Main partner:

Il Telegraph garantisce agli inserzionisti 10 secondi di viewability

La versione online della testata britannica ha messo a disposizione dei marchi un nuovo formato capace di garantire il 100% della share of voice. Una ricerca di IPG Media e Integral Ad Science rileva che parametri simili garantiscono migliori tassi di recall e brand awareness

di Cosimo Vestito
14 luglio 2016
telegraph-viewability

Telegraph Media Group ha apportato delle importanti modifiche alla sua tecnologia display online varando un nuovo formato pubblicitario capace di occupare sulla pagina una posizione fissa per dieci secondi consecutivi, con elevati livelli di viewability.

L’annuncio resta viewable anche se un utente scorre lungo la schermata, verso l’alto o il basso, per leggere un articolo; inoltre, la versione online della testata britannica permette l’opzione di visualizzare, subito dopo, un secondo annuncio con le stesse caratteristiche nella stessa posizione. Nessun’altro inserzione appare sullo schermo nello stesso tempo, ad ogni marchio è quindi garantita 100% del cosiddetto share of voice.

“Gli inserzionisti stanno soffrendo perché molti editori fanno pagare per della pubblicità che appare sullo schermo solo per un secondo, ossia la soglia di viewability stabilita dall’Internet Advertising Bureau”, ha dichiarato a Campaign Jim Freeman, Trading director e Group sales di Telegraph Media Group, “TMG crede che lo standard, secondo questi parametri, non va molto lontano e non riconosce pienamente i bisogni degli inserzionisti”.

A sostegno della sua opinione, Freeman ha inoltre fatto menzione di una ricerca IPG Media e Integral Ad Science, la quale ha mostrato che l’80% degli annunci non è ricordato dopo solo un secondo di visione; in più, secondo lo studio, la conoscenza del marchio (brand awarness) e la memoria aumentano significativamente dopo sette secondi.

“L’annuncio sarà visto per un minimo di dieci secondi o non si pagherà affatto per quella impressione”, ha specificato il trading director e group sales di Telegraph Media Group, “Questa soglia supera di gran lunga i parametri di altri editori, Facebook in particolare, che considera, appunto, un annuncio viewabile solo dopo un secondo”.

Campaign stima che gli inserzionisti paghino per questo tipo di inserzione un premium 1,4 volte superiore alla quota standard, oppure par ali 40%, basandosi sul costo per migliaia. A marchi e agenzie sarà comunque consentita la possibilità di optare per un annuncio display standard in alternativa al nuovo formato.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.