Main partner:

Jobs

Il native video in-feed di Sharethrough sarà acquistabile tramite The Trade Desk

Da oggi sarà possibile acquistare in maniera programmatica i posizionamenti video contestuali in-feed di Sharethrough attraverso The Trade Desk.

I due player infatti hanno esteso la loro partnership, che fino ad ora era relativa soltanto a un’integrazione a livello RTB. Le aziende che utilizzano gli strumenti self-serve di The Trade Desk potranno adesso acquistare tramite di essi anche spazi video native in-feed sulle migliaia di siti e app appartenenti all’Exchange di Sharethrough.

«Nel momento in cui le aziende comprendono il forte impatto che il native video può avere, e gli utenti ne apprezzano la user experience, sono integrazioni come questa con The Trade Desk che forniscono la scalabilità necessaria per portare il native video a nuove importanti audience nel 2017 – commenta Alex White, VP Product Marketing di Sharethrough -. Gli strumenti per i buyer di The Trade Desk sono top di gamma e sono utilizzati dagli inserzionisti più illuminati. Essere in grado di lavorare con loro su integrazioni come questa è la prova di tutto il potenziale che il native video offre».

«Il native video aiuta a migliorare l’esperienza pubblicitaria degli utenti consentendo uno storytelling video realmente integrato, e noi stiamo soltanto grattando la superficie delle immense opportunità di crescita del settore – aggiunge dal canto suo Tim Sims, VP of Inventory Partners di The Trade Desk -. Fatto bene, il native video dà il potere alle aziende di coltivare una connessione autentica con gli utenti, erogando i contenuti più rilevanti nel contesto più adatto. Non vediamo l’ora di espandere ulteriormente la nostra collaborazione con Sharethrough per far crescere il mercato programmatico premium e per offrire una precisione e una scalabilità imbattibili ai brand».

L’in-feed native video si stima possa essere un elemento trainante della crescita della pubblicità contestuale quest’anno, che a sua volta secondo Business Insider Intelligence dovrebbe superare i 20 miliardi di dollari di investimenti nel 2017. Nel 2016, Sharethrough ha riportato 140 milioni di dollari lordi in spesa pubblicitaria native sulla sua piattaforma, con oltre un terzo proveniente dal native video, e con impression di native video in crescita del 500% anno su anno.

Programmatic native, Sharethrough integra la DSP di Sizmek

Sharethrough integra le sue soluzioni di Programmatic native con la DSP StrikeAd di Sizmek.

Ciò permetterà a trading desk e compratori media che utilizzano la demand-side platform della società di Programmatic mobile-first di accedere ad un pubblico più vasto, con pubblicità collocata su app e siti mobile su Sharethrough Exchange.

L’accordo è valido anche per l’Italia: «Le integrazioni tecnologiche sulla piattaforma Sharethrough sono immediatamente disponibili su tutti i mercati per cui anche la DSP di Sizmek StrikeAd può comprare inventory italiana in open market. Il processo di integrazione verso Sharethrough delle maggiori DSP al mondo va verso il completamento entro il primo trimestre dell’anno; editori e inserzionisti hanno oggi a disposizione una grande opportunità per rivoluzionare la propria offerta native Premium grazie al nostro supporto», ha dichiarato Cristina Pianura, Managing Director di Prime Real Time-Gruppo Triboo, che nel nostro Paese è distributore esclusivo delle soluzioni della SSP native.

L’operazione combina l’API mobile e il motore di ottimizzazione e supporto di Sizmek con la rete di editori premium della supply-side platform.

Al momento, i nuovi strumento sono attivi per il display native mobile, nelle prossime settimane saranno inclusi ulteriori formati, tra cui il video, che si prevede trainerà la crescita di tutto il segmento Native nel 2017.

Sharethrough punta sul Mobile Programmatic: è accordo con la DSP Adelphic

Sharethrough guarda con sempre più interesse agli inserzionisti mobile. La SSP di Native Advertising ha annunciato un’integrazione con Adelphic, DSP mobile e cross channel.

L’integrazione, recita la nota ufficiale, “consentirà a trading desk e media buyer di utilizzare la DSP di Adelphic per avere accesso alle inventory display in-feed e video su siti mobile e app sull’Exchange di Sharethrough, attraverso il sistema native self-service recentemente lanciato da Adelphic”.

L’integrazione unisce l’expertise di Adelphic sulla pubblicità mobile con il network di editori premium di Sharethough, e rappresenta la prima volta che ad una DSP viene consentito di fornire ai propri clienti dei posizionamenti video nativi sull’Exchange di Sharethrough in modalità programmatica. E nuove integrazioni all’insegna del Programmatic verranno avviate con ogni probabilità nel corso di quest’anno, secondo quanto ha lasciato intendere Alex White, VP product marketing di Sharethrough, in un’intervista al sito Mediapost.

Secondo Business Insider Intelligence, il mercato del Video Native su mobile è destinato ad essere un grosso driver di crescita per il comparto della pubblicità contestuale, che a sua volta si stima supererà quest’anno i 20 miliardi di dollari di spesa.

Nel 2016, Sharethrough ha registrato 140 milioni di dollari di spesa in Native Advertising attraverso la propria piattaforma, e più di tre quarti delle impression erogate attraverso il suo Exchange nel terzo trimestre 2016 erano su dispositivi mobili, con il 77% di esse provenienti da mobile web.

Native, accordo tra Sharethrough e Kantar Millward Brown per misurare l’efficacia delle campagne

La supply-side platform Sharethrough ha annunciato un accordo con Kantar Millward Brown per sviluppare alcuni strumenti di ricerca che permettono ai marketer aziendali di analizzare l’impatto delle loro campagne native, in particolare su mobile.

Le soluzioni compongono un nuovo sistema per effettuare sondaggi, creato dalla multinazionale specializzata in ricerche di mercato, che permette ai clienti della SSP di sottoporre all’audience un maggior numero di quesiti, che valutano il brand lift e l’efficacia delle inserzioni contestuali mobile. Il prodotto consentirà loro anche accesso ad un pubblico più ampio e una più avanzata segmentazione dell’utenza.

L’utenza di Millward Brown conta milioni di consumatori americani, in grado di rispondere in tempo reale.

Sharethrough crea il ruolo di VP Product Marketing e sceglie Alex White

Sharethrough, azienda specializzata in Programmatic native, ha scelto Alex White per il nuovo ruolo di VP Product Marketing.

Veterano dell’industria, White vanta quasi vent’anni di esperienza alla guida delle strategie di prodotto e delle operazioni di importanti aziende del settore come Sizmek, Peer39, Right Media, Yahoo e DoubleClick.

All’interno della SSP avrà il ruolo di far crescere la domanda, attraverso le DSP integrate, verso il network di editori premium di Sharethrough (circa 1500 siti). Tra queste demand-side platform sono presenti AppNexus e The Trade Desk.

Pianura, Prime Real Time-Gruppo Triboo: «Con Sharethrough creiamo la “Terza via” della pubblicità video»

Con “terza via” si indicano posizioni politiche divergenti che cercano di conciliare una posizione intermedia tra destra e sinistra. Una locuzione che, secondo Cristina Pianura, Managing Director di Prime Real Time – Gruppo Triboo, e Paolo Velluto, Chief Sales Officer di Triboo Media, intervenuti allo Iab Seminar Video advertising, è applicabile anche nell’ambito della pubblicità video digitale, e vede la sua realizzazione attraverso la proposta annunci video nativi.

«Siamo convinti di aver raggiunto una nuova frontiera. Abbiamo sperimentato metriche e competenze sia per quanto riguarda l’in-stream, con i pre-roll, che l’out-stream, con gli interstitial e gli in-text. Grazie ad un formato video integrato all’interno di un feed native, abbiamo qualcosa di completamente nuovo, con i suoi vantaggi: maggiore attenzione, ricordo e ingaggio con il consumatore. Inoltre, trattandosi di un formato integrato, non si “sfregiano” i siti degli editori e non si disturbano gli utenti. Questo è oggi possibile solo con Sharethrough, in Programmatic, sull’invenduto e per l’inventario prenotato», ha commentato Pianura.

Leggi l’articolo completo su Engage.it.

Triboo Media, pronta l’offerta Native Video. Girerà sulla piattaforma di Sharethrough

La nuova offerta video native di Triboo Media arriverà in autunno e sfrutterà e perfezionerà tutte le caratteristiche intrinseche del Native.

L’annuncio arriva all’indomani del Native Advertising Summit, il più importante evento mondiale dedicato al Native Advertising svoltosi a San Francisco qualche giorno fa e che ha visto alternarsi sul palco tutti i principali player oggi impegnati a sviluppare questa nuova Era del Digital Advertising. Facebook, Google, Linkedin, nonché grandi editori internazionali hanno trascorso un’intera giornata a riflettere sul futuro della pubblicità online e sulle nuove dinamiche di fruizione nonché di monetizzazione che questo comporta.

L’evento è stato organizzato da Sharethrough, realtà internazionale e leader di mercato nei formati Native In-Feed di cui Prime Real Time (Gruppo Triboo Media) è distributore esclusivo per il nostro Paese.

«Crediamo in modo significativo ai trend che ruotano intorno al Native Advertising», dichiara Gabriele Mirra, Ceo di Triboo Media. «Spinti da questo, già a partire da settembre saremo pronti a presentare al mercato le nostre soluzioni native che faranno leva sul In-Feed Video e che gireranno sulla piattaforma di Sharethrough».

Leggi l’articolo completo su Engage.

Il Programmatic native di Sharethrough arriva in Italia. La piattaforma è integrabile con le maggiori DSP

A più di due mesi dell’annuncio ufficiale sull’accordo con Prime Real Time, avvenuto alla fine di aprile (leggi qui l’articolo dedicato), Sharethrough ha presentato al mercato italiano la sua soluzione dedicata alla pubblicità nativa.

Sharethrough è la più grande piattaforma tecnologica indipendente focalizzata sul native advertising (e in particolare sui formati in-feed) negli Stati Uniti. Nel 2015 la società ha generato un giro d’affari di oltre 100 milioni di dollari con una quota di mercato superiore al 50%. L’approdo nel nostro paese è stato possibile proprio grazie all’intesa stretta con la piattaforma di real time bidding del gruppo Triboo Media, che ha ottenuto il ruolo di distributrice esclusiva del prodotto.

Uno strumento pensato e progettato per fornire agli editori strumenti volti all’ingegnerizzazione, erogazione e gestione della vendita di formati contestuali, in particolare contenuti sponsorizzati e in-feed. Gli scambi sono effettuabili attraverso quattro modalità di vendita: diretta, in private marketplace, programmatic e network. La tecnologia consente anche di utilizzare al suo interno molteplici DSP; AppNexus e The Trade Desk sono quelle già disponibili in Italia ma, ha rivelato Chris Quigley, Managing Director EMEA di Sharethrough, sono in corso di definizione ulteriori integrazioni con MediaMath, DoubleClick Bid Manager, AdForm e Turn.

«Non bisogna pensare che in Italia non ci sia mercato per il native, basti pensare, ad esempio, agli elevati investimenti attuati sui canali di Facebook. L’obiettivo di Sharethrough, attraverso Prime Real Time, è proprio quello di attrezzare gli operatori per fare concorrenza all’offerta dei social network; dobbiamo dirottare parte di questi introiti a favore degli editori», ha commentato Cristina Pianura, Managing Director per l’Italia di Prime Real Time, «In primo luogo, abbiamo cominciato a testare la tecnologia sui siti nel portafoglio di Prime Real Time, sono circa venti siti premium, e al momento siamo in contatto con diversi editori per proporre la nostra soluzione; il responso si sta dimostrando positivo», ha concluso Pianura, intervenuta a maggio allo Showcase “Going Native”.

Chris Quigley
Chris Quigley

Il native advertising si sta imponendo come una delle forme pubblicitarie di maggiore interesse tra gli operatori dell’industria digitale. Secondo quanto esposto da Quigley nel corso del suo intervento, i formati contestuali sono in grado di raggiungere livelli maggiori di coinvolgimento e un più alto tasso click-through rispetto ai formati tradizionali a schermo. Alcune ricerche condotte da Sharethough hanno inoltre registrato che la pubblicità nativa riceve un’attenzione visiva doppia rispetto alle altre tipologie di annuncio e, nel caso di formati con testo, è oggetto di una effettiva lettura da parte degli utenti. In più, la pubblicità nativa sembrerebbe più tollerata dagli utenti e quindi meno soggetta ai blocchi pubblicitari (leggi l’articolo dedicato).

Ulteriori segnali dell’attenzione che il mercato sta dedicando al tema provengono proprio dal settore dell’editoria. The Guardian, il quotidiano d’informazione inglese, ha infatti avviato The Guardian Labs, un’unità interna dedicata proprio allo sviluppo del native che impiega nel suo organico oltre cento persone. Un altro caso è osservabile otre oceano: la divisione T Brand Studio del New York Times, specializzata in questi formati, ha totalizzato ricavi pari a 35 milioni di dollari.

Cristina Pianura, Prime Real Time: «Con Sharethrough, il Native è più scalabile ed efficiente»

Giusto un paio di settimane fa, Prime Real Time, la piattaforma italiana di real time bidding che fa capo al gruppo Triboo Media, ha annunciato di essere diventata distributrice esclusiva delle soluzioni proprietarie di Sharethrough in Italia.

Grazie all’accordo, Prime Real Time distribuirà nel nostro Paese le soluzioni proprietarie di quella che in America è la più grande piattaforma tecnologica indipendente focalizzata sul native advertising (e in particolare sui formati in-feed). Soluzioni che permettono l’ingegnerizzazione, l’erogazione e la gestione della vendita di native advertising, semplificandone sia il processo di distribuzione, sia quello di acquisto.

Prime Real Time proporrà la vendita della tecnologia Sharethrough su due livelli differenti: come tecnologia capace di erogare in modo ingegnerizzato il formato in-feed native e come prodotto media in programmatic advertising.

Cristina Pianura, Managing Director di Prime Real Time, ha scelto il contesto dell’appuntamento Showcase “Going Native” organizzato da Engage la scorsa settimana per parlare dell’offerta Sharethrough e di quello che le soluzioni della società possono fornire al mercato italiano: una tecnologia in grado di ingegnerizzare la realizzazione dei formati nativi, adattandoli alle property che li ospiteranno, e che in definitiva rende ancora più scalabile ed efficiente questa forma di pubblicità.

Nel video che segue, una sintesi del suo intervento.

Prime Real Time porta in Italia le soluzioni Native di Sharethrough

Prime Real Time, la piattaforma italiana di real time bidding che fa capo al gruppo Triboo Media, diventa distributrice esclusiva delle soluzioni proprietarie di Sharethrough in Italia.

Sharethrough è la più grande piattaforma tecnologica indipendente focalizzata sul native advertising (e in particolare sui formati in-feed) in America. Nel 2015 la società ha generato un giro d’affari di oltre 100 milioni di dollari con una quota di mercato superiore al 50%.

Grazie a un accordo esclusivo, Prime Real Time distribuirà nel nostro Paese le soluzioni proprietarie di Sharethrough che permettono l’ingegnerizzazione, l’erogazione e la gestione della vendita di native advertising, semplificandone sia il processo di distribuzione, sia quello di acquisto. La caratteristica principale di questa tecnologia, risiede in una App che è in grado di integrarsi con i sistemi di real time bidding, consentendo agli editori di valorizzare anche l’invenduto, secondo i protocolli più avanzati in questo segmento.

Prime Real Time proporrà la vendita della tecnologia Sharethrough su due livelli differenti: come tecnologia capace di erogare in modo ingegnerizzato il formato in-feed native e come prodotto media in programmatic advertising.

Secondo Business Insider, in America, il native advertising raggiungerà 21 miliardi di dollari di spesa nel 2018, e una quota del 15% della pubblicità digitale entro il 2020. I ricavi del real time bidding, invece, supereranno gli 11 miliardi nel 2016, e una quota del 50% del mercato digitale da qui al 2020.

In Italia, non è ancora possibile avere uno spaccato degli investimenti pubblicitari display suddivisi per queste categorie. Più in generale nel nostro Paese il programmatic advertising dovrebbe arrivare a un valore di 300 milioni di euro quest’anno, secondo quanto emerso al Programmatic Day. Nell’ambito dell’evento, l’incontro tra Native Advertising e piattaforme di compravendita automatizzate è stato evidenziato come uno dei trend più interessanti del mercato.

«Abbiamo intuito fin da subito le enormi potenzialità di questa tecnologia per il mercato italiano – afferma Cristina Pianura, Managing Director di Prime Real Time -. Per questo motivo, siamo particolarmente orgogliosi che un player del calibro di Sharethrough abbia scelto di lavorare in esclusiva con Prime Real Time. Questa alleanza rafforza il posizionamento di Prime Real Time, da sempre riconosciuta per il suo ruolo di innovatore nel mercato di riferimento».

Cristina_Pianura_Prime
Cristina Pianura

La stessa potenzialità è stata individuata dall’azienda americana, che attraverso il suo Ceo e Co-Founder, Dan Greenberg, dichiara: “Il mercato italiano è un importante passo per Sharethrough, che continua la sua espansione e posizionamento in Europa. Formati pubblicitari che si inseriscono nella user experience di un sito sono il nuovo standard e il mercato italiano è un’enorme opportunità per aiutare gli editori a capitalizzare i molti benefici del native e programmatic advertising. Il focus digitale e la propensione all’innovazione del Gruppo Triboo Media lo rende il partner ideale in questo mercato. Il Gruppo Triboo Media ha dimostrato eccellenza trasversale su tutto il mondo advertising ed editoriale italiano e questa partnership per la tecnologia leader mondiale sul mondo native di Sharethrough è una potente combinazione.”

Si tratta, infatti, del primo caso nella storia di Sharethrough, in cui l’azienda decide strategicamente di entrare in un mercato nazionale, avvalendosi della collaborazione di una società locale in qualità di vendor esclusivo.

Le più lette

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial