Main partner:

Protezione del brand e Programmatic: l’approccio di Sizmek

La piattaforma racconta la soluzione Peer39, che interpreta i contenuti presenti su ogni pagina fornendo i dati necessari per garantire che gli annunci pubblicitari soddisfino le esigenze di qualità, sicurezza e l’inserimento nel contesto più appropriato

Cosimo Vestito
20 settembre 2017
sizmek

La Brand Safety è uno dei temi più caldi degli ultimi mesi, soprattutto quando si parla di Programmatic. Da una parte le aziende che cercano di capire come proteggere al meglio il proprio marchio, dall’altra gli specialisti del digitale che stanno lavorando a soluzioni e servizi per aiutare i clienti a comprendere il problema, affrontare le paure e superarle con soluzioni e consigli ad hoc. È il caso di Sizmek, la piattaforma di data activaction e soluzioni di ottimizzazione creativa basata sugli interessi degli utenti per coinvolgenti esperienze di advertising, che, con la tecnologia di Peer39, ha sviluppato uno studio che aiuta le aziende a salvaguardare il proprio brand con un approccio personalizzato.

I fattori da prendere in considerazione quando si decide di intraprendere azioni per la protezione del brand, sono molteplici: i touch point della campagna, il target da raggiungere, le diverse tipicità dei vari canali coinvolti. Nello stesso tempo, per proteggere un marchio da notizie o scandali specifici particolarmente dannosi, le aziende non possono permettersi di interrompere una campagna pubblicitaria a causa – magari – di un incidente isolato. Per questo motivo Sizmek propone un approccio personalizzato che si adatta all’evolvere degli eventi, grazie a Peer39 che permette di gestire e prevenire questa tipologia di rischi con molti approcci differenti. Approcci che spaziano dall’individuazione di categorie e settori sicuri, per massimizzare la propria presenza e la propria comunicazione senza essere esposti in siti sbagliati, fino alla classificazione delle mobile in-app e alle strategie di targeting.

Il tutto in tempi brevi e prevenendo le criticità. Forte di più di 170 milioni di pagine analizzate ogni giorno (nel 2016 sono state oltre 46 miliardi le pagine prese in esame), tempi rapidi (solo 20 minuti) per aggiornare le classificazioni, la gestione di oltre 200 miliardi di richieste al giorno e la classificazione di nuove pagine solamente dopo 3 richieste di acquisto, la tecnologia alla base di Peer39 interpreta i contenuti presenti su ogni pagina, fornendo i dati necessari per garantire che gli annunci pubblicitari soddisfino le esigenze di qualità, sicurezza e l’inserimento nel contesto più appropriato.

Peer39 esegue una scansione completa dei dati a livello di pagina e determina accuratamente se il testo è pertinente ai contenuti presenti. La procedura esclusiva e altamente sofisticata di Sizmek consente di catturare il testo pertinente all’interno di una pagina per classificarlo contestualmente. Allo stesso tempo sottopone a scansione altri elementi, quali URL e metadati, per determinare la qualità complessiva, l’eccesso di annunci pubblicitari, i dati sul player video e quelli sulla mobile app che si trovano negli app store e in altre fonti. Inoltre, le informazioni sul traffico e sulle attività social all’interno delle pagine sono catturate per analizzare il traffico eliminando così i bot noti e identificarne di nuovi.

L’algoritmo di apprendimento automatico di Peer39 analizza anche le relazioni tra singole parole e frasi per determinare le varie classificazioni contestuali. È un algoritmo semantico che si basa su vari set di addestramento in 12 lingue. Dalla fase di analisi, Peer39 passa all’abbinamento delle classificazioni semantiche a un modello di classificazione delle parole chiave, costantemente migliorato grazie all’intervento umano. È proprio questo esclusivo incontro di analisi semantica e identificazione delle parole chiave che permette di migliorare precisione e memoria, offrendo informazioni specifiche senza sacrificare la copertura. La metodologia Peer39 si basa su parole chiave e riconosce 40 lingue anche all’interno delle categorie personalizzate. Un ulteriore livello analitico, grazie a un algoritmo molto preciso, garantisce il massimo livello di copertura nel “catturare” le pagine non sicure, mantenendo un grado elevato di precisione che, sostanzialmente, non limita la scalabilità in nove lingue e sei settori.

“La sicurezza dei brand è il nostro fiore all’occhiello – dichiara John Douglas, Director Product Strategy, Sizmek -, perché il nostro obiettivo finale è che le aziende, quando pianificano campagne Programmatic, possano ottenere il miglior ritorno sull’investimento in tempi brevi e senza incappare in situazioni critiche che richiederebbero ulteriori investimenti e strategie per proteggere il proprio brand. La tecnologia di Peer39 è molto sofisticata ed è frutto della nostra esperienza e della costante Ricerca & Sviluppo abbinata all’intervento umano. È una soluzione e un connubio in cui crediamo molto e che ci consente di essere al fianco dei nostri clienti costantemente, garantendo la necessaria protezione”.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter