Main partner:

Jobs

L’emittente tv americana ESPN vende il suo primo annuncio in programmatic

ESPN, emittente televisiva statunitense che trasmette programmi dedicati unicamente allo sport 24 ore su 24, ha venduto il suo primo annuncio pubblicitario in programmatic. A riportarlo è il Wall Street Journal.

Ad acquistare lo spazio tramite un’asta basata sul web è stata Turbo Tax (società che distribuisce l’omonimo software fiscale), che ha visto poi l’annuncio da 30 secondi andare in onda sabato scorso (10 gennaio) all’una di notte nel corso del programma “SportsCenter”, che ripropone le notizie di punta del colosso televisivo dello sport americano. Per ESPN si tratta del primo programmatic ad venduto dopo che lo scorso mese aveva annunciato l’intenzione di aprire il propri programmi a questo tipo di azioni pubblicitarie.

In questo primo tentativo, l’annuncio non è andato in onda come uno spot standard, ma ha rappresentato un vero e proprio elemento dello show, con tanto di annuncio del voice over.

In pratica, al termine di un servizio dedicato allo scontro tra due squadre di Football, la telecamera ha tagliato verso sinistra su un altro schermo su cui è andato lo spot, sormontato sa un evidentissimo countdown dei 30 secondi (un po’ come le pubblicità video che si vedono online) che hanno separato la messa in onda degli highlights di SportCenter.

(Di seguito il video della messa in onda dello spot)

[dup_YT id=”pM1AA74hmxY”]

Resta ignota la somma pagata da Turbo Tax per vedere il proprio annuncio andare in onda su ESPN.

Anche se per ora la scelta è stata di testare questa forma pubblicitaria in ora tarda, l’esperimento rappresenta di fatto una vera innovazione per il business televisivo.

Le reti tv, anche in America, sono state e ancora sono riluttanti ad adottare le aste basate sul web per la vendita dei propri spazi, timorose che potrebbe portare a un deprezzamento della loro inventory premium.

Lentamente però si stanno manifestando segnali di maggiore interesse verso l’approccio programmatico alla vendita, e di sicuro ESPN ha deciso di affrontare la questione frontalmente. L’emittente è infatti già dotata di strumenti proprietari che consentono agli inserzionisti di pianificare annunci su “SportsCenter” ogni giorno.

Il suo “giocare d’anticipo”, anzi, dovrebbe permetterle di qualificare ulteriormente la propria inventory, posizionandola a prezzi premium.

L'emittente tv americana ESPN vende il suo primo annuncio in programmatic

ESPN, emittente televisiva statunitense che trasmette programmi dedicati unicamente allo sport 24 ore su 24, ha venduto il suo primo annuncio pubblicitario in programmatic. A riportarlo è il Wall Street Journal.

Ad acquistare lo spazio tramite un’asta basata sul web è stata Turbo Tax (società che distribuisce l’omonimo software fiscale), che ha visto poi l’annuncio da 30 secondi andare in onda sabato scorso (10 gennaio) all’una di notte nel corso del programma “SportsCenter”, che ripropone le notizie di punta del colosso televisivo dello sport americano. Per ESPN si tratta del primo programmatic ad venduto dopo che lo scorso mese aveva annunciato l’intenzione di aprire il propri programmi a questo tipo di azioni pubblicitarie.

In questo primo tentativo, l’annuncio non è andato in onda come uno spot standard, ma ha rappresentato un vero e proprio elemento dello show, con tanto di annuncio del voice over.

In pratica, al termine di un servizio dedicato allo scontro tra due squadre di Football, la telecamera ha tagliato verso sinistra su un altro schermo su cui è andato lo spot, sormontato sa un evidentissimo countdown dei 30 secondi (un po’ come le pubblicità video che si vedono online) che hanno separato la messa in onda degli highlights di SportCenter.

(Di seguito il video della messa in onda dello spot)

[dup_YT id=”pM1AA74hmxY”]

Resta ignota la somma pagata da Turbo Tax per vedere il proprio annuncio andare in onda su ESPN.

Anche se per ora la scelta è stata di testare questa forma pubblicitaria in ora tarda, l’esperimento rappresenta di fatto una vera innovazione per il business televisivo.

Le reti tv, anche in America, sono state e ancora sono riluttanti ad adottare le aste basate sul web per la vendita dei propri spazi, timorose che potrebbe portare a un deprezzamento della loro inventory premium.

Lentamente però si stanno manifestando segnali di maggiore interesse verso l’approccio programmatico alla vendita, e di sicuro ESPN ha deciso di affrontare la questione frontalmente. L’emittente è infatti già dotata di strumenti proprietari che consentono agli inserzionisti di pianificare annunci su “SportsCenter” ogni giorno.

Il suo “giocare d’anticipo”, anzi, dovrebbe permetterle di qualificare ulteriormente la propria inventory, posizionandola a prezzi premium.

Le più lette