Main partner:

Jobs

Il ruolo di AppNexus all’interno di Xandr, la divisione ad tech di AT&T

Il futuro di AppNexus all’interno di Xandr, la unit ad tech di AT&T? Non sarà quello di una piattaforma video, anzi.

In occasione di un recente incontro con gli investitori, il CEO di Xandr Brian Lesser ha fatto luce su quello che sarà il ruolo della società ad tech acquisita a giugno dalla telco americana: un ruolo preciso e importante, che andrà ad ampliare le aree di operatività della divisione.

Il manager ha infatti sottolineato che, oltre al business televisivo in aumento – la piattaforma tv gestita da Xandr è cresciuta del 22% anno su anno nel Q3, trainata da addressable e prodotti data-driven – la società nel 2019 sarà molto coinvolta anche nell’implementazione di pubblicità digital, per cui sarà fondamentale l’apporto di AppNexus.

Le due linee di business, tv e web, sono ora ufficialmente connesse: «Abbiamo unito una società molto forte nelle vendite media con la più robusta piattaforma pubblicitaria – ha spiegato Lesser -. Il nostro business di media sales completa quello della piattaforma tecnologica, nel senso che tutti gli editori che con cui già lavoriamo possono ora avere accesso ad ancora più domanda, associando la loro inventory di alta qualità ad ottimi contenuti per ottenere risultati eccellenti».

Ma non è solo questione di ampliamento dell’offerta media. Lesser ha aggiunto che la piattaforma digitale di AppNexus contribuirà anche a rendere l’operatività di Xandr più efficiente nell’individuazione delle audience, nell’erogazione delle campagne e nell’innovazione di formati e sistemi di misurazione.

La top manager di Xandr: «E’ importante per i brand regolare le strategie di bidding»

Oggi nella nostra rassegna parliamo di strategie di bidding, del nuovo Creative Partners Program di Snap e di un recente trend relativo alla pubblicità su Amazon.

Catherine Williams, Xandr: «E’ importante per i brand regolare le strategie di bidding»

Le aziende devono regolare le loro strategie di bidding programmatico, perché molti ad exchange hanno cambiato il modo in cui stabiliscono il prezzo delle inventory. Ne è convinta Catherine Williams, chief data scientist di Xandr (la nuova divisione ad tech di AT&T, di cui fa parte anche AppNexus), secondo cui per i brand si tratta di una mossa necessaria per non pagare più del normale gli spazi pubblicitari da acquistare: «Con sempre più spazi venduti in header bidding, si sono create varie incomprensioni, e i buyer si sono confusi sulla tipologia di aste condotte», in particolare tra first- e second-price. Leggi di più su eMarketer.

Snap lancia un Creative Partners Program per Lenti brandizzate

Snap, la società cui fa capo Snapchat, ha lanciato un partner program per lo sviluppo di nuove Lenti di Realtà Aumentata per i brand. Il programma è aperto ad agenzie e singoli individui esperti nella produzione di filtri e lenti brandizzate per il social del fantasmino. Una mossa che punta ad aiutare gli inserzionisti a connettersi alla communità del social, attraverso la creazione di esperienze pubblicitarie immersive e ingaggianti. Attualmente oltre 150 partner creativi di Snap sono certificati: tra questi ci sono Adobe, TBWA, DDB Worldwide, Marcel, Resolution Media, BETC Digital e Wunderman. Leggi di più su MediaPost.

I brand cercano specialisti per la comunicazione su Amazon

Le aziende vogliono portare in-house la gestione delle loro campagne pubblicitarie su Amazon, e puntano ad assumere persone capaci di “navigare” l’offerta pubblicitaria del colosso ecommerce. Generalmente, queste aziende intendono gestire autonomamente la strategia pubblicitaria su Amazon, lasciando invece alle agenzie la parte di esecuzione delle campagne, come già succede con Google e Facebook. E’ il caso, ad esempio, di Reckitt Benckiser – che sta attualmente cercando persone capaci di gestire le sue campagne search sul sito ecommerce – e il brand di moda G-Star, che sta assumento ecommerce manager specificamente per la vendita dei suoi prodotti su Amazon e per il coordinamento del lavoro delle agenzie sulla piattaforma. Leggi di più su Digiday.

