Main partner:

Jobs

Pubblicità mobile iperlocalizzata e automatizzata: da AdMove.com un nuovo strumento per le agenzie

Da oggi agenzie e centri media hanno un nuovo strumento per la gestione di campagne mobile iperlocalizzate. Nasce infatti AdMove Agency, versione pro della piattaforma di proximity marketing AdMove.com.

Concepita espressamente per agenzie di advertising e centri media, consulenti e professionisti del web, è una piattaforma professionale di proximity marketing interamente automatizzata, in grado di creare e pianificare molteplici campagne mobile in pochi semplici step. Si tratta della versione per agenzie di AdMove.com, piattaforma di proximity marketing lanciata all’inizio di quest’anno dalla Hic Mobile di Enrico Majer e Max Willinger e dedicata a piccoli commercianti ed esercenti interessati a realizzare campagne ipergeolocalizzate su smartphone in completa autonomia.

AdMove Agency, sviluppata su tecnologia Microsoft.NET e dotata di una Business Intelligence integrata su un sistema di Data Mining e Machine Learning, il tutto costruito su infrastruttura Cloud di Azure, permette di gestire più campagne mobile contemporaneamente in maniera agile e fluida.

Tre le sue caratteristiche distintive: la semplicità di utilizzo, che consente di sviluppare una campagna pubblicitaria completa in pochi click; l’ampio bacino di dati di cui dispone, che permette di profilare il target del cliente automaticamente ed evidenzia le potenzialità del territorio di interesse dell’attività commerciale; e la misurabilità delle performance, con risultati proporzionati al budget allocato e in linea con gli obiettivi predefiniti.

Ecco come funziona. Una volta effettuato l’accesso su AdMove.com, si seleziona l’opzione “Sei un’agenzia di comunicazione o un centro media?”. A questo punto si può scegliere tra tre diverse possibilità. La prima è il percorso Advanced, che consente all’agenzia di scegliere direttamente il tipo di campagna da sviluppare tra quattro tipologie, ossia Display Per Click (l’annuncio viene veicolato sulle APP più utilizzate nel territorio di interesse e viene proposto fino al raggiungimento del target di click stabilito), Utenti Unici (l’annuncio viene veicolato sulle APP più utilizzate nel territorio di interesse fino al raggiungimento del target di Utenti Unici previsto), Google AdWords (l’annuncio appare in primo piano su Google, raggiungendo migliaia di persone nel territorio di interesse mentre queste sono alla ricerca di attività affini a quella pubblicizzata), Facebook Ads (il post sponsorizzato viene pubblicato in evidenza su Facebook e visualizzato da migliaia di persone che si trovano nel territorio di interesse mentre navigano sul social network). La seconda è il flusso Advised, che offre invece al marketer la possibilità di essere consigliato sul tipo di campagna più efficace e performante; la terza infine è la modalità GeoTool, che permette di scoprire importanti informazioni sul territorio in cui si trova il punto vendita, tra cui il numero di possessori di smartphone e tablet che transitano nella zona, il numero di competitor e i luoghi di aggregazione presenti nell’area.

Per quanto riguarda la creatività, la piattaforma Agency di AdMove.com consente di scegliere tra i visual personalizzati elaborati automaticamente dalla piattaforma; utilizzare le proprie creatività nei formati indicati; oppure far sviluppare al team creativo di AdMove una campagna ad hoc.

«Abbiamo lavorato con un obiettivo preciso: creare uno strumento tecnologicamente avanzato ma semplice da utilizzare che permettesse alle agenzie di pubblicità e ai centri media di risparmiare tempo e risorse, gestendo più campagne in modo organizzato e simultaneo – commenta Enrico Majer, co-fondatore di AdMove.com insieme a Max Willinger -. I marketer che desiderano sfruttare il potenziale del proximity marketing per i propri clienti possono ora avere accesso a prodotti che prima non potevano offrire, accrescendo così il loro business».

Con Hic Mobile il Programmatic è a misura di smartphone

Insieme al Video, al Performance e all’audience targeting, il Programmatic costituisce un altro segmento di attività di Hic Mobile.

La società “mobile native” di marketing e pubblicità ha appena rilasciato tre nuovi strumenti volti a rendere la pubblicità su smartphone più mirata ed efficace: il Retargeting Geo Referenziato, la Display Semantica e i Video Sponsorizzati.

Le soluzioni sono state sviluppate non solo sfruttando le tecnologie proprietarie di Hic Mobile ma anche grazie alle collaborazioni istituite con le principali piattaforme mobile presenti sul mercato. Max Willinger, Co-Fondatore insieme con Enrico Majer della società, ha dichiarato che le operazioni di targeting e di profilazione degli utenti sono attuate attraverso l’impiego di 40 data management platform differenti.

Inoltre, grazie alle integrazioni con due maggiori supply-side platform, Freewheel per l’inventory video e SmartAdServer per gli spazi display, la società è in grado di totalizzare 200 milioni di pagine visualizzate al mese, connettendosi a tutti i principali trading desk dei centri media.

«Per quanto riguarda le modalità di compravendita, i nostri clienti prediligono il Programmatic in reservation. Sul complesso delle transazioni eseguite, i private deal pesano per il 70% mentre l’open market detiene una quota pari al 30%», ha specificato Willinger.

Nel 2016, Hic Mobile ha registrato una crescita anno su anno del 60% e conta di incrementare il fatturato del 50% nel 2017.