Main partner:

Jobs

Criteo, crescita senza precedenti anche in Borsa

Criteo, multinazionale francese specializzata nel digital performance advertising, ha recentemente reso noti i dati relativi al suo bilancio finanziario relativo al terzo trimestre. In particolare, i ricavi registrati dalla società ammontano a 194,4 milioni di dollari (esclusi i costi di acquisizione del traffico, pari a 77,6 milioni di dollari) e un guadagno per azione pari a 0,18 euro.

I dati sono risultati superiori alle valutazioni degli analisti, che prevedevano revenue intorno ai 72,7 milioni di dollari (esclusi i costi di traffico) e guadagni medi per azioni sugli 0,18 euro.

Grazie alle soluzioni estremamente targettizzate che offre agli inserzionisti, Criteo ha inoltre riportato una crescita annua di circa l’80% a conferma della maggiore fiducia accordata a questo nuovo modo di fare advertising. Basti pensare che a poche ore dal debutto in Borsa, il valore delle azioni Criteo era già schizzato a più del 16%.

Nonostante JB Rudelle, ceo e co-fondatore di Criteo, in una intervista a TechCrunch, smorzi gli entusiasmi, sottolineando che la crescita di molte ad tech company è rallentata, i trend di mercato sembrano comunque confermare una risposta positiva del mercato, soprattutto oltreoceano dove i ricavi di Criteo sono cresciuti di ben il 97% – di cui oltre il 78% nell’ultimo trimestre. Sempre nello stesso periodo l’azienda ha acquisito 450 nuovi clienti, arrivando a un totale di 6.581. Il 74% di questi si avvale delle soluzioni multi-screen di video advertising. Il profitto netto (11,5 milioni di dollari) è inoltre risultato superiore di 3 milioni rispetto a quello registrato l’anno scorso.

Nei mesi scorsi Criteo era stato oggetto di voci mai confermate su un interessamento da parte di Publicis Groupe al suo acquisto.

Le più lette