Main partner:

Ad tech, le società attive su brand safety e qualità delle inventory sono quelle che crescono di più

Uno studio ha indagato il trend di occupazione degli operatori di tecnologie pubblicitarie. Le società di misurazioni sono quelle a più rapida crescita, sintomo della ancora diffusa preoccupazione su temi quali frodi e sicurezza

di Alessandra La Rosa
06 ottobre 2017
brand-aziende-programmatic

La buona salute del mercato ad tech si vede anche dai trend di crescita dei professionisti impiegati nel settore. Una ricerca di Pivotal Research Group, realizzata da dati estrapolati da LinkedIn relativi al terzo trimestre dell’anno, ha indagato l’andamento dell’occupazione nelle principali aziende di tecnologie pubblicitarie, rivelando che la industry sta navigando in acque tranquille, con un complessivo +9% dei dipendenti, anche se alcuni settori stanno crescendo più di altri.

Curiosamente (ma in un certo senso prevedibilmente), a crescere di più sono le società che si occupano di misurazioni della brand safety e in generale della qualità dei posizionamenti pubblicitari digital. Una tendenza che riflette i timori delle aziende su temi quali frodi e sicurezza di brand, e la loro sempre maggiore richiesta di supporto ad operatori specializzati.

«Ancora una volta le aziende a più rapida crescita tra quelle che abbiamo osservato sono le società con strumenti legati alla qualità della pubblicità e alla brand safety, un gruppo che include IAS e DoubleVerify – scrive l’analista di Pivotal Research Group Brian Wieser -. Il numero di dipendenti registrati su LinkedIn di queste due aziende sono aumentati del 26% anno su anno».

Seguono gli operatori specializzati in social media management, come HootSuite, Sprinklr, Sprout Social, Unified e Nanigans, che hanno registrato un +24% nel trimestre. Al terzo posto le società di analytics location-based, tra cui xAd, Foursquare, Verve, PlaceIQ, UberMedia, NinthDecimal e Factual, cresciute del 15% anno su anno.

Secondo lo studio, altri ambiti faticano invece a mantenere nel tempo gli stessi trend: tra di essi ci sono le società specializzate in pubblicità video e le DSP.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter