Main partner:

Jobs

Acxiom vicina alla vendita delle soluzioni marketing a Interpublic per 2,2 miliardi di dollari

Acxiom, società ad-tech specializzata nella fornitura di dati e analytics per finalità di direct marketing e gestione delle relazioni con i clienti, è vicina alla vendita della sua divisione di soluzioni marketing alla compagnia pubblicitaria Interpublic Group of Companies per 2,2 miliardi di dollari. La divisione “Marketing Solutions” include strumenti mirati a supportare i clienti nella raccolta e nel consolidamento dei dati dei consumatori per finalità di marketing targettizzato e per servizi di analytics.

Secondo quanto riportato da Reuters, Acxiom rinuncerà ad un