Main partner:

Non solo ad blocking. Ecco i temi che più preoccupano gli editori nel 2016

Ai primi posti viewability, attribuzione e misurazione. Impensieriscono meno, invece, questioni come l’avanzata dei social media e la mancanza di inventory display di qualità. Lo rivela una ricerca

di Alessandra La Rosa
17 agosto 2016
digital-publisher-editori-mobile

Viewability, attribuzione e misurazione. Sono questi i temi che più preoccupano l’industria editoriale quest’anno, secondo una ricerca della società di software pubblicitari Mixpo, riportata da emarketer.

L’azienda ha effettuato un sondaggio su 205 professionisti pubblicitari statunitensi del ramo editoriale, riguardo lo stato dell’advertising digitale. E tra le varie domande, ha anche chiesto loro quali sono i temi che più li preoccupano quest’anno.

Secondo i risultati dello studio, il 69% dei rispondenti ha segnalato come molto preoccupante o estremamente preoccupante sia l’argomento viewability che quello attribuzione e misurazione. Tra gli altri temi “hot” anche quello delle frodi e dell’ad blocking.

preoccupazioni-editori-2016

A sorpresa, altri temi come l’avanzata dei social media (con le relative questioni inerenti la distribuzione dei contenuti editoriali) e la mancanza di inventory display di qualità sono apparse meno preoccupanti di quanto si pensava: addirittura oltre il 20% degli intervistati ha detto di non avere alcuna preoccupazione in proposito.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.