Main partner:

Jobs

Spotify al lavoro sul suo primo prodotto hardware

Nella rassegna internazionale di oggi, i nuovi progetti di due app di streaming musicale e di una società di ad tech.

Spotify al lavoro sul suo primo prodotto hardware

Non solo streaming musicale per Spotify. La società starebbe per debuttare nel mercato hardware, secondo quanto rivela un annuncio di lavoro della stessa azienda. Spotify sarebbe alla ricerca di un operation manager per un “prodotto hardware” e, nella descrizione della posizione, spiegherebbe apertamente di essere “al lavoro alla creazione del suo primo prodotto fisico” senza tuttavia fornire altri dettagli specifici. Visto il core business di Spotify, l’ipotesi più logica sarebbe probabilmente quella della produzione di speakers o di qualche altro oggetto connesso all’utilizzo dell’app. Leggi di più sul Guardian.

Tapad lancia una Customer Data Platform per il mercato delle telco

Il core business di Tapad è sempre stato quello del marketing cross-canale, offrendo supporto alle aziende che volevano raggiungere lo stesso utente attraverso vari dispositivi. Adesso, la società statunitense fa un passo avanti con il lancio di una Customer Data Platform (CDP), uno strumento volto ad aiutare i marketer a connettere e raggiungere sia i clienti esistenti che i nuovi. La piattaforma importa i dati di prima parte degli inserzionisti all’interno del già esistente device graph di Tapad e poi li attiva attraverso i vari partner della società come Facebook e The Trade Desk. La particolarità è che la CDP è tagliata sulle esigenze di specifiche industry: al momento sarà rivolta ai brand di telecomunicazioni. Leggi di più su MarTech Today.

L’app di streaming musicale Pandora apre al Programmatic Audio

Una nuova piattaforma di streaming musicale debutta nell’arena del Programmatic Audio. Pandora, concorrente di app come Spotify e iHeartRadio, ha annunciato che i suoi inserzionisti potranno adesso comprare i suoi spazi audio in modalità programmatica attraverso un private marketplace, utilizzando le DSP The Trade Desk, MediaMath e AudioMatic di AdsWizz. Tra i primi tester della soluzione ci sarebbero alcuni clienti di Omnicom Media Group, tra cui Volkswagen. Leggi di più su AdExchanger.

Sizmek, accordo con Tapad per migliorare la reach cross-dispositivo

Sizmek ha annunciato un nuovo accordo globale con Tapad, società di marketing cross-dispositivo. Integrando la tecnologia Tapad Device Graph, la piattaforma d’acquisto migliorerà le proprie capacità predittive fondate sull’intelligenza artificiale per consegnare messaggi corretti e cross-dispositivo su scala globale, in un ambiente sicuro dal punto di vista della privacy.

Grazie alle funzionalità di attivazione dati, ottimizzazione creativa ed esecuzione media di Sizmek, la soluzione potenzierà l’efficienza e la precisione delle campagne di pubblicità digitale riuscendo a riconoscere le persone su tutti i dispositivi. In questo modo, gli inserzionisti potranno ottenere una visione chiara del customer journey degli utenti, realizzare economie di scala senza compromettere l’efficienza e scoprire nuove opportunità di conversione.

I clienti di Sizmek avranno accesso ai dataset di Tapad, conformi alle normative di tutto il mondo e con elevati livelli di protezione della privacy, nelle Americhe e nelle regioni EMEA e APAC. Ottenendo una conoscenza più approfondita delle preferenze dei consumatori, delle loro intenzioni d’acquisto e delle abitudini di conversione, Sizmek e i propri clienti saranno in grado di potenziare le strategie di comunicazione, migliorando il riconoscimento cross-dispositivo dell’audience.

“Tapad è nota per le sue avanzate funzionalità cross-device e l’integrazione della sua offerta rientra nel nostro programma volto a coinvolgere i migliori provider di soluzioni per la gestione del dato e la misurazione”, ha commentato Enrico Quaroni, Managing Director per l’Italia di Sizmek. “Grazie a questa partnership, potremo offrire ai nostri clienti una maggiore precisione e una reach più ampia delle campagne marketing sulla base delle informazioni sugli utenti, che andranno ad aggiungersi alla nostra offerta completa di ottimizzazione creativa, abilitazione del dato ed esecuzione media”.

“L’offerta di Sizmek basata sulle migliori tecnologie di intelligenza artificiale e machine learning del mercato costituisce un’ottima integrazione al nostro Device Graph”, ha dichiarato Chris Feo, SVP, strategy & global partnerships di Tapad. “La nostra capacità di creare segmenti più piccoli e personalizzati insieme al modeling basato sull’AI di Sizmek garantiranno efficienza, efficacia e un maggiore ROI ai marketer di tutto il mondo”.

Campagne cross-device più performanti: Rubicon Project e Tapad lanciano una nuova soluzione

Tapad e Rubicon Project hanno annunciato l’avvio di una partnership globale e il lancio di una nuova soluzione per le campagne cross-device in Programmatic.

Grazie all’accordo tra i due player, il Device Graph di Tapad, che consente alle aziende di estendere i loro dati display a dispositivi mobile associati, verrà integrato sull’ad exchange di Rubicon Project e sulla sua piattaforma Orders, “aumentando significativamente la reach mobile dei consumatori”, sottolinea la nota ufficiale.

“La nuova partnership globale – prosegue la nota – permetterà agli inserzionisti all’interno dell’exchange di Rubicon Project di selezionare e raggiungere le audience attraverso la loro intera esperienza digitale. Rubicon Project rappresenta uno dei più ampi mobile exchange del mondo, capace di connettere approssimativamente 1 miliardo di dispositivi mobili a livello globale”.

«L’erogazione cross-device è fondamentale per le aziende oggi, con più dell’81% degli utenti online che attualmente si affidano a più di un dispositivo per accedere a Internet – commenta Harry Patz, Chief Revenue Officer di Rubicon Project -. Attraverso questo accordo, gli inserzionisti saranno capaci di estendere le loro campagne desktop in private marketplace su mobile, raggiungendo il loro target su tutti i device e in tutto il mondo. Di ciò beneficeranno anche i venditori; l’aumento della reach mobile posizionerà meglio editori e sviluppatori di app nella monetizzazione delle loro inventory, facendo in ultima istanza aumentare i bid rate e le entrate da mobile».

«Grazie all’accordo con Rubicon Project, per la prima volta advertiser ed editori riescono ad utilizzare soluzioni cross-device realmente scalabili fuori dall’ambiente Google e Facebook», aggiunge Pierre Martensson, general manager della divisione dati e APAC di Tapad.

Telco che guardano all’ad-tech: Telenor acquisisce l’americana Tapad

La nuova frontiera delle telco? Investire sulla pubblicità digitale, e in particolar modo sull’adtech.

Dopo Verizon, che a metà dello scorso anno ha acquisito AOL e il suo ricco pacchetto di tecnologie per 4,4 miliardi di dollari, adesso è la volta di Telenor, società di telecomunicazioni di origine norvegese ma di respiro mondiale, che ha ufficializzato l’acquisto di Tapad, società di base a New York che aiuta gli advertiser a identificare le loro audience attraverso varie piattaforme, dalla tv al desktop al mobile.

360 milioni di dollari il valore dell’operazione, cifra con cui Telenor ha fatto suo il 95% della società, che continuerà comunque ad operare in maniera indipendente, guidata dal ceo Are Traasdahl e dal cto Dag Liodden.

Secondo quanto commenta lo stesso Traasdahl, l’operazione comporterà per Tapad la possibilità di espandersi ulteriormente a livello internazionale nel proprio mercato di riferimento. Per Telenor, invece, l’acquisizione significa entrare in un mercato in grande crescita, quello dell’adtech, diversificando ulteriormente la propria offerta, oltre che la possibilità di poter usufruire di tecnologie per sfruttare al meglio i suoi 200 milioni di abbonati tra la Scandinavia, l’Europa Orientale e l’Asia.

Le più lette