Main partner:

Jobs

AT&T lancia Xandr, nuova divisione ad tech. Comprenderà anche AppNexus

Si ispira al nome di Alexander Graham Bell, fondatore dell’allora American Telephone and Telegraph Company, Xandr, la nuova offerta ad tech di AT&T, che la telco ha presentato oggi nel corso di un evento in California.

Una nuova unit che punta a rivoluzionare il business pubblicitario rendendo gli annunci rilevanti per i consumatori, profittevoli per le media company e efficienti per gli inserzionisti, secondo quanto ha dichiarato il Ceo di AT&T Brian Lesser.

Xandr unisce tutte le soluzioni relative a dati, analytics e advanced TV di AT&T, compresi gli strumenti di AppNexus, recentemente acquisita dalla telco e che – spiega la società in una nota – “continuerà a supportare i suoi clienti in USA e nel mondo sotto l’ombrello Xandr”.

La unit si propone di combinare i dati provenienti dai 170 milioni di abbonati AT&T con l’ampia libreria di contenuti di WarnerMedia (anch’essa parte di AT&T), per erogare annunci targettizzati al pubblico. Ma in realtà la unit punta a superare presto i confini delle property AT&T: la sua visione è infatti ben più ampia, ed è quella di un marketplace per tutti i proprietari di spazi media, in cui i brand possono sfruttare i loro dati proprietari, unirli a quelli di AT&T e misurare performance e attribuzione delle campagne sulla base dei propri standard. E in questa direzione AT&T ha già compiuto qualche passo, avviando accordi con società esterne, come Altice USA e Frontier Communications, per aggregare e vendere le loro inventory di addressable TV.

Naturalmente, in tutto questo AppNexus avrà un ruolo fondamentale. Pur continuando a mettere a punto il suo marketplace programmatico – ha spiegato Lesser – la società costruirà una piattaforma volta a rendere l’acquisto di pubblicità sulla TV lineare più automatizzato e data-driven, allo stesso tempo rendendo pienamente programmatica l’offerta addressable della telco.

E Xandr ha anche un altro obiettivo ambizioso: quello di riprogettare lo spazio pubblicitario televisivo, rendendolo meno fastidioso per l’utente e più misurabile per l’inserzionista. Invece del break per spot da 30 secondi, ha spiegato Lesser, potrà ad esempio esserci un’icona brandizzata che lo spettatore potrà cliccare per ricevere maggiori informazioni sul proprio smartphone.