Main partner:

Jobs

Quando il programmatic incontra il gaming: il caso Tradelab e Netaddiction

Le tecnologie programmatiche stanno diventando sempre più raffinate e personalizzabili, al punto che gli operatori del segmento ora sono in grado di elaborare delle soluzioni su misura per particolari settori, prodotti e marchi. Lo dimostra il caso di Tradelab e Netaddiction, che in virtù di una collaborazione permettono agli inserzionisti del mercato videoludico di raggiungere un pubblico sempre più specifico elaborando i dati di traffico di Multiplayer.it e Movieplayer.it.

L’esperienza della piattaforma programmatica e dell’editore digitale è stata raccontata da Gaetano Polignano, Country Manager per l’Italia di Tradelab, Daniele Gulti e Marco Perri, rispettivamente Direttore Commerciale e Responsabile area Gaming di Netaddiction, all’evento “Programmatic for Gaming – La nuova frontiera del dato”, tenutosi martedì 17 ottobre presso la redazione di Engage e Programmatic Italia.

Guarda la videointervista con i tre protagonisti dell’evento:

 

Tradelab e Netaddiction stringono un accordo sui dati per il settore Entertainment

Tradelab si rafforza sul fronte dati e sigla un accordo esclusivo con Netaddiction, editore italiano specializzato nell’intrattenimento online. Attraverso la collaborazione, gli inserzionisti del settore, in particolare videogiochi e cinema, potranno raggiungere un’audience ancora più specifica grazie ad una segmentazione altamente qualificata e dettagliata degli utenti.

Le tecnologie avanzate di profilazione e segmentazione dell’audience di Tradelab permetteranno di targettizzare in maniera specifica i dati di oltre 4.000.000 di appassionati di cinema e videogiochi dei siti di Netaddiction (Movieplayer.it e Multiplayer.it), andando ad analizzarne interessi, percorsi di navigazione e intenzionalità di acquisto. Sarà inoltre possibile realizzare clusterizzazioni di utenti ad hoc (ad esempio appassionati di film di animazione o di videogiochi di avventura) sulla base delle criticità degli inserzionisti e calcolare il grado di affinità degli utenti verso prodotti di interesse simile.

«Siamo davvero entusiasti di questa nuova partnership strategica con Netaddicion»- dichiara Gaetano Polignano, Country Manager di Tradelab Italia – «È importante per noi trovare fonti di dato trasparenti che permettano di andare oltre l’utilizzo di dati di terze parti ancora poco chiari in termini di origini e recency del dato. Noi questi dati li chiamiamo “SmartData”, dati intelligenti ma anche “furbi” perché ci dicono non solo chi sono i nostri utenti e quali sono i loro interessi, ma soprattutto se sono intenzionati all’acquisto del nostro prodotto. Questo ha un valore importantissimo per gli inserzionisti e per il raggiungimento delle loro performance di business».

«Era da tempo ormai che ci stavamo guardando intorno e siamo felici di aver trovato sul mercato un player indipendente e all’avanguardia, capace di analizzare i nostri dati e di utilizzarli al meglio per i nostri partner, vecchi e nuovi, interessati al nostro segmento dell’intrattenimento. Siamo convinti che Tradelab possa darci il giusto know-how per strutturare l’obiettivo ambivalente di soddisfare gli inserzionisti e al tempo stesso gli utenti con un messaggio pubblicitario sempre più mirato», afferma Daniele Gulti, Direttore Commerciale della unit Media di Netaddiction.

Martedì 17 ottobre, presso la redazione di Engage e Programmatic Italia,  Tradelab e Multiplayer.it presenteranno “Programmatic for Gaming – La nuova frontiera del dato“, evento in cui sarà illustrato il caso dell’applicazione delle tecnologie pubblicitarie della società ad-tech alla testata digitale specializzata nell’intrattenimento videoludico.