Main partner:

Jobs

IBM Watson Marketing ufficializza il rebranding: ora si chiama Acoustic

All’inizio di luglio, IBM Watson Marketing, il braccio martech di IBM, ha annunciato di essere diventato un’entità standalone, indipendente dall’azienda americana di prodotti informatici, a seguito della sua vendita alla società di investimenti Centerbridge Partners. Adesso, la società ha ufficializzato il suo nuovo nome, Acoustic, e la sua immagine di brand.

Un nome scelto ad hoc per dare all’azienda un tocco più umano nella relazione col cliente, come spiega in un blog post il CEO di Acoustic Mark Simpson: «Siamo Acoustic perché ascoltiamo e comprendiamo le dinamiche umane dei problemi per trovare soluzioni che facciano la differenza».

L’offerta di Acoustic comprenderà tre servizi core: l’automazione delle campagne (ad esempio su email e app di messaggistica), il CRM e gli analytics, e la gestione dei contenuti e le tecnologie di recognition (in cui si inserisce anche l’elaborazione del linguaggio naturale e il riconoscimento di immagini e video).

Acoustic debutta già con un’ampia base di clienti, circa 3500, ereditati da IBM, e una squadra di 1100 professionisti, che conta già di ampliare in particolare con designer e data scientist.

L’obiettivo futuro della società è quello di creare una piattaforma di marketing cloud indipendente che utilizzi l’intelligenza artificiale per aiutare brand e agenzie a gestire il proprio lavoro in maniera più intelligente, semplice, veloce e conveniente. Un’obiettivo ambizioso, visto che nel settore l’azienda si scontra con colossi come Salesforce e Oracle. Ma proprio sulle proprie dimensioni ridotte e snelle, garantite dal distacco da IBM, Acoustic intende costruire il proprio posizionamento.