Main partner:

Unruly fornirà i suoi formati video outstream a The Wall Street Journal

Le unità pubblicitarie si avviano solo se in-view e, stando alle misurazioni di Moat, possono raggiungere tassi di viewability dell’81,17% sul sito del quotidiano finanziario. L’azienda ad-tech pronta a lanciare due nuovi private marketplace dedicati ad utenti ad alto reddito

di Cosimo Vestito
30 giugno 2016
Unruly-logo

Grazie ad un nuovo accordo, Unruly, azienda tecnologica specializzata in annunci video, permetterà agli inserzionisti del sito web di The Wall Street Journal di acquistare i propri formati outstream all’interno delle pagine degli articoli di WSJ.com.

Le unità pubblicitarie si avviano solo quando il video è in-view, come definito dal Media Rating Council. Misurato da Moat, il formato raggiunge tassi di viewability dell’81,17% sul sito del quotidiano finanziario, dato che, secondo Unruly, è più alto del 35% della media registrata da Moat.

“Un inventario video di alta qualità, alta visibilità e presente su siti premium è scarsità di offerta, specialmente se vuoi comprare programmaticamente. Questo è un problema che stiamo risolvendo”, ha dichiarato a MediaPost Scott Button, Ceo di Unruly. Button ha aggiunto che, ora che Unruly è parte di News Corp, sarà in grado di incrementare nettamente la quantità di offerta video disponibile su WSJ.com, sia per mobile che per desktop.

In più, l’azienda ad-tech sta lanciando due private marketplace con l’obiettivo di raggiungere un pubblico facoltoso, specialmente uomini d’affari. Questi nuovi PMP, “Affluentials” e business-to-business, sono progettati per permettere ai marketer di scalare il loro raggio d’azione su questi particolari gruppi demografici, spesso difficili da raggiungere.

I compratori possono accedere all’inventario presente su UnrulyX attraverso tutte le maggiori DSP, incluse The Trade Desk, DoubleClick Bid Manager (DBM), e AppNexus. Unrulyx utilizza Moat ed Integral Ad Science per la verifica e la rilevazione su viewability e traffico umano.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette