Main partner:

Jobs

Su Amazon il Prime Day c’è chi non risparmia: i venditori

Oggi nella nostra rassegna: Amazon Prime Day, l’integrazione di AMS nell’offerta di IPG, e uno studio su ad blocker e rilevanza degli annunci.

Su Amazon il Prime Day c’è chi non risparmia: i venditori

Gli shopper online sono pronti a una due giorni, molto importante: il Prime Day, che si svolgerà il 16 e 17 luglio e che metterà a disposizione degli abbonati Prime di Amazon una serie di offerte vantaggiose per l’acquisto dei prodotti sul suo sito. Ma se per gli utenti in quei giorni il risparmio è assicurato, non lo è invece per i venditori di prodotti. Amazon infatti ha innalzato le fee di registrazione per condurre i cosiddetti Prime Day Lightning, delle promozioni riservate agli abbonati Prime che durante la due giorni vengono messe “in evidenza” a brevi intervalli: il costo, gratuito nel 2016, è passato a 500 dollari nel 2017 ed a 750 dollari quest’anno. E con il grande traffico atteso sul sito ecommerce, Amazon sta anche spingendo i propri inserzionisti ad aumentare la spesa pubblicitaria durante il Prime Day: secondo la società, durante l’evento i venditori registrano un aumento delle vendite da annunci adv del 300%, e un aumento del 200% delle impression pubblicitarie. Leggi di più su CNBC.

Kumar (IPG Mediabrands), sull’acquisizione di AMS: «Ci aiuterà a gestire i dati di prima parte nel rispetto della privacy»

In un’intervista ad AdExchanger, Arun Kumar, chief data and marketing technology officer di IPG Mediabrands, descrive come la recente acquisizione di Acxiom Marketing Solutions andrà ad integrarsi all’interno dell’offerta di Interpublic Group, e quali saranno i benefici che porterà ai clienti della holding. La parola d’ordine è ovviamente una: dati, soprattutto quelli di prima parte, diventati ormai fondamentali nell’era post-GDPR. «[AMS] ci aiuterà a gestire i dati di prima parte in maniera conforme alla privacy», ha spiegato il manager, aggiungendo: «Avere più intelligence sul consumatore porterà benefici ai business construiti sull’attivazione delle audience. Le strategie data-driven devono essere coerenti. Non possiamo più raccogliere dati bene negli Stati Uniti e non in altri mercati». Leggi di più su AdExchanger.

Il 56% degli utenti vede campagne online di prodotti già acquistati. La pubblicità è rilevante?

Il fenomeno degli ad blocker è ancora lungi dall’essere stato debellato. Secondo uno studio di Kantar Media in USA, Brasile, Cina, Francia e UK, una persona su cinque dichiara di utilizzare sempre un filtro anti adv quando naviga, e il 33% di utilizzarlo solo a volte. E l’adozione di questi software è ormai agli stessi livelli tra i 18-34enni e i 45-64enni. Gli utenti sembrano essere particolarmente scocciati, inoltre, della non rilevanza degli annunci: il 72% dichiara di vedere continuamente gli stessi annunci, e il 56% afferma di vedere spesso campagne online di prodotti già acquistati. Il 64% vorrebbe avere maggiore controllo sulle campagne che visualizza. Leggi di più su MediaPost.