AppNexus traina la crescita di Xandr, la unit ad tech di AT&T

Parte col piede giusto Xandr, la neonata unit ad tech di AT&T.

Il fatturato pubblicitario della divisione – che al suo interno comprende anche AppNexus dopo l’acquisizione di quest’ultima da parte di AT&T – è cresciuta del 34% anno su anno. Escluso il business di AppNexus, il dato è comunque in aumento del 22%.

Che AppNexus abbia contribuito e continuerà a contribuire in maniera sensibile al business di Xandr è convinto anche il CFO di AT&T John Stephens, il quale ha dichiarato che la piattaforma, combinata con l’inventory video di AT&T e con altri «significativi spazi pubblicitari», aiuterà a far crescere il business pubblicitario della compagnia. «A lungo termine, se utilizzeremo queste capacità, potremo fornire una enorme flessibilità alla nostra base clienti su tv lineare, DirecTV Now, OTT e trasferirla anche sul mondo wireless e su altre aree», ha aggiunto il manager.

E in effetti, il colosso telco americano ha grandi piani per Xandr. La società punta infatti a combinare i dati dei suoi 170 milioni di abbonati con i contenuti di WarnerMedia (anch’essi un asset di AT&T), generando così più pubblicità targettizzata e in ultima istanza maggiori ricavi adv. In questo disegno, il prossimo passo per Xandr sarà quello di mettere in piedi la propria base di partner, siglando accordi con varie società televisive.

AT&T lancia Xandr, nuova divisione ad tech. Comprenderà anche AppNexus

Si ispira al nome di Alexander Graham Bell, fondatore dell’allora American Telephone and Telegraph Company, Xandr, la nuova offerta ad tech di AT&T, che la telco ha presentato oggi nel corso di un evento in California.

Una nuova unit che punta a rivoluzionare il business pubblicitario rendendo gli annunci rilevanti per i consumatori, profittevoli per le media company e efficienti per gli inserzionisti, secondo quanto ha dichiarato il Ceo di AT&T Brian Lesser.

Xandr unisce tutte le soluzioni relative a dati, analytics e advanced TV di AT&T, compresi gli strumenti di AppNexus, recentemente acquisita dalla telco e che – spiega la società in una nota – “continuerà a supportare i suoi clienti in USA e nel mondo sotto l’ombrello Xandr”.

La unit si propone di combinare i dati provenienti dai 170 milioni di abbonati AT&T con l’ampia libreria di contenuti di WarnerMedia (anch’essa parte di AT&T), per erogare annunci targettizzati al pubblico. Ma in realtà la unit punta a superare presto i confini delle property AT&T: la sua visione è infatti ben più ampia, ed è quella di un marketplace per tutti i proprietari di spazi media, in cui i brand possono sfruttare i loro dati proprietari, unirli a quelli di AT&T e misurare performance e attribuzione delle campagne sulla base dei propri standard. E in questa direzione AT&T ha già compiuto qualche passo, avviando accordi con società esterne, come Altice USA e Frontier Communications, per aggregare e vendere le loro inventory di addressable TV.

Naturalmente, in tutto questo AppNexus avrà un ruolo fondamentale. Pur continuando a mettere a punto il suo marketplace programmatico – ha spiegato Lesser – la società costruirà una piattaforma volta a rendere l’acquisto di pubblicità sulla TV lineare più automatizzato e data-driven, allo stesso tempo rendendo pienamente programmatica l’offerta addressable della telco.

E Xandr ha anche un altro obiettivo ambizioso: quello di riprogettare lo spazio pubblicitario televisivo, rendendolo meno fastidioso per l’utente e più misurabile per l’inserzionista. Invece del break per spot da 30 secondi, ha spiegato Lesser, potrà ad esempio esserci un’icona brandizzata che lo spettatore potrà cliccare per ricevere maggiori informazioni sul proprio smartphone.