Main partner:

Tradelab: nuove nomine per crescere a livello internazionale

Carole Morvan e Guillaume Verspieren diventano rispettivamente vice direttrice generale e chief financial officer. Rebecca Crown ricoprirà la carica di international development mentre Sarah Djedid quella di head of international mobile

di Caterina Varpi
20 gennaio 2016
Carole-Morvan
Carole Morvan

Per sostenere il suo sviluppo, Tradelab, società fondata nel 2010 dall’iniziativa di Yohann Duspasquier e Charles Gros, ha deciso di rinforzare le presenze su ruoli strategici che permettano alla piattaforma programmatica di assicurare il raggiungimento dei suoi obiettivi.

Guillaume-Verspieren
Guillaume Verspieren

Oltre ad assunzioni nell’ambito della direzione generale dell’azienda, di cui entrano a far parte Carole Morvan e Guillaume Verspieren, in qualità rispettivamente di vice direttrice generale e chief financial officer, il 2016 di Tradelab sarà marcato da due arrivi importanti a livello di management internazionale.

Rebecca Crown, di nazionalità britannica e con più di otto anni di esperienza nel settore della pubblicità online, ricoprirà la carica di international development, dopo aver lavorato per AOL e per il player programmatic Rocket Fuel nel ruolo di head of account management Francia e Germania.

Sarah Djedid è stata nominata, invece, head of international mobile. Nel corso degli ultimi sei anni, ha lavorato nel ruolo di head of mobile e tablet per Perfomics (Vivaki – Gruppo Publicis), e in seguito come head of international mobile presso Kwanko.

Gaetano Polignano, country manager della branch italiana commenta: «Tradelab non è più un semplice start up e queste nuove assunzioni rinforzano il suo ruolo di azienda internazionale. Rebecca ricoprirà un ruolo estremente importante e la sua presenza sarà essenziale per lo ulteriore sviluppo della piattaforma programmatica in Italia. Per completare questo percorso di crescita, nei prossimi mesi assumeremo un’altra persona in qualità di sales director per l’Italia. L’arrivo di Sarah, si inserisce all’interno di un piano di ampliamento dell’offerta per i device mobili, che in Italia – più che in altri paesi – ricoprono un ruolo fondamentale nella giornata del consumatore».

Queste due nomine si inseriscono in una strategia che ormai dall’anno scorso mira allo sviluppo internazionale. Dopo aver aperto nel 2014 uffici in Italia e Turchia, nel 2015 Tradelab ha imposto la sua presenza anche sul mercato tedesco e su quello spagnolo con uffici a Berlino e a Madrid.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette