Main partner:

Jobs

comScore allarga il panel mobile e potenzia i prodotti MMX Multi-Platform e Mobile Metrix in Italia

comScore aggiorna le sue soluzioni di misurazione delle audience digitali multi-piattaforma, mobile e video disponibili sul mercato italiano.

La società ha lanciato il Panel iOS (2.500 individui maggiorenni attivi), i quali si aggiungono al già presente Panel Android di 3.200 persone. Si tratta di uno dei più grandi “panel mobile” esistenti in Italia che consente la rilevazione delle versioni più aggiornate dei due sistemi operativi.

Si potenzia quindi l’offerta Mobile Metrix che già permette l’attribuzione agli editori taggati degli utenti mobile provenienti dal traffico in-browsing effettuato su app di terze parti e sulle piattaforme di distribuzione di contenuti come Facebook Instant Articles e Google AMP.

Grazie all’estensione del Panel Mobile, sarà possibile effettuare analisi di Reach&Frequency dedicata ai centri media, e di sovrapposizione delle audience su Mobile e Total Digital Population, in aggiunta a quella già disponibile sul Desktop. Editori, centri media e investitori potranno calcolare gli utenti de-duplicati ed effettuare analisi di affinità tra gli oltre 2,5 milioni di domini ed entità riportati globalmente da comScore.

La misurazione sui dispositivi mobili vede poi un altro sviluppo nel lancio di Video-Metrix Multi-Platform che introduce, per gli editori taggati, la rilevazione del consumo di video sui dispositivi mobili e la stima della reach cross-piattaforma mensile complessiva della propria audience video. La soluzione mantiene poi le sue caratteristiche distintive, ossia la suddivisione tra video editoriali e pubblicitari e la misurazione di YouTube nel suo complesso e dei canali dei suoi Partner.

«Grazie al continuo sviluppo e al lancio delle ultime innovazioni riteniamo che le nostre piattaforme di analisi delle audience forniscano la visione più completa e affidabile dei comportamenti di utilizzo di Internet in Italia», afferma Fabrizio Angelini, Ceo di Sensemakers che rappresenta in esclusiva comScore in Italia, “I dati di fruizione evidenziano un potenziale di crescita ancora significativo mentre si vanno accentuando i fenomeni di concentrazione del traffico – soprattutto mobile in ambiente App – e di utilizzo della rete per finalità di intrattenimento legate al consumo di video on-line”.

I prodotti MMX Multi-Platform, Mobile Metrix e Video-Metrix di comScore combinano dati provenienti dai panel desktop e mobile con i dati del network censuario di comScore, che intercetta globalmente oltre 1,8 trilioni di interazioni digitali al mese e il 94% dei dispositivi connessi a internet in Italia, al fine di fornire una vista unificata del comportamento delle audience digitali cross-device.

Le principali evidenze delle rilevazioni di comScore

La Total Digital Population ha raggiunto in Italia i 37,8 milioni di visitatori a marzo 2018; la penetrazione dell’utilizzo di internet della sola popolazione maggiorenne è pari al 67%, dato da cui emerge ancora un potenziale di crescita del 10-20% rispetto agli altri Paesi occidentali digitalmente più evoluti.

Gli accessi da mobile continuano a trainare la crescita nella fruizione di internet; nell’ultimo anno gli italiani che accedono ad internet esclusivamente tramite device mobili sono cresciuti del 12% e ormai superano quota 10 milioni.
comscore

Analizzando la distribuzione delle Audience su base mensile si evidenzia come sei properties raggiungano una quota superiore al 70% della popolazione on-line e 15 una quota superiore al 40%. Dall’analisi a livello giornaliero emerge invece una forte polarizzazione con le due properties principali (Facebook e Google) che raggiungono un’audience decisamente superiore a quella di tutti gli altri player di mercato.

L’ampia diffusione delle mobile App dei due principali OTT svolge un ruolo determinante nel garantire ampiezza dei volumi e continuità degli accessi tanto che, a livello mensile, le 10 prime app per numero di utilizzatori appartengono tutte a Google e Facebook.

comscore

Lo spostamento del traffico sui device mobili e i fenomeni di concentrazione sono ancora più evidenti quando si analizza il tempo passato in Internet.

Nel mese di marzo gli italiani maggiorenni hanno mediamente trascorso on-line 81 ore; rispetto al tempo totale il 71% è speso su device mobili (63% in app e 8% in browser). Complessivamente considerate le categorie di contenuto Messaggistica; Social Media; Intrattenimento e Gaming rappresentano il 75% del tempo totale, mentre le properties di Google e Facebook raggiungono insieme il 50% del tempo speso sui device mobili.

Rielaborando la classifica delle prime 10 properties per tempo speso, subito dopo i due OTT, si posizionano diversi brand che offrono soprattutto servizi di intrattenimento molti dei quali legati alla  diffusione di video-on-line.

comscoreDall’analisi di YouTube si evince che nel mese di gennaio 2018 sono stati visualizzati in Italia ben 9,3 miliardi di video sulla piattaforma di cui l’82% attraverso un dispositivo mobile.

La fascia d’età 18-24 anni trascorre su Youtube 25 ore al mese soprattutto da mobile visualizzando in media oltre 490 video al mese. Tali valori diminuiscono progressivamente all’aumentare dell’età con gli Over 55 che trascorrono 5,3 ore al mese visualizzando in media 111 video sulla piattaforma

comscore

comScore ora può misurare le video audience "unduplicated" tra desktop, mobile e internet tv

La possibilità di pianificare o comunque diffondere i propri video su diverse piattaforme online, è di sicuro imperdibile per investitori ed editori, che però nella maggior parte dei casi non sono in grado di ricevere un dato unitario e non duplicato sull’audience totale di quanto diffuso.
La sovrapposizione delle audience tra web, mobile e internet tv è quindi inevitabile: una circostanza che non rende possibile una chiara definizione del canale, o all’insieme dei canali più efficaci per la veicolazione/pianificazione del contenuto video, sia esso pubblicitario e/o editoriale.
A questa esigenza risponde ora comScore con Video Metrix Multi-Platform, un nuovo strumento lanciato dal leader delle misurazioni del mondo digitale e che è stato realizzato con l’idea di fornire a proprietari di contenuti, agenzie e inserzionisti i dati (non duplicati) relativi alle audience da desktop, smartphone, tablet e video over-the-top (tv connesse).
Il servizio – secondo quanto riportato da diverse testate della stampa estera, tra cui il WSJ – è per ora però disponibile solo negli Stati Uniti. Non sono ancora stati specificati i tempi della sua diffusione in altri mercati, tra cui l’Italia.