Main partner:

Su Pinterest la pubblicità Search diventa self-service e ancora più targettizzabile

Gli annunci Search sul social network saranno ora acquistabili tramite Ads Manager, e la segmentazione del pubblico sarà ancora più efficace grazie alla nuova funzione di “autotargeting”

di Alessandra La Rosa
19 ottobre 2017
pinterest

La pubblicità search su Pinterest diventa self-service.

Otto mesi dopo il debutto degli annunci search sul social, Pinterest ha annunciato che tali posizionamenti pubblicitari saranno ora accessibili alle aziende di tutte le dimensioni, in quanto acquistabili in modalità self-service tramite la piattaforma Pinterest Ads Manager.

Insieme a questa novità, Pinterest ha annunciato anche il debutto dello strumento “autotargeting” per la pubblicità search. Si tratta di un nuovo tool di segmentazione dell’audience che consente agli inserzionisti di targettizzare le loro campagne non più solo in base alle parole chiave, ma anche in relazione a ricerche rilevanti.

La funzionalità autotargeting è opt-in per tutte le aziende che usano Ads Manager, che potranno adottarla come modalità di targeting aggiuntiva a quella per parole chiave. Alla base del suo funzionamento c’è il Taste Graph di Pinterest, una tecnologia in grado di fornire informazioni su quello che gli utenti cercano e perché, costruita su una raccolta di oltre 100 miliardi di Pin e migliaia di miliardi di interazioni che gli utenti del social producono ogni settimana.

Grazie alla funzione di autotargeting, le aziende potranno automaticamente targettizzare le ricerche che non contengono specifiche parole chiave ma che sono considerate rilevanti per quei brand. Uno strumento particolarmente utile, visto che sul social network circa il 97% degli oltre 2 miliardi di ricerche effettuate ogni mese non includono il nome del marchio, e su cui dunque il solo utilizzo delle keyword a livello pubblicitario può non risultare pienamente efficace.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter