Main partner:

Jobs

Programmatic Day “re-live”: il panel “Digital e Programmatic trends”

Gli effetti del Covid sul mercato programmatico, l’evoluzione costante del video, la frontiera in rapido sviluppo delle creatività dinamiche, l’affacciarsi sul mercato di nuovi player, nuove soluzioni e nuove piattaforme.

Questi alcuni dei temi affrontati al Programmatic Day 2020 in un panel che ha visto la partecipazione di Cristian Coccia, Regional Vice President, Southern Europe and MENA di PubMatic, Giorgia Costa, Client Services Director Italy di Flashtalking, Stefano Guidi, Business Development Manager di Sublime, e Matteo Minet, Sales Coordinator di Viralize.

Di seguito il video integrale:

 

Programmatic Day dà appuntamento il 16 giugno per la prima edizione online. Iscriviti!

Il Programmatic Day diventa “Live”, si sposta online e dà appuntamento a tutti i professionisti del marketing, della comunicazione e della pubblicità il 16 giugno, a partire dalle 9:00 per fare il punto sullo stato dell’arte e sui trend del programmatic advertising in Italia.

In un momento in cui le necessarie misure di distanziamento sociale chiamano gli organizzatori di eventi a creare nuove occasioni di aggiornamento, incontro e relazione, anche Engage raccoglie la sfida del digitale per uno dei suoi convegni di punta: Programmatic Day 2020 si svolgerà quindi completamente online, su una piattaforma dedicata in grado di “arricchire” la classica esperienza del meeting fisico con l’aggiunta di nuovi elementi di spettacolarizzazione e interattività.

La partecipazione all’evento è come sempre gratuita: è sufficiente registrarsi per avere accesso a partire dalle 8:45 di martedì 16 giugno alla piattaforma dedicata, dove una regia di tipo televisivo caratterizzerà le presentazioni dei relatori, mentre una serie di elementi interattivi, come sondaggi in tempo reale, live quiz e possibilità di proporre domande e interagire live con gli speaker renderanno la partecipazione all’evento più che mai coinvolgente.

Ricco come sempre il palinsesto di contenuti, a partire dalla rassegna su numeri e tendenze del programmatic advertising in Italia fotografati da una nuova edizione della ricerca YourSight e dalle nuove stime sugli investimenti a cura degli Osservatori Internet Media del Politecnico di Milano. Tra gli approfondimenti, spazio ai temi più caldi dell’universo ad tech: dal futuro del targeting nell’era del post-cookie alla media quality, passando per gli ultimi sviluppi ad tech che portano il “modello internet” della pubblicità anche al di fuori della rete, e in particolare nell’ambito dell’audio, della tv e dell’OOH.

Tra i partner di programmatic Day 2020 ci sono AdformRubicon Project, Spotify, Beintoo, IAS, Jellyfish, IGPDecaux, VioohEvolution Adv, NetMediaClick, Viralize, Flashtalking, 1plusX, SeedtagSublime, PubMatic, 4wMarketPlace. Partner tecnico per la virtualizzazione dell’evento è Starchestnut.

Partecipa a YourSight!

Aiutaci a individuare i trend emergenti della pubblicità online e del programmatic partecipando alla ricerca YourSight. I risultati al Programmatic Day! Compila il sondaggio qui sotto oppure clicca qui.

Sublime arricchisce i suoi formati pubblicitari mobile: forniranno nuovi feedback sui KPI

Sublime, marketplace globale di pubblicità ad alto impatto, ha annunciato un arricchimento del suo ampio range di formati pubblicitari mobile. Da oggi ai brand verranno forniti feedback approfonditi sui KPI sull’intero portfolio di formati pubblicitari mobile della società, tra cui view-through-rates (VTR), click-through-rates (CTR), impression, tasso di engagement, in-view time e tassi di completamento.

La soluzione è disponibile sia per acquisti diretti che in programmatic, e sia attraverso il Private Marketplace di Sublime che in Programmatic Guaranteed.

I primi test della novità sono stati molto promettenti. Dal suo debutto all’inizio di questo mese, i clienti che hanno utilizzato i formati aggiornati hanno visto tassi medi di viewability dell’80% (contro i benchmark di Moat del 66%), view-through-rates del 60% (per video fino a 30 secondi) e viewability video del 70% (almeno due secondi per video, contro i benchmark di Moat del 58%). I benchmark considerati sono i Moat All Buy Types Benchmarks Global | Q3 2019.

La novità rientra nella soluzione per il mobile web di Sublime, un’intera offerta che include formati classici, video e interattivi. “I formati pubblicitari ad alto impatto creano maggiori opportunità per un branding più efficace – spiega la società in una nota -, senza compromettere l’esperienza dell’utente, e sono stati sviluppati per essere integrati nel contenuto di una pagina web, allo stesso tempo promuovendo la brand recall”.

L’offerta è ulteriormente arricchita da funzioni interattive come gli scatti di prodotto a 360 gradi, la geolocalizzazione, le configurazioni di prodotto e gli slideshow verticali e orizzontali, tutti strumenti che forniscono ai brand nuove opportunità di aumentare le proprie performance.

«L’evoluzione continua dei nostri formati mobile riflette la dedizione di Sublime nel creare soluzioni ad alto impatto e non intrusive per brand, agenzie ed editori – commenta Stefano Guidi, Business Development Manager di Sublime -. Nella pubblicità mobile ci sono sempre modi nuovi per migliorare la user experience e i nostri partner comprendono il nostro impegno ad innovare costantemente e adattarci per creare best practice per i clienti e per l’intera industry».

Sublime, nomine ai vertici: Andrew Buckman è il nuovo CEO

Sublime ha annunciato alcune importanti nomine ai suoi vertici, a partire da quella del suo nuovo CEO.

A ricoprire il ruolo sarà Andrew Buckman, attualmente Chief Operating Officer della società. Andrew è entrato nel team dell’azienda nel 2017 come Managing Director EMEA, per poi assumere qualche mese fa il ruolo di Chief Operating Officer. Nella nuova posizione, si occuperà della gestione delle operazioni day-to-day, focalizzandosi in particolare sullo sviluppo di obiettivi e strategie chiari per aumentare l’impatto della società nel mercato.

Contestualmente alla sua nomina, è stato ufficializzato anche un altro incarico: quello di Marc Rouanet a Chief Revenue Officer. Rouanet, co-fondatore di Sublime nel 2012, nel nuovo ruolo sarà responsabile dello sviluppo delle vendite da new business e delle strategie con i partner. Continuerà contestualmente a sedere nel CdA della società.

Marc-Rouanet-Sublime
Marc Rouanet

L’annuncio dei due incarichi arriva a conclusione di un importante anno per Sublime, che ha visto la società acquisire Adledge per aumentare le sue competenze nel campo della misurazione delle performance, e ampliare la propria presenza internazionale con nuovi uffici in Italia e Spagna. La società ha anche lanciato Sublime TV, una soluzione video ad alto impatto che consente ai brand di aumentare la reach delle loro campagne TV e video.

Sublime lancia un’offerta di formati video per affiancare le strategie televisive dei brand

Sublime ha annunciato il lancio globale di SublimeTV, una soluzione volta a consentire ai brand di raggiungere reach incrementali attraverso i formati video, a complemento delle loro strategie televisive.

Si tratta di un’ampia offerta di formati video ad alto impatto, in cui i clienti della società potranno inserire le loro creatività in maniera scalabile e brand-safe. Una nuova offerta che si propone di affiancare le strategie tv dei brand, in un contesto in cui sempre meno utenti guardano la televisione tradizionale optando piuttosto per la visione su mobile e desktop.

L’elemento desktop della soluzione è focalizzato sul formato Reminder Ad, ed è disegnato per intrattenere il consumatore senza interrompere la sua esperienza di navigazione: un video viene mostrato in cima alla pagina, ma se l’utente scorre verso il basso, il video si sposta a lato della pagina per assicurare un alto tasso di completamento della visione. Il suono resta inattivo a meno di un’azione specifica dell’utente.

SublimeTV fornisce anche più superficie ai brand per comunicare i loro messaggi pubblicitari, sia su formati desktop che mobile, con rispettivamente una superficie tre e nove volte maggiore. Gli algoritmi proprietari di Sublime selezionano il migliore contesto per gli annunci, consentendo ai brand di arricchire i loro KPI video inclusi risoluzione dello schermo, ampiezza della banda e view-through rate medio.

La società garantisce anche ambienti sicuri per i brand, essendo conforme alle linee guida di brand safety del mercato (Sublime è anche certificata Digital Trading Standards Group e IAB UK Gold Standard). L’attivazione di Video Player Ad Interface Definitions (VPAID) e Video Ad Serving Template (VAST) fornisce ai brand ulteriore trasparenza e chiarezza.

Per arricchire ulteriormente l’offerta della nuova soluzione, Sublime ha siglato un accordo con Real Eyes, per la conduzione di studi volti a capire la risposta emotiva del pubblico alle sue campagne video e misurare il livello di attenzione del pubblico. Grazie all’accordo, Sublime potrà fornire ai clienti informazioni preziose sul comportamento degli utenti, utili per adattare strategie ed asset creativi.

«Il digital sta rapidamente trasformando il mercato e stiamo sempre più vedendo il consumo di video tra i millennial passare dalla tv ai dispositivi desktop e mobile – commenta Andrew Buckman, COO di Sublime -. Il lancio di SublimeTV risponde a questa situazione che i brand si stanno attualmente trovando a fronteggiare con le loro campagne video e consente ai clienti di continuare a raggiungere tutte le audience target. Brand safety e positiva esperienza dell’utente sono di primaria importanza per Sublime, e siamo lieti di annunciare che la nostra nuova soluzione video ad alto impatto risponde a tutti questi bisogni».

La soluzione è già stata testata da brand appartenenti a varie categorie di prodotto, tra cui automotive, FMCG, viaggi e intrattenimento.

La frequenza di esposizione ha effetti sull’efficacia di una campagna? Lo studio di Sublime

La frequenza di esposizione ha effetti sull’efficacia di una campagna? Secondo Sublime, sì.

Il marketplace pubblicitario globale specializzato nella creazione ed erogazione di esperienze adv premium ha condotto uno studio per valutare i benefici di fissare un tetto per le impression uniche per le campagne, cercando di capire a che punto l’esposizione ripetuta a un annuncio può avere effetti negativi sulle performance di branding.

Secondo i risultati della ricerca, meno un consumatore viene esposto a una campagna, più efficace questa si rivela per la brand recall.

La brand awareness spontanea aumentava del 6% quando l’utente veniva esposto a un annuncio due o tre volte, mentre nel caso di quattro esposizioni l’efficienza a livello di awareness scendeva al -3%. Per quanto riguarda invece la brand awareness guidata, lo studio ha rilevato che solo una esposizione era sufficiente (+8%) per l’efficienza della campagna, mentre la percentuale di awareness scendeva addirittura fino al -23% se l’utente veniva esposto all’annuncio 10 volte o più.

La ricerca ha analizzato anche la metrica della “campaign recall“, rivelando che quando un utente veniva esposto ad una campagna solo una volta, le recall aumentavano del 26%, mentre dopo le 10 esposizioni la percentuale scendeva al +6%. Secondo Sublime, il numero ottimale di esposizioni è due o tre volte, per un aumento sia della familiarità che della favourability, che aumentano rispettivamente del +4% e del +7%.

«I risultati di queste analisi rinforzano l’idea che bombardare gli utenti con la pubblicità non è la giusta strategia – commenta Estelle Reale, Global Marketing Director di Sublime -. Le campagne digitali di successo non dovrebbero apertamente interrompere l’esperienza di navigazione dell’utente in maniera intrusiva. L’esposizione ripetuta è ancora estremamente importante, ma la sovraesposizione può avere effetti negativi nelle performance di brand. La nostra ricerca mostra che per attirare davvero i consumatori di oggi, i brand dovrebbero cercare di fissare un tetto alle impression uniche di una campagna per migliorare la sua efficacia complessiva».

«I nostri formati impattanti sono disegnati per arricchire l’esperienza dell’utente invece di disturbarla – aggiunge Marc Rouanet, co-founder & CEO di Sublime -. I risultati qui dimostrati mostrano che questo produce un engagement maggiore negli utenti e, di conseguenza, migliori performance per inserzionisti ed editori».

Mobile is the new black, anche in Italia. L’infografica di Sublime

Mobile is the new black, in termini di connettività online, con quasi tre quarti degli utenti a livello globale che si prevede si collegheranno a internet esclusivamente via mobile entro il 2025, secondo il GSMA. E questo trend coinvolge anche l’Italia, specialmente durante la stagione estiva, con le persone che tendono ad accedere ad internet “on the go” durante le vacanze.

Sublime ha sintetizzato, nell’infografica che riportiamo di seguito, alcune cifre chiave per capire meglio questa tendenza nel nostro Paese.

mobile-usage-italy-sublime

Sublime promuove Andrew Buckman a Global Chief Operating Officer

Sublime, società specializzata nello sviluppo di formati creativi efficaci per la pubblicità online, ha annunciato la nomina del suo nuovo Global Chief Operating Officer (COO): si tratta di Andrew Buckman.

Buckman, in Sublime dal 2017 nel ruolo di Managing Director EMEA, fino ad ora si è occupato dello sviluppo della società nei mercati chiave europei, tra cui l’Italia. Nella posizione di COO si occuperà invece adesso di creare partnership strategiche e rispondere alla crescente domanda globale di Sublime, lavorando a stretto contatto con Christophe Menard, Co-Founder e COO Americas.

«Sono entusiasta di andare a rafforzare i nostri rapporti con gli editori premium nel mondo, dal momento che essi sono fondamentali per il percorso di Sublime – ha commentato il manager -. Noi mettiamo la creatività in ogni cosa che facciamo, e questo è evidente nei formati pubblicitari che offriamo, che non solo tengono in considerazione l’esperienza dell’utente, ma anche il dispositivo e l’ambiente in cui la pubblicità è erogata».

Contestualmente a quella di Buckman, Sublime ha anche annunciato un’altra nomina, stavolta per il mercato statunitense: quella di Alexx Cass a Vice President of US Publisher Partnerships. Cass proviene dalla società di sondaggi online Pureprofile, in cui era responsabile dello sviluppo del business, delle partnership e della strategia di prodotto.

Le due nomine arrivano in un momento particolarmente attivo per Sublime: la società, forte di un’espansione internazionale con nuovi uffici a Singapore, in Germania, a Manchester in UK e a Lione in Francia, ha recentemente ufficializzato l’acquisizione della società di misurazioni Adledge.

Sublime cresce nell’ad verification con l’acquisizione di AdLedge

Dopo la creatività, la misurazione: Sublime, la società specializzata nello sviluppo di formati creativi efficaci per la pubblicità online, ha annunciato l’acquisizione di Adledge, realtà attiva nell’Ad Verification, ossia nello sviluppo degli strumenti necessari a verificare la corretta erogazione delle campagne, misurare la viewability degli annunci, garantire la brand safety.

Basata in Francia come Sublime, AdLedge è certificata dal Media Rating Council da aprile 2018.

“L’integrazione di Adledge ci consentirà di rafforzare a monte la sicurezza e la buona esecuzione delle nostre campagne, consentendoci al tempo stesso di rafforzare le nostre partnership con gli editori premium per una maggiore qualità dei bacini di spazi pubblicitari messi a disposizione. Allo stesso tempo, Sublime continuerà a fare affidamento su strumenti di misurazione terzi come quelli di MOAT e IAS per garantire una perfetta veicolazione delle campagne”, afferma Marc Rouanet, Ceo e co-fondatore di Sublime.

Una doppia esperienza, nella creatività e nella misurazione dell’efficienza, che le due aziende declineranno per display e video, su desktop ma anche su dispositivi mobili, sempre più importanti in chiave pubblicitaria: “Il mobile è diventato la tv dei millennial”, avverte la global marketing director di Sublime, Estelle Reale.

La notizia segue l’acquisizione da parte di Sublime di Kpsule nel 2017, che è stata integrata nel portafoglio esistente di Sublime e la partnership europea con Kargo nel 2018.

[Videointervista] Guidi e Giovinazzo (Sublime) a Programmatic Day 2019: «Cinque consigli per una campagna mobile di successo»

Come riuscire a creare campagne performanti ma allo stesso tempo rispettose dell’esperienza degli utenti? La domanda è al centro dell’intervento di Sublime al Programmatic Day 2019, che ha visto sul palco l’Account Director Italy, Stefania Giovinazzo, e il Business Development Manager della società, Stefano Guidi.

Nella loro presentazione, i due manager hanno fornito alla platea 5 consigli per campagne mobile di successo, capaci di portare risultati sia a livello performance che a livello branding.

Un esempio? Gli asset creativi. Secondo Sublime, ad esempio, è importante utilizzare sul mobile video verticali e di breve durata, che ben si adattano alle caratteristiche del dispositivo e alla sua fruizione. Spesso utilizzare spot creati per altri media, come la tv, può infatti risultare controproducente: al contrario, bisogna iniziare a pensare mobile-first, modulando la creatività del messaggio sullo specifico dispositivo utilizzato per comunicare.

Tutto questo però senza essere invasivi, e nel pieno rispetto dell’esperienza dell’utente. E, ovviamente, senza dimenticare il tema della brand safety, su cui è necessario secondo la società vigilare costantemente per garantire che l’immagine dei brand non venga intaccata.

Guarda la videointerivista a Stefania Giovinazzo, Account Director Italy, e Stefano Guidi, Business Development Manager di Sublime:

Le più lette

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial