Main partner:

L’outstream video crescerà nei prossimi due anni: ne è convinto il 66% delle aziende

Secondo una ricerca internazionale di Teads, questo tipo di formati sta acquisendo sempre più importanza nel media mix, anche grazie a una migliore ottimizzazione per gli schermi mobile

di Alessandra La Rosa
30 agosto 2016
video-outstream

L’outstream video crescerà nei prossimi due anni.

A dirlo sono i dati di “Outstream: The New Wave of Advertising“, una ricerca internazionale di Teads che ha coinvolto oltre 250 professionisti d’azienda: il 66% di essi e oltre il 77% di chi afferma che investirà di più sui media digitali è convinto che i formati video outstream cresceranno nel prossimo futuro.

La conoscenza di questo tipo di unit pubblicitarie, del resto, è aumentata rispetto allo scorso anno. Secondo lo studio, oltre due terzi degli intervistati che conoscono l’outstream video ne sono venuti a conoscenza nell’ultimo anno o meno. E oggi l’outstream comincia anche a diventare una parte importante del media mix: le aziende che investono di più sul digital sono il 42% più propense ad essere d’accordo sul fatto che l’outstream diventerà una parte più importante del loro media mix rispetto all’instream. Il 37%, inoltre, concorda sul fatto che investire nell’outstream lascerà indietro l’instream.

I professionisti coinvolti hanno inoltre affermato che l’outstream è maggiormente allineato agli obiettivi delle loro campagne, siano essi la brand awareness, le vendite online, la targettizzazione di consumatori chiave o il consenso nei confronti del marchio. E che, secondo il 60% di chi incrementerà il proprio budget digital nel 2017, l’outstream è meglio ottimizzato per mobile dell’instream.

Sempre a proposito di mobile, il 66% degli intervistati ha affermato che la diffusione di formati verticali o quadrati, ottimizzati per smartphone e tablet, contribuirebbe a portare più investimenti sul mezzo, così come lo farebbe, secondo il 60% di chi investirà di più sul digital, l’opportunità di acquistare video outstream su contenuti mobile premium.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette