competitiva” il nuovo IAB Seminar, il secondo organizzato quest’anno da IAB Italia dopo quello del 16 marzo “Digital Power: Dive into Data Driven Business”.

L’evento, che si terrà il 5 luglio a Roma presso la Camera dei Deputati, vedrà i professionisti del settore, le associazioni, le istituzioni e i principali player dell’industria digitale riflettere sulla necessità di garantire un contesto pubblicitario qualitativo ed equo tra gli attori del sistema ed approfondire l’impatto della normativa GDPR a livello locale.

Si parlerà di temi come il futuro della privacy, la gestione del dato e le opportunità per l’industria europea, e la trasparenza nella filiera dell’advertising online. Questioni quanto mai delicate e attuali del web, in un momento in cui i nuovi regolamenti europei, lo scandalo Cambridge Analytica, le discussioni sulla web tax e la trasparenza della filiera in ambito programmatico, impongono riflessioni attente sulla necessità di garantire un contesto pubblicitario qualitativo ed equo tra gli attori del sistema.

L’agenda dell’evento

La mattinata vedrà susseguirsi tre tavoli di discussione, moderati dal giornalista Luca Telese, e aperti dal Presidente IAB Italia Carlo Noseda e dall’On. Alessandro Fusacchia, Capogruppo in Commissione Cultura della Camera dei Deputati.

Il primo tavolo di discussione sarà focalizzato sulla gestione del dato e sulle opportunità per l’industria europea, e vedrà confrontarsi sul tema Antonello Soro, Presidente dell’Autorità Garante per la Protezione dei dati personali, Luca Bolognini, Presidente dell’Istituto Italiano per la Privacy, Guido Scorza, Responsabile Affari Regolamentari nazionali ed europei del Team digitale, Marco Bani, Capo della segreteria tecnica Agenzia per l’Italia Digitale, e Marco Delmastro, Direttore del servizio economico statistico AGCOM.

Il secondo tema affrontato sarà quello della trasparenza nella filiera dell’advertising online, su cui discuteranno Angelo Marcello Cardani, Presidente Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Giovanna Maggioni, Direttore Generale Upa, Vincenzo Guggino, Segretario Generale Iap, Guido Surci, Chief Intelligence Officer Havas Media e Fabrizio Angelini, CEO Comscore.

La terza tavola rotonda sarà infine sul tema dell’importanza dell’equità fiscale per lo sviluppo della filiera, e vedrà la partecipazione dell’On. Francesco Boccia, Membro della Commissione Bilancio Camera dei Deputati, Giovanni Gallucci, Senior Manager International Tax Services EY, Giulio Centemero, Capogruppo in Commissione Finanze Camera dei Deputati, Alessandro Amitrano, Membro della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, e Aldo Agostinelli, Vicepresidente IAB Italia. L’evento si chiuderà con un intervento di Daniele Sesini, Direttore Generale IAB Italia.

E’ possibile iscriversi all’evento entro il 3 luglio alle ore 11.00 a questo link.