Main partner:

Viacom, accordo con comScore per l'offerta pubblicitaria data-driven

Il broadcaster potrà utilizzare i dati di comScore per individuare, per singolo inserzionista, quali formati adv funzionano meglio per raggiungere il target attraverso tv lineare, digital, mobile e OTT

di Rosa Guerrieri
18 marzo 2016
deal-inventory-programmatic

Grazie a un accordo pluriennale, Viacom avrà accesso ai tool di misurazione tv e internet di comScore.

L’intesa tra le due società prevede che Viacom possa utilizzare i dati di comScore per potenziare la sua suite di prodotti pubblicitari targettizzati, non legati ai tradizionali rating televisivi.

In particolare, come spiega Bryson Gordon, senior vice president of data strategy di Viacom, riportato dal Wall Street Journal, i dati di comScore aiuteranno Viacom a produrre modelli predittivi di quali formati adv funzionano meglio per raggiungere il consumatore desiderato attraverso tutte le property Viacom: tv lineare, digital, mobile e OTT. Per esempio, si potranno identificare i “nuovi genitori alla probabile ricerca di pannolini” oppure “le persone che frequentano abitualmente fast-food” e, sulla base di questi segmenti, individuare i luoghi in cui erogare pubblicità rilevanti. Insomma, una targettizzazione che va ben oltre le variabili demografiche come età e sesso a cui sono abituati gli inserzionisti televisivi.

Una mossa che si inserisce in un potenziamento dell’offerta di Vantage, il servizio di data-targeting di Viacom, e che per comScore rappresenta, nelle intenzioni, il primo di una serie di simili accordi, in seguito alla recente fusione con Rentrak (precedentemente Viacom aveva singoli accordi sia con comScore e Rentrak). «Il piano è di stringere simili intese con vari broadcaster e agenzie. Si deve partire da qualche parte. Questo è solo il primo caso», ha dichiarato in proposito Serge Matta, ceo di comScore.

 

 

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette