Main partner:

Marketing personalizzato: ecco in quali canali è più usato

Una ricerca ha messo in luce l’ampio utilizzo di messaggi customizzati all’interno dell’email marketing, ma anche nei siti web. Un effetto dell’ampia disponibilità di dati da parte delle aziende

di Alessandra La Rosa
29 giugno 2016
marketing-personalizzato-mobile

L’ampia disponibilità di dati ha aperto la strada a quello che è universalmente riconosciuto come uno dei principali benefici dell’advertising tecnologico: la possibilità di personalizzare i messaggi.

Al di là però di quanto è possibile fare con i messaggi pubblicitari, la customizzazione è anche un utile strumento per altri canali di comunicazione delle aziende, come i siti o le app.

Una ricerca condotta tra aprile e maggio di quest’anno da Evergage and Researchscape ha interrogato 250 aziende, per lo più americane, sul concetto di personalizzazione della comunicazione e sulla sua applicazione.

Il risultato? Customizzare un messaggio è una pratica ampiamente (forse più di quanto si pensi) utilizzata nell’email marketing. Ben il 67% delle aziende coinvolte personalizza i messaggi di posta elettronica, mentre il 56% lo fa con i propri siti internet. Molto più indietro si posizionano invece m-site (27%), mobile app (20%) e web app (19%).

Più in generale, il concetto di personalizzazione dei messaggi è in cima alle tendenze che attirano di più i professionisti del marketing. Secondo una recente ricerca di Pan Communications, il 57% degli operatori del settore ha rivelato che il marketing personalizzato e intent-based è il trend della comunicazione che è più interessato a sperimentare.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette