Main partner:

Jobs

Toluna lancia AskTolunaPro, il sistema per gestire le ricerche in autonomia e in tempo reale

Toluna lancia oggi una rinnovata piattaforma QuickSurveys, per permettere a marketer e professionisti delle ricerche sui consumatori di sondare in tempo reale esattamente quei segmenti di pubblico che identificano la loro audience in obiettivo.

Grazie al nuovo sistema avanzato di targeting messo a punto dalla società specializzata in sondaggi e ricerche, i clienti adesso hanno la possibilità di selezionare oltre 200 profili di pubblico socio-demograficamente iper-segmentati e di raggiungere precisamente gli utenti di riferimento senza alcuna necessità di intervento manuale. QuickSurveys fornisce oggi quasi il doppio dei parametri messi a disposizione da altre piattaforme fai-da-te, dando così alle aziende e a chi si occupa di ricerca di mercato l’opportunità di utilizzare l’approccio DIY in progetti di ricerca ancora più complessi. Questa nuova capacità, affiancata all’accesso in tempo reale a oltre 13 milioni di consumatori globali in 68 mercati, permette grandi velocità e profondità di insight.

«Poiché i brand vanno incontro ad ambienti competitivi sempre più complessi, aziende e ricercatori di mercato devono affrontare la sfida di ottenere insight specifici sulle loro target audience», ha dichiarato Marco Gastaut, Amministratore delegato di Toluna South Europe e Latam, «QuickSurveys continua a evolversi sfidando i metodi tradizionali delle ricerche di mercato con la sua capacità di dare ai propri clienti strumenti di ricerca metodologicamente potenti su una piattaforma intuitiva, per permettergli di condurre le proprie indagini. La piattaforma digitale avanzata Toluna QuickSurveys fornisce ai nostri clienti possibilità di segmentazione delle audience senza precedenti, riducendo il tempo di preparazione della maggior parte delle ricerche da giorni, o settimane, a poche ore, e con un notevole vantaggio economico».

I clienti di QuickSurveys possono ora ottenere insight ancora più approfonditi dai dati di ricerca grazie all’opportunità di creare quote incrociate, campioni personalizzati e testare la fattibilità in tempo reale. Così, per esempio, potranno definire le fasce d’età del loro target, gerarchizzando determinati attributi dei rispondenti in modo intuitivo.

Survata sviluppa il sondaggio “intelligente” per testare le campagne in anteprima

Prima di avviare una campagna, qualsiasi inserzionisti desidererebbe sapere se una pubblicità ha effetto sugli utenti che intende raggiungere. Survata ora offre un modo per scoprirlo.

La società di ricerca sui consumatori con base a San Francisco ha annunciato, infatti, il lancio di Segment Surveys. La soluzione, in fase in beta, permette agli operatori di condurre sondaggi online anonimizzati diretti a segmenti di seconda- e terza-parte, gli stessi a cui sono poi rivolti gli annunci. Survata sostiene che questa è la prima volta che un sondaggio in rete utilizza esattamente gli stessi segmenti.

Chriss Kelly, Ad e Co-fondatore di Survata, ha dichiarato a Marketing Land che questo sistema si è potuto realizzare solo ora perché la tecnologia di ricerca è cinque anni indietro rispetto alla tecnologia pubblicitaria. “Molte aziende di ricerca di mercato”, ha proseguito, “si affidano ancora a grandi gruppi di utenti campione. Inoltre, nonostante ci sia una infrastruttura simile, è necessaria un gran quantità di lavoro per implementare l’integrazione server-a-server”.

Precedentemente, ad esempio, un inserzionista poteva effettuare una ricerca su quali tipologie di offerta a pacchetto fossero le più attraenti per i compratori di auto prima di condurre una campagna pubblicitaria per Subaru. Potevano pubblicare un sondaggio online su siti di particolari editori chiedendo: “Siete interessati a comprare un’auto? Se sì, vi preghiamo di partecipare al nostro sondaggio”.

Un questionario rivolto solo a potenziali clienti

Gli incentivi a rispondere potevano includere l’accesso al resto di un articolo, ad un video o a contenuto bloccato. “Adesso, gli operatori possono utilizzare Segment Surveys per mostrare un invito a compilare il sondaggio online che permette l’accesso a contenuti protetti, ma in questo caso i questionari sono offerti solo ai visitatori dei siti che hanno effettivamente visitato la pagina di Subaru. Quegli utenti sono identificati da un cookie o un ID mobile che li ha anonimamente tracciati ai siti Subaru”, ha spiegato Kelly.

Il sondaggio può essere più specifico in confronto ad uno che presenta solamente una generica domanda di apertura: pone quesiti legati a Subaru invece di interrogare sulle auto, può inoltre mostrare un annuncio video relativo esattamente a Subaru e fare domande collegate. Dopodiché, lo stesso segmento dei visitatori può essere raggiunto con l’annuncio video che si intende testare.

survata-segment-survey-dashboard
Il pannello di controllo di Segment Survey

L’idea chiave”, ha fatto notare Kelly, “è che il ricercatore di mercato dell’azienda e l’inserzionista interagiranno con la stessa porzione di pubblico dalla stessa DMP. Il targeting del questionario non dipende dal comportamento auto-dichiarato (l’utente è interessato all’acquisto di un’auto) ma è rivolto ai visitatori effettivi tracciati fino al sito dell’azienda.

Kelly ha rivelato che la DMP Krux sta lavorando con Survata per la fornitura di dati di seconda-parte mentre LiveRamp di Acxiom sta offrendo dati di terza-parte. Sono, inoltre, in corso trattative per aggiungere altre piattaforme di gestione dati.

Nel mese di dicembre, Survata aveva rilasciato Retargeted Surveys, che permette di attivare sondaggi per reindirizzarli ad utenti sulla base di una specifica azione, come visitare una pagina di atterraggio, guardare un video o inanellare particolari attività per effettuare un acquisto.

Le più lette