Main partner:

Marketing people-based: l’Advertising ID Consortium integra l’ID DigiTrust

Prosegue il tentativo del mercato di dotarsi di una soluzione "aperta" e interoperabile per contrastare il dominio di Facebook e Google nel targeting delle campagne

Oath apre al programmatic la pubblicità in Realtà Virtuale

La società ha presentato a Cannes una nuova offerta di soluzioni adv in VR, acquistabili in modalità automatizzata attraverso la sua DSP

Rubrica

Dimmi che app usi e ti diro chi sei: targeting mirato, non modelli

Osservare l’utilizzo delle app e la frequenza di ogni azione può essere estremamente utile agli inserzionisti per prendere decisioni più strategiche nella pianificazione. Ecco perché

Zampori, Quantcast: «L’intelligenza artificiale è fondamentale per la crescita dei brand»

Secondo la manager, intervenuta all'Osservatorio Internet Media del PoliMi, l'impiego dell'AI nella pubblicità online sarà particolarmente importante per prospecting, personalizzazione e prevenzione delle frodi

Zimmermann, AdUX: «GDPR? Concentriamoci sul contesto scelto dal consumatore»

Intervenuto oggi all'Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano, il CEO della società ha parlato del nuovo regolamento europeo e dei suoi effetti sulla pubblicità digitale

Sbirciare all’interno dei Walled Garden: perché la transparency crea vantaggi competitivi per tutti

Enrico Quaroni di Sizmek pone l'accento su fiducia e trasparenza, elementi senza i quali i provider di tecnologia per la pubblicità rischiano danni alla loro reputazione, oltre che un deterioramento dei risultati

In Evidenza

Bob Stutz, CEO di Salesforce Marketing Cloud: «Le CDP? Una moda passeggera»

Nella nostra rassegna di oggi anche la prima campagna di AB InBev basata su blockchain e il nuovo interesse di Google per il mondo ecommerce

Adobe lancia Attribution IQ, nuovo strumento per l’attribuzione multicanale

La soluzione, presentata a Cannes, mette a disposizione delle aziende un set di ben 10 modelli, per catturare i differenti modi in cui i consumatori sono influenzati dalla pubblicità

AppNexus lancia Guaranteed Views, per l’acquisto di inventory 100% visibili

La soluzione consente ad aziende e agenzie di comprare adv sul mercato aperto pagando solo gli annunci identificati come "viewable". Una novità con cui la società intende lanciare la sfida a Facebook e Google

GDPR: Facebook aggiorna le custom audience per creare più trasparenza

A partire dal 2 luglio, gli inserzionisti dovranno specificare come hanno ottenuto le informazioni sugli utenti nell'upload di una custom audience per le loro campagne

Adobe batte le attese nel Q2 dell’anno fiscale 2018: fatturato a 2,2 miliardi di dollari

Intanto Pinterest annuncia novità per il suo programma Marketing Partners, e Havas Group potenzia il proprio network consulenziale con un importante investimento. La rassegna di oggi

Lastminute.com group lancia un tool che aiuta le aziende a monetizzare i contenuti in programmatic

L'offerta della divisione The Travel People si amplia con ContentHub, un CMS che consente ai brand travel e retail di creare siti già abilitati alla vendita automatizzata di pubblicità, senza la necessità di plug-in aggiuntivi

AppNexus investe ancora sulla qualità dell’inventory: partnership con White Ops

La piattaforma di programmatic applicherà la tecnologia di White Ops per potenziare la prevenzione delle frodi pre-bid su tutto il Marketplace

Il programmatic cresce nel mondo: +23,2% quest’anno secondo Dentsu Aegis Network

Il mercato segnerà un ulteriore +19,1% nel 2019. Ne parliamo nella nostra rassegna, insieme al nuovo standard VAST di IAB e all'arrivo del targeting people-based su Bing

Qualità delle inventory: i trend a livello globale in uno studio di DoubleVerify

La brand safety è ancora in cima ai pensieri degli inserzionisti. Aumenta la viewability, ma anche il fenomeno delle frodi su mobile

Brand safety: per 7 aziende su 10, DSP e ad exchange si stanno muovendo in modo adeguato

Diversi gli approcci seguiti dai marketer per ovviare al problema, tra richieste ai partner tecnologici, spostamento degli investimenti su editori premium e utilizzo di blacklist o whitelist

Il programmatic verso un valore di 500 milioni di euro nel 2018

L’incidenza del buying automatizzato sul totale del display advertising è passata dal 23% del 2016 al 25% del 2017. I dati dell’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano

In 2 anni gli spender hanno ridotto del 40% il numero delle DSP utilizzate, secondo una ricerca

In base ai dati raccolti da Pathmatics, negli USA gli spender hanno diminuito da 7 a 4 le piattaforme di acquisto mediamente usate. Il mercato verso un’ulteriore selezione?

Video adv: la convergenza tra web e tv si applica nella pratica degli acquisti media?

Secondo uno studio, in molti casi la pubblicità viene comprata separatamente, nonostante la tendenza di brand e agenzie a considerare i due mezzi in maniera integrata

Alle aziende piacciono i formati video brevi. I dati di uno studio

Il numero di piattaforme che erogano spot da sei secondi è cresciuto del 300% rispetto a un anno fa. E ci si aspettano ulteriori aumenti futuri

In Italia i costi del Programmatic coprono il 20% dell’investimento media

Lo stima GroupM all’interno di uno studio globale. Una percentuale in declino rispetto al passato, anche a causa di una progressiva riduzione dei prezzi

L’adozione dell’header bidding continua a crescere, spinta dal mobile

Uno studio di PubMatic ha analizzato i principali trend globali della pubblicità su smartphone e tablet nel Q1 2018. Ecco cosa ha scoperto

La pubblicità in contesti editoriali di qualità è più efficace, secondo una nuova ricerca

Lo studio, promosso dal World Media Group e condotto da Moat e Saas Analytics, dimostrerebbe che il bacino digitale di spazi pubblicitari degli editori premium garantisce agli inserzionisti performance superiori

Viewability, non tutti i marketer sono d’accordo con la definizione di IAB

Secondo un sondaggio condotto a livello globale dal CMO Council, le linee guida sul parametro fornite dall’Interactive Advertising Bureau sono condivise da una piccola parte dei professionisti. Ma trovare standard alternativi resta difficile