Main partner:

Jobs

Firefox adesso blocca di default i cookie di terze parti

Importanti novità sul fronte tracciamento per Firefox. Mozilla ha annunciato che, nella nuova versione appena rilasciata del suo browser, verranno automaticamente bloccati i cookie di terze parti, utilizzati spesso dalle società di ad tech per il tracciamento degli utenti a fini pubblicitari.

Sul nuovo programma, infatti, sarà infatti operativa di default l’opzione “enhanced tracking protection”, prima attivabile manualmente dall’utente. Per il momento, la funzione sarà automatica per chi scarica e installa per la prima volta Firefox, ma nel giro dei prossimi mesi la società conta di estenderla anche agli attuali utenti.

Fino ad ora, il blocco dei cookie di terze parti era automatico su Firefox solo quando gli utenti utilizzavano il programma in modalità di navigazione in incognito.

“Enhanced Tracking Protection sarà praticamente invisibile all’utente, che si accorgerà del suo funzionamento solo quando visiterà un sito e vedrà l’icona di uno scudo nella barra degli indirizzi accanto all’URL, insieme a una piccola icona ‘i’ – spiega la società in un blog post -. In presenza di questa icona, l’utente potrà essere sicuro che Firefox sta bloccando l’accesso di migliaia di società alle sue attività online”.

Il browser di Mozilla non è il primo a bloccare di default i cookies esterni. Già due anni fa Safari ha fatto la stessa cosa, con l’opzione Intelligent Tracking Prevention che a suo tempo ha sollevato svariate critiche da parte degli operatori della pubblicità online. Proprio pochi giorni fa, Apple ha comunicato anche un’altra novità volta a limitare la circolazione dei dati personali dei suoi utenti: una nuova modalità di autenticazione alle app tramite Face ID che limita al minimo la condivisione con l’esterno di informazioni personali.

Anche Google ha detto la sua sull’argomento: in occasione del suo evento I/O la società ha dichiarato che renderà presto più facile per gli utenti bloccare o cancellare i cookie di terze parti su Chrome, senza perdere le informazioni di login. In quel caso, però, a differenza che su Safari e Firefox, il blocco dei cookie non sarà impostato di default, ma dovrà essere attivato manualmente dall’utente.

Poche settimane fa, Mozilla aveva annunciato un’altra novità relativa al tracciamento su Chrome: la possibilità per gli utenti di controllare e bloccare la pratica del “fingerprinting” sui loro dispositivi, una tecnica che alcune società utilizzano per riconoscere e identificare a scopi pubblicitari gli utenti di un sito attraverso le caratteristiche dei loro device, come la versione del browser utilizzata, i font o i plug-in installati.

Apple punta sulla privacy al suo evento WWDC. Novità in vista per il tracciamento

Più controllo agli utenti sulla loro privacy, grazie a un nuovo sistema di log-in ad app e servizi che riduce al minimo la condivisione di informazioni personali. Apple continua la sua personale battaglia contro il tracciamento degli utenti da parte di terzi, cominciata con l’Intelligent Tracking Prevention di Safari, con una novità presentata lunedì in occasione della sua conferenza WWDC a San Jose.

Si tratta della funzione – tecnicamente, un bottone – “Sign in with Apple”, che consente agli utenti di autenticarsi a programmi e servizi attraverso il Face ID di Apple, senza la necessità di condividere altre informazioni personali. Costituisce di fatto un’alternativa ai metodi di log-in attraverso gli account Facebook e Google disponibili su svariate app, utili ad avere accesso rapido a servizi senza la necessità di creare nuovi account e ricordare password in più, ma che, ha sottolineato Craig Federighi, SVP of software engineering di Apple in occasione della presentazione del pulsante Apple, “hanno un costo in termini di privacy”.

Ecco come funziona il nuovo pulsante. Una volta autenticatisi con il loro Face ID, gli utenti accedono all’app con un account nuovo, e possono a questo punto scegliere se dare nome e indirizzo email al programma che stanno usando, o no. In quest’ultimo caso, Apple provvederà a creare autonomamente un indirizzo email unico (un insieme a caso di lettere e numeri) che inoltrerà all’indirizzo di posta reale dell’utente. Per ciascuna app verrà creato un indirizzo diverso, e proprio questa caratteristica consentirà alla singola app di potere dialogare con l’utente, ma d’altro canto renderà praticamente impossibile associare l’email a uno specifico dispositivo.

Apple: controlli più granulari sui dati di posizione

La funzione, che diventerà operativa a partire da questo autunno con la versione 13 di iOS, non è la sola novità annunciata dalla società di Cupertino in occasione del suo evento. iOS 13 includerà infatti anche controlli più granulari sul tracciamento della posizione degli utenti.

Gli utenti potranno infatti condividere la propria posizione con un’app una prima volta, e poi impostare che l’app la richieda per tutti gli accessi successivi. La persona potrà anche decidere di dare autorizzazione affinché il software faccia un tracciamento continuo in background (cioè quando l’app non è in uso), ma in quel caso Apple fornirà all’utente un report sull’utilizzo che l’app sta facendo di quel dato.

Apple limiterà anche l’adozione da parte delle app terze di tecniche opache stile-fingerprinting, che utilizzano informazioni come i segnali Bluetooth o Wi-Fi per individuare la posizione di un utente.

Nuove linee guida per chi sviluppa app per i bambini sullo Store di Apple

La società ha infine aggiornato le linee guida per le app dedicate ai bambini presenti sul suo App Store. Tali software non dovranno più contenere “link che portano fuori dall’app, occasioni di acquisto o altre distrazioni per i bambini”, recitano le nuove direttive per gli sviluppatori, e “non dovranno includere pubblicità di terze parti o servizi di analytics”, pena l’esclusione dallo store.

Il blocco del fingerprinting su Firefox diventa realtà

A poche settimane dall’annuncio di Google di voler rendere più difficile su Chrome utilizzare la tecnica del fingerprinting per il tracciamento degli utenti, Mozilla rilascia un nuovo aggiornamento del proprio browser che consente agli utenti di controllare e bloccare l’applicazione della pratica sui loro dispositivi.

In particolare, nella nuova versione di Firefox sarà possibile bloccare specifici domini che si reputa pratichino il fingerprinting. La tecnica del fingerprinting, che consente di raccogliere informazioni su determinate caratteristiche dei loro dispositivi, come la versione del browser utilizzata, i font o i plug-in installati, viene in alcuni casi utilizzata da aziende e player del mondo ad tech a fini di tracking, ossia per riconoscere e identificare gli utenti di un sito a scopi pubblicitari.

Secondo Mozilla, il digital fingerprinting viola le proprie policy, che proibiscono l’uso di “tecniche di identificazione non volute”. Secondo la società, inoltre, queste pratiche “non possono essere controllate attraverso le impostazioni di gestione del browser” e dunque “non possono essere facilmente cancellate o resettate dagli utenti”. Da qui, la volontà di impedirne il loro utilizzo, con un drastico blocco, sul browser.

Come Mozilla e Google, anche Apple si è mossa su questo stesso fronte: lo scorso anno l’azienda di Cupertino ha dichiarato che avrebbe frenato l’utilizzo del fingerprinting sul suo programma Safari, limitando la quantità di dati relativi ai dispositivi dei propri utenti condivisi con i siti internet.

Nella nuova versione di Firefox gli utenti potranno scegliere di disattivare non solo il fingerprinting, ma anche la tecnica dei “cryptomining scripts“, codici che sfruttano le CPU degli utenti per il “mining” di criptovalute. Attualmente, il blocco dovrà essere impostato dagli utenti, attraverso le preferenze di privacy del browser (selezionando la modalità “personalizzato” di blocco), ma in futuro il blocco potrebbe essere impostato di default.

Firefox bloccherà di default il tracciamento degli utenti. L’annuncio di Mozilla

Firefox bloccherà presto il tracking degli utenti di default, e consentirà agli internauti di controllare quali informazioni vogliono condividere con i siti su cui navigano.

Ad annunciarlo è stata Mozilla, società proprietaria del celebre browser, con un blog post ufficiale in cui spiega che la decisione è dovuta alla volontà sia di proteggere gli utenti dai tracker “aggressivi”, sia di migliorare la privacy e le performance del browser.

La società ha reso noto di stare in particolare lavorando su tre filtri anti-tracking per Firefox.

Il primo blocca i tracker che rallentano il caricamento delle pagine. Tale programma, volto a migliorare le performance e la velocità del browser, sarà testato a settembre e, se i suoi risultati saranno positivi, verrà preimpostato su Firefox 63, disponibile da ottobre.

Il secondo è dedicato invece al tracciamento “cross-site” che segue gli utenti in rete. Anche questa funzionalità, che smantella i cookie e blocca l’accesso di contenuti di tracking di terze parti, sarà testata il prossimo mese. Mozilla ha in piano di renderla definitivamente disponibile su Firefox 65, atteso per gennaio 2019.

Il terzo, infine, è volto a ridurre alcune pratiche considerate dannose o su cui l’utente non ha controllo. Mozilla cita ad esempio quella del fingerprinting – una tecnica che consente di identificare gli utenti attraverso le caratteristiche dei loro dispositivi – o quelle dei “cryptomining scripts“, codici che sfruttano le CPU degli utenti per il “mining” di criptovalute. La società, in questo caso, non ha reso note le tempistiche di disponibilità del filtro, ma ha dichiarato che esso sarà presente di default in “future versioni di Firefox”.

“Alcuni siti continueranno a volere i dati degli utenti in cambio di contenuti, ma adesso dovranno chiedere per poterlo fare, un cambiamento positivo per le persone che fino ad ora non avevano idea del valore dello scambio che veniva loro chiesto – spiega Mozilla sul blog post -. Bloccare gli annunci pop-up nella versione originale di Firefox è stata una giusta mossa nel 2004, perché non soltanto ha reso più contenti gli utenti, ma ha anche dato alle piattaforme pubblicitarie di allora un motivo per preoccuparsi dell’esperienza del pubblico. Nel 2018, ci auguriamo che i nostri sforzi per dare più potere agli utenti avranno il medesimo effetto”.

Tracking su Safari, stretta anche sul fingerprinting

Dunque, la possibilità per Facebook & Co di tracciare gli utenti sul web attraverso i pulsanti social ha i giorni contati. Almeno su Safari.

Nel corso della sua Conferenza mondiale per gli Sviluppatori, Apple ha infatti annunciato che su Safari (il browser dell’azienda della mela morsicata) i widget di terza parte che la maggior parte dei siti web incorporano nei propri siti non saranno più in grado di inserire cookie sul browser degli utenti (ne parliamo qui).

“Conosciamo tutti i like button e i campi per i commenti. Beh, si scopre che questi possono essere utilizzati per tracciarci, che ci si clicchi sopra o meno. Quest’anno, elimineremo questa possibilità”, sono le parole di Craig Federighi, SVP software engineering di Apple, riportate da Adexchanger.com.

Ma non c’è solo Facebook (e forse anche Google) nel mirino di Cupertino. Oltre alla possibilità di usare i Cookie, Apple ha annunciato anche una stretta sul fingerprinting, una metodologia di tracciamento alternativa usata da brand e agenzie. A grandi linee, si basa sulla capacità dei tracker di identificare specifici dispositivi attraverso delle loro caratteristiche univoche come ad esempio, le font installate, le caratteristiche dello schermo, particolari plugin.

Per limitare questa possibilità, nel suo nuovo sistema operativo Apple renderà molto più difficile per i “tracker” creare una singola “impronta digitale” del dispositivo, “confondendoli” grazie a pagine web con configurazione semplificata e caratteri incorporati. Poiché i plugin del dispositivo non saranno più supportati, non potranno nemmeno essere utilizzati per contribuire al fingerprinting.

“come risultato, il vostro Mac sarà più simile a tutti gli altri Mac e sarà drasticamente più difficile per le aziende di dati di identificare univocamente il dispositivo e rintracciare voi,” ha detto Federighi al nutrito pubblico di sviluppatori presenti all’evento.

Apple chiederà agli utenti su Safari se vogliono essere tracciati da Facebook e Google

A circa un anno dall’annuncio che l’ultima versione di Safari avrebbe limitato l’utilizzo dei cookie per il tracking degli utenti (soprattutto per il retargeting), Apple torna sul tema “tracciamento” con una nuova dichiarazione, fatta in occasione della conferenza per gli sviluppatori WWDC e rivolta nello specifico a Facebook.

Nella cornice del principale evento annuale di Apple, in cui sono state presentate numerose novità dell’azienda in ambito software e ufficializzati alcuni numeri di business, la società ha fatto sapere che chiederà agli utenti su Safari il loro consenso al tracciamento effettuato da Facebook al di fuori del social network. Per intenderci, quello condotto attraverso i “like button”, ossia i tasti di like, interazione e condivisione ospitati su una moltitudine di siti “esterni” alla piattaforma di Zuckerberg.

La richiesta avverrà sotto forma di finestra pop-up. Craig Federighi, SVP software engineering di Apple, ha mostrato durante la conferenza come funzionerà: in pratica, atterrando su un sito, l’utente riceverà una notifica di questo tipo: “Consenti a facebook.com di usare cookie e dati del sito mentre navighi su nomesito.com? Questo permetterà a Facebook di tracciare la tua attività”, chiamando l’utente a cliccare “non consento” o “consento”.

L’aggiornamento sarà rilasciato in iOS 12 e su Mojave, il nuovo sistema operativo per Mac che arriverà più avanti quest’anno (non è stata ancora ufficializzata la data precisa). Inoltre, secondo quanto riporta AdAge potrebbe le novità potrebbero coinvolgere anche il tracciamento effettuato da un’altra big di internet: Google. “Siti soggetti al tracciamento da parte di Google mostreranno simili messaggi pop-up”, scrive la testata americana. Non solo: sempre al WWDC, Apple ha annunciato anche un’altra stretta in materia di tracking, che riguarda la tecnica del fingerprinting (ne parliamo qui).

Tale atteggiamento di Apple nei confronti dello sfruttamento dei dati personali non stupisce troppo, del resto. Cupertino è sempre stata piuttosto attenta al tema della privacy dei suoi utenti, limitando al minimo l’utilizzo di informazioni personali. Una scelta che ha comportato, tra l’altro, un approccio alla pubblicità molto meno data-driven rispetto a quello di altri colossi di internet, come appunto Facebook e Google.

Dichiarazioni come quella fatta al WWDC, tuttavia, rappresenta ancora una volta un attacco nei confronti di società, come Facebook, che sono ormai da tempo nel mirino di media e opinione pubblica per il modo in cui gestiscono la privacy dei loro utenti. Dopo lo scandalo Cambridge Analytica, e alcune denunce su come il social (insieme a Google) ha gestito la questione del consenso per rendersi conforme al GDPR, proprio in questi giorni Facebook si è ritrovata nuovamente al centro delle polemiche per un’inchiesta del New York Times. Il quotidiano ha svelato che il social avrebbe permesso a svariate società produttrici di telefoni (inclusa, tra l’altro, la stessa Apple) di accedere ad informazioni sui suoi utenti, senza averne chiesto il consenso. Un’accusa a cui Facebook avrebbe risposto dichiarando di non essere a conoscenza di abusi.

Su Firefox arriva un nuovo strumento che impedisce a Facebook di tracciare gli utenti

Mentre Mozilla annuncia un nuovo tool che impedirà a Facebook di raccogliere dati sugli utenti su Firefox, uno studio rivela il sempre maggior interesse del mercato pubblicitario al tema blockchain, e Google acquisisce una società specializzata in GIF.

Su Firefox arriva una nuova estensione che blocca il tracciamento degli utenti da parte di Facebook

Proprio mentre Facebook è nell’occhio del ciclone per la questione Cambridge Analytica, Mozilla ha annunciato il lancio di Facebook Container Extension: una nuova estensione per il browser Firefox che consente di bloccare il tracciamento degli utenti su siti terzi da parte del social. Nel momento in cui viene installato, lo strumento cancellerà i cookie di Facebook e farà disconnettere l’utente dal social. La prossima volta che la persona visiterà Facebook, la pagina verrà aperta su una scheda di colore blu (chiamata “container tab”), su cui l’utente potrà fare log in alla piattaforma e usarla normalmente. Nel momento in cui cliccherà su un link non-Facebook o selezionerà un sito esterno tramite la barra URL, le pagine verranno caricate su un diverso “container”. Leggi di più su MediaPost.

Usare la blockchain per risolvere le frodi pubblicitarie? Secondo le aziende è una priorità

Blockchain è sicuramente una delle parole dell’anno in ambito ad tech, ma per chi fa pubblicità è un tema davvero così importante? Secondo una ricerca di World Federation of Advertisers e dataxu, sì. Dai risultati dello studio è emerso che per oltre due terzi dei marketer a livello globale capire come la tecnologia blockchain può migliorare l’ecosistema pubblicitario in termini di trasparenza e sicurezza, risolvendo in particolare la questione frodi, è una priorità quest’anno. In particolare, per il 21% è una “grossa priorità”. Leggi di più su eMarketer.

Google punta sulle GIF con l’acquisizione di un motore di ricerca dedicato

Il nuovo focus di Google? Le GIF. Big G sta infatti acquisendo Tenor, società basata a San Francisco, che offre un motore di ricerca di GIF e uno strumento “tastiera” che consente ad utenti Android e iOS di accedere facilmente a una gamma di immagini animate direttamente dall’interno di un’app. I suoi strumenti sono utilizzati da 300 milioni di utenti al mese, oltre che da un gruppo di grandi aziende come Apple con iMessage, WhatsApp, Facebook, Twitter e la stessa Google tramite Gboard. L’obiettivo di Big G, ora, è quello di investire nella sua tecnologia e nelle sue relazioni con i partner. Leggi di più su Venture Beat.

La blockchain può risolvere le inefficienze della pubblicità digitale?

Il rapporto tra blockchain e pubblicità digitale, i problemi europei di Facebook sul fronte tracciamento e la crescita di Twitch, la piattaforma video di Amazon, nel Vecchio Continente. Ne parliamo nella nostra rassegna internazionale di oggi.

La blockchain contro le inefficienze del mercato pubblicitario

Cosa può fare la blockchain in ambito analytics, sia mobile che desktop? Quali sono le inefficienze in campo pubblicitario che questa tecnologia può contribuire a ridurre, oltre alle frodi? E quali sono i principali cambiamenti e sfide che il mercato dell’advertising si troverà a dover affrontare quest’anno? Sono alcune delle domande che sono state fatte a John Bates, director of product marketing di Adobe Analytics Cloud, in un’intervista in cui il manager ha detto la sua sulla blockchain e sulle implicazioni che l’utilizzo di questa tecnologia può avere nel mondo del digitale. Leggi di più su MediaPost.

Tracciamento degli utenti, Facebook perde una causa in Belgio

Tempi duri per Facebook in Europa sul fronte tracking. Una corte belga ha ordinato al social network di Zuckerberg di smettere di tracciare gli utenti senza il loro consenso, e di cancellare tutti i dati in suo possesso raccolti al di fuori della piattaforma, che secondo la sentenza sarebbero stati ottenuti in maniera illegale. Qualora non rispettasse questa decisione, Facebook si troverebbe a dover pagare una multa di fino a 250 mila euro al giorno, per una somma totale che potrebbe arrivare fino a 100 milioni di euro. Leggi di più su BBC.

Twitch, la piattaforma video di Amazon, cresce in Europa

Twitch, la piattaforma di streaming video di proprietà di Amazon, punta al mercato europeo. Nonostante la società abbia una sede a Londra da più di quattro anni, pare che nel 2017 il suo team commerciale abbia registrato una crescita esponenziale, raddoppiando sia in termini di numero di professionisti sia in quello di ricavi. E il trend sembra stia continuando anche quest’anno: la società sarebbe infatti alla ricerca di nuovi manager per la squadra londinese, incluso un responsabile del team preposto all’ampliamento dei contatti con i creatori di contenuti in tutta l’area EMEA. Twitch starebbe inoltre costruendo una nuova squadra commerciale ad Amburgo, in Germania, e avrebbe in cantiere l’apertura di una nuova sede a Helsinki, in Finlandia. Leggi di più su Digiday.

Società di retargeting a caccia del consenso degli utenti per anticipare la GDPR

Con le nuove misure di Apple contro il tracking degli utenti su Safari e la definitiva entrata in vigore della GDPR a maggio, si prospettano tempi difficili per chi, proprio sul tracciamento delle audience, ha costruito il focus della propria offerta. Ad esempio, chi si occupa di retargeting.

Alcune di queste società hanno cercato di correre ai ripari, inventandosi dei modi per ottenere il consenso diretto degli utenti per il tracciamento. Tra queste ci sono Criteo e AdRoll, che, secondo quanto riporta Digiday, avrebbero iniziato ad erogare sui browser degli utenti dei messaggi che, una volta chiusi, autorizzano automaticamente il tracking.

Una modalità che, secondo la testata, non sarebbe tra le più ortodosse, facilitando l’autorizzazione del tracking molto più dell’opt-out, i cui link sono generalmente meno visibili. Il messaggio in-browser di AdRoll contiene un pulsante “accept and close” al posto del normale tasto di chiusura della finestra, lasciando l’opzione di opt-out in mezzo al messaggio.

adroll-tracking-message

In quello di Criteo, il tracking viene autorizzato cliccando qualsiasi link della pagina, mentre l’esclusione del tracciamento, anche stavolta, è in una sola posizione in mezzo al testo del messaggio.

criteo-tracking-message

In effetti, la GDPR prevede che l’uso dei dati richieda un esplicito permesso da parte degli utenti, ed anche la mossa di Apple per limitare il tracking sul browser Safari andrebbe proprio nella direzione di dare agli utenti un maggior controllo di quando, dove e a chi concedere i propri dati.

L’altro lato della medaglia è però il business di una certa categoria di società, che proprio sulla raccolta degli insight sui consumatori tramite i cookies hanno costruito la propria offerta. Solo un mese fa, la stessa Criteo aveva dichiarato ufficialmente che, qualora non fosse riuscita a sviluppare in tempo una soluzione alternativa per aggirare la questione, il blocco del browser di Apple avrebbe potuto avere sulle sue entrate del 2018 un impatto del 22%. Una percentuale non da poco.

Ed anche con la GDPR c’è poco da scherzare: se da un lato il regolamento prevede una maggiore consapevolezza degli utenti sul trattamento dei loro dati, il che potrebbe implicare una minore quantità di dati disponibili e dunque un targeting pubblicitario meno aggressivo, dall’altro, per le società che non si adeguano, impone cospicue sanzioni economiche.

Marketing people-based fuori dai walled garden? Ci prova un consorzio ad tech

Erano i primi giorni di maggio quando nasceva l’Advertising ID Consortium, una iniziativa voluta da AppNexus, LiveRamp e Index Exchange per contrastare i walled gardens attraverso la creazione di un’alternativa aperta e scalabile al loro sistema di tracciamento degli utenti, il cosiddetto marketing people-based.

Il marketing basato sulle persone è uno dei punti forti dell’offerta pubblicitaria di colossi come Google e Facebook, in quanto consente di tracciare un singolo utente e seguirlo nei suoi spostamenti da un canale all’altro, o da un device all’altro, purché rimanga loggato. Un vantaggio non da poco, in un contesto in cui il customer journey è sempre più multicanale e il sistema dei cookie correntemente diffuso non è più efficace come una volta.

Quello che AppNexus, LiveRamp e Index Exchange hanno voluto creare, attraverso il Consorzio, è un framework standardizzato di identità, che accoppia una versione criptata di un identificativo omnicanale people-based a un comune cookie aperto, residente su un dominio condiviso. Ogni membro del Consorzio potrà avere accesso a questo framework, nel pieno rispetto della privacy e della sicurezza dell’utente.

In questi giorni, l’Advertising ID Consortium ha ufficializzato l’ampliamento dei partecipanti al progetto, con l’aggiunta di svariate piattaforme sia lato domanda che lato offerta, e la messa a punto del framework e delle specifiche di prodotto.

De progetto sono entrati a far parte Adform, Aerserv, Amobee, DataXu, DistrictM, IgnitionOne, LiveIntent, Numberly, PulsePoint, Roq.Ad, Sizmek, Thunder, TradeLab, Unruly Group e Videology. A questi si aggiunge anche The Trade Desk, che entrerà a far parte del Board of Directors del gruppo e che, inoltre, supporterà il framework rendendo la propria soluzione ID compatibile con l’Open Ad ID del Consorzio.

Naturalmente, l’aggiunta di tutte queste società da all’iniziativa stessa del consorzio una maggiore massa critica, utile per una ulteriore espansione lato aziende, editori e agenzie. Le società facenti parte del progetto supporteranno il framework condiviso, consentendo così ai loro clienti lato domanda di targettizzare gli utenti con messaggi customizzati, ed a quelli lato offerta di monetizzare meglio i propri spazi, in ultima istanza migliorando la rilevanza della pubblicità per i consumatori.

Ecco come il Consorzio descrive la soluzione messa a disposizione a tutti i partecipanti al progetto: “Il framework di identità fornito è duplice, composto da un identificatore di device e da uno people-based, che insieme contribuiscono a servire all’utente un’esperienza rilevante e continua. Al lancio, la soluzione include un Open Ad ID, lo standard cookie per l’identificazione di un singolo dispositivo, e un Open IdentityLink, un comune identificatore people-based che risolve la questione identità su vari canali, dispositivi e piattaforme. Il framework sarà offerto ai membri gratuitamente”. Il cookie aperto sarà ospitato sul dominio adnxs.com.

Per la industry, avere una soluzione del genere rappresenterebbe la possibilità di offrire a tutte quelle aziende che intendono targettizzare specifiche audience attraverso il programmatic buying un’alternativa ai walled garden di Facebook e Google, che attualmente dominano la scena pubblicitaria. Di fatto aprendo la strada a una maggiore competizione nel mercato del media digitale.