Main partner:

Viacom International Media Networks punta sul marketing data-driven, con un “commercial innovation group” dedicato

A capo del gruppo di lavoro internazionale, impegnato ad aiutare gli inserzionisti a sviluppare campagne sui social o progetti di branded content customizzati, ci sarà Philip O’Ferrall. Tra i suoi obiettivi, anche supportare il lancio della soluzione di adv multipiattaforma Viacom Connect

di Alessandra La Rosa
20 maggio 2015
Philip-O'Ferrall-viacom
Philip O'Ferrall

Viacom International Media Networks (VIMN), media company cui fanno capo canali come MTV, Nickelodeon e Comedy Central, punta sul digital e sul marketing data-driven, con la creazione di un “commercial innovation group” internazionale.

L’obiettivo del gruppo di lavoro sarà aiutare gli inserzionisti a creare campagne sui social o progetti di branded content customizzati. Nello specifico, il team lavorerà con nuovi e già esistenti clienti di VIMN per aiutarli a sviluppare progetti di marketing data-driven all’interno dell’ampio portafoglio di brand del network.

Il gruppo sarà anche responsabile della creazione di prodotti commerciali digitali su misura legati agli eventi internazionali di Viacom, come ad esempio gli MTV EMA, che, in occasione dell’ultima edizione lo scorso novembre a Glasgow, hanno prodotto mezzo miliardo di voti e 389 milioni di mensioni sulle piattaforme social.

Il team sarà basato a Londra e New York, e sarà guidato da Philip O’Ferrall in qualità di head of commercial innovation. Un ruolo che lo vedrà impegnato nello sviluppo dell’offerta di contenuti digitali di VIMN, nonchè nel lancio internazionale di Viacom Connect, uno strumento che dovrebbe mettere insieme varie nuove iniziative di advertising multipiattaforma, come la piattaforma di misurazione dei social media Echo, sviluppata da Viacom insieme a Mass Relevance.

«Combineremo l’innovazione data-driven e la nostra expertise in campo search con la nostra comprovata forza nei contenuti di intrattenimento, in un unico digital media shop per i brand e le agenzie», ha commentato O’Ferrall.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette