Main partner:

Jobs

zeotap, i dati deterministici migliorano le performance della campagna Red Bull

Si è conclusa con risultati positivi la campagna di comunicazione digitale @Work di Red Bull, che per la prima volta in Italia ha utilizzato in modalità programmatica i dati deterministici e verificati della società tecnologica zeotap.

Con l’obiettivo di allargare le occasioni di consumo delle bevande energetiche all’interno di contesti lavorativi, Red Bull si è avvalsa della collaborazione di Initiative, agenzia media del gruppo IPG Mediabrands, insieme con il suo trading desk Cadreon, che ha selezionato zeotap e altri fornitori di dati per una campagna di pubblicitaria display automatizzata in ambiente mobile, destinata a varie tipologie di target come freelance, professionisti e manager aziendali.

zeotap è in grado di identificare alcuni milioni di utenti professionali con un elevato grado di precisione ricorrendo ai dati provenienti da compagnie di telefonia mobile, diversamente da altre società che derivano questo pubblico dall’analisi del comportamento di utenti consumatori sul web. I banner targettizzati facendo leva sui dati zeotap hanno aumentato l’efficienza della campagna, in termini dl click-rate, di più del 70% rispetto ad altri concorrenti.

«Abbiamo fatto una scommessa vincente con zeotap», ha commentato Francesco Cilea, Head of Brand di Red Bull Italia, «Da tempo abbiamo intrapreso la strada del programmatic advertising, che riteniamo sia particolarmente significativo in relazione alla capacità di indirizzare i nostri messaggi di comunicazione su target chiaramente identificati. zeotap si è dimostrato un partner decisamente affidabile, in grado di generare risultati attualmente incomparabili rispetto ad altri fornitori di dati».

«Siamo onorati di poter annoverare tra i nostri clienti un marchio come Red Bull, che rappresenta una delle pietre miliari del marketing mondiale negli ultimi anni» ha dichiarato Michele Rossi, Business Development Manager di zeotap Italia, «Ringraziamo Francesco per la fiducia che ci ha accordato, e i team di Cadreon e Initiative per la selezione dei profili e la pianificazione della campagna, con cui stiamo già predisponendo ulteriori attività nei prossimi mesi».

«Siamo decisamente soddisfatti della qualità dei dati deterministici di zeotap», ha aggiunto Luca Nicolai, Head of Cadreon Italia, «Siamo sempre alla ricerca di nuovi data partner per l’ottimizzazione del targeting delle campagne programmatiche, e gli eccellenti risultati ottenuti ci permettono di aumentare la soddisfazione di un importante cliente come Red Bull».

Recentemente zeotap è stata sottoposta ad un processo di verifica dei propri dati da AIMC in Spagna, dimostrando una accuratezza nel targeting fino al 94% e sei volte superiore rispetto alla media di mercato.

zeotap, Rossi: «A breve accordo con un nuovo data provider». Oltre 400 persone per il primo party

È presente sul territorio da poco più di sei mesi, ma il team italiano di zeotap ha già molte buone ragioni per festeggiare: i finanziamenti, gli accordi con i principali operatori della pubblicità digitale, la crescita dell’organico e l’espansione del business.

Non desta sorpresa quindi che Michele Rossi, Business Development Manager, Riccardo Polizzy-Carbonelli, VP Publishers & Advertising Partnerships, Oliver Kanders, Director Market Building & Marketing e Federico Besnate, Director Market Building & Marketing, fossero desiderosi di indire il primo party della società.

L’evento, con il quale la struttura fornitrice di dati deterministici si è ufficialmente presentata al nostro mercato, ha avuto luogo lo scorso giovedì 8 giugno presso le Fonderie Milanesi, il ricercato gastropub situato in un cortile di Via Giovenale. Agenzie, editori, inserzionisti e partner hanno così potuto conoscere di persona i professionisti di zeotap, lieti di aver accolto, tra biciclette d’epoca e arredi vintage, i circa 400 ospiti.

zeotap si appresta a profilare 30 milioni di utenti in Italia

Una partecipazione che è stata fonte di grande soddisfazione per gli organizzatori. «Abbiamo la fortuna di rappresentare in Italia una startup internazionale con uno staff di giovani professionisti, di cultura e approccio molto aperto e informale e riteniamo che l’alta adesione sia indice dell’elevata penetrazione del marchio zeotap nel mercato italiano della monetizzazione dati, raggiunta negli ultimi mesi di attività. Di fronte alla scarsa qualità dei dati in Europa, che preoccupa quasi la metà dei professionisti media, la società si configura come un player unico, basato su fonti deterministiche e certificate di dati, in grado di fornire attendibili audience socio-demografiche e assicurare quindi un’elevatissima reach on-target nelle attività di comunicazione digitale di brand e agenzie», ha dichiarato Michele Rossi.

La festa è stata un’occasione per celebrare i traguardi raggiunti dalla società, ma il piano strategico di sviluppo prosegue e prevede importanti evoluzioni per la piattaforma: «Attiva dalla fine del 2016 nel nostro Paese, zeotap ha già chiuso accordi con tutti le più importanti agenzie e trading desk indipendenti nel mercato italiano. Abbiamo inoltre attivato partnership di successo con i maggiori editori e concessionarie digitali italiane (Mediamond, Triboo, Teads, TgAdv, Sport Network, Speed e altre) e stiamo siglando nuovi accordi con compagnie di primo livello proprio in questi giorni. Inoltre, l’attivazione di una nuova collaborazione con un importante data provider italiano – che sarà comunicata nelle prossime settimane – ci permetterà presto di raddoppiare i volumi disponibili, raggiungendo i 30 milioni di utenti unici profilati e venendo incontro alla richiesta di maggiori quantitativi di dati deterministici proveniente dal mercato», ha concluso il Business Development Manager.

Qui potete sfogliare la galleria fotografica della festa di zeotap:

zeotap-party zeotap-party

zeotap al Programmatic Day: «Combattiamo la terza Advertising War»

È in corso una guerra nell’industria della pubblicità digitale? Sì, secondo zeotap, perché tutti gli operatori stanno combattendo per ottenere maggiore innovazione ma, soprattutto, per ottenere dati pregiati in larga scala, indispensabili al fine di implementare un’efficace ed efficiente campagna in Programmatic. Non a caso, l’intervento sul palco del Programmatic Day di Oliver Kanders, Director Market Building & Marketing della società, è stato intitolato proprio “Advertising Wars III: The Data Awakens”.

A gennaio, oltre ad aver raccolto 12 milioni di euro in investimenti, zeotap ha fatto ufficialmente ingresso nel mercato italiano, affidandosi a Michele Rossi, nel ruolo di Senior Advisor, a Riccardo Polizzy Carbonelli, VP Publishers & Advertising Partnerships, e Federico Besnate, Head of Publisher Development. Di seguito la video intervista a Oliver Kanders, realizzata a margine della sua presentazione.

zeotap, al via un piano di crescita per l’Italia: Michele Rossi Senior Advisor

zeotap, società fornitrice di dati deterministici ad operatori del mercato della pubblicità digitale, ha annunciato la chiusura del suo secondo round di finanziamenti, in cui sono stati raccolti 12 milioni di dollari.

Il capitale proviene sia da nuovi investitori, ossia New Science Ventures (NSV), venture fund di New York con 500 milioni di dollari in gestione, e HERE, leader globale nella fornitura di mappe e servizi basati sulla posizione, sia da quelli esistenti, Capnamic Ventures e Iris Capital. A questi soggetti, si affiancano poi numerosi strategic business angel, che con il loro operato supportano il processo di crescita e sviluppo della società.

zeotap-logo
Il logo della società

zeotap punta ad espandersi in Italia

Attraverso le nuove risorse raccolte, zeotap investirà nello sviluppo del proprio team nei settori dell’ingegneria e data science a Bangalore, così come nel data on-boarding, nella monetizzazione dei dati e nel marketing a Berlino, New York, Madrid e Milano.

«La società è concentrata su quattro mercati di riferimento: Stati Uniti, Canada, India e Europa, con Spagna e Italia in particolare. Per quanto riguarda il nostro Paese, stiamo seguendo un preciso piano di sviluppo, con l’acquisizione di nuovi clienti e con l’espansione dell’organico. La nostra presenza si sta rafforzando e a breve apriremo il nostro primo ufficio a Milano» ha dichiarato Riccardo Polizzy Carbonelli, VP Publishers & Advertising Partnerships.

Per il supporto sul versante clienti ed agenzie, la società fa affidamento su Michele Rossi, già Head of Digital in Starcom, scelto come Senior Advisor per l’Italia.

michele-rossi-zeotap
Michele Rossi, Senior Advisor di zeotap

 

Il focus sulla privacy del dato di zeotap

zeotap, che da principio integrava i dati provenienti solo dagli operatori delle telecomunicazioni, ha recentemente ampliato il proprio bacino ad altre fonti, che le hanno consentito di diversificare ed arricchire il proprio diagramma dati.

In questo modo, si legge in una nota, per i compratori di dati la piattaforma diventa ancora più attrattiva grazie ad una maggiore varietà di attributi di forte impatto, che includono parametri socio-demografici, di geolocalizzazione, legati ad interessi e alle intenzioni di acquisto, tutti accessibili attraverso un’unica fonte.

Un aggiornamento reso possibile grazie agli accordi siglati dalla società negli ultimi sei mesi, sia per quanto riguarda i servizi di navigazione che per quanto riguarda la sicurezza in rete, un tema a cui zeotap dedica grande attenzione.

Siamo felici di aver potuto dimostrare di aver fatto le scelte giuste attraverso il nostro approccio privacy-centric e platform-based. Lavoriamo duramente ogni giorno per rendere più semplice e sicuro un mondo basato su processi decisionali data-driven. È un viaggio che riserva molte soddisfazioni”, ha dichiarato Daniel Heer, co-fondatore e Ceo di zeotap.

«Daniel ha dimostrato una grande lungimiranza riconoscendo prima di altri l’importanza dei dati nell’industria digitale, in un periodo in cui non erano ancora largamente sfruttati. Ma è anche stato abile nel realizzare la crucialità della loro riservatezza. La tutela della privacy e la prevenzione alla fuga di dati, il cosiddetto data leakage, costituiscono due pilastri della struttura», ha spiegato Polizzy Carbonelli, che ha tenuto a sottolineare come gran parte degli sforzi di zeotap sia dedicata alla messa in sicurezza del dato e al contrasto a qualsiasi forma di perdita di informazioni. Lo dimostra anche la certificazione di conformità al nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) dell’Unione Europea, che entrerà in vigore nel maggio 2018.

polizzy-carbonelli-zeotap
Riccardo Polizzy Carbonelli, VP Publishers & Advertising Partnerships di zeotap

zeotap, piattaforma dati dall’anima programmatica

E poi c’è l’elevata componente tecnologica della piattaforma, che guida il business e lo colloca nelle sfere più avanzate del marketing digitale: «Il Programmatic è il canale privilegiato attraverso cui rendiamo possibile la monetizzazione ed è l’anima della piattaforma. La soluzione è in grado di iniettare i dati nell’inventario di un editore dando ad esso la possibilità di venderla arricchita, anche al di fuori dell’ecosistema programmatico. Gli spazi pubblicitari che mettiamo a disposizione sono totalmente automatizzati, con dati verificati e possibilità di targetizzazione con tassi di accuratezza pari al 95%. Ma i nostri servizi e le nostre competenze sono rivolte ad entrambi i versanti del mercato, ci proponiamo come partner sia di editori che di agenzie e marchi», ha concluso Polizzy Carbonelli.

 

Le più lette