Main partner:

Xaxis punta sul mobile: acquisita la società ad-tech specializzata ActionX

ActionX traccia il comportamento degli utenti di app mobile, in maniera anonima, ed eroga campagne sulla base di queste preferenze. Xaxis potrà ora targettizzare meglio gli annunci all’interno delle app e collegare le identità degli user attraverso i vari device

di Alessandra La Rosa
30 marzo 2015
xaxis-square

Proprio qualche giorno fa lo IAB americano ha pubblicato il suo primo “Mobile Programmatic Playbook”, una “guida” dedicata al settore. Un gesto che suggella quello che da tempo era opinione condivisa: il Mobile è la nuova frontiera del Programmatic Advertising.

E davanti all’avanzata di smartphone e tablet, i centri media non stanno a guardare, anzi, si attrezzano di conseguenza.

ActionX

Come Xaxis, il braccio programmatico di Wpp, che martedì 30 marzo ha annunciato di aver acquisito la società di ad-tech mobile ActionX. Una mossa che dà alla società la capacità di targettizzare meglio gli annunci all’interno delle app e di collegare le identità degli utenti attraverso i vari device. Due mansioni su cui ActionX ha costruito il suo business, attraverso i suoi dati proprietari mobile-first e le sue tecnologie per l’audience targeting.

In particolare, ActionX traccia il comportamento degli utenti di app mobile, in maniera anonima, ed eroga campagne agli utenti sulla base di questi comportamenti. Oltre a ciò, aiuta a incrociare gli utenti delle app sui vari device. Tra i suoi clienti, aziende media come Forbes e Hearst ed e-commerce come JackThreads.

ActionX conta 25 dipendenti ed ha sede a New York.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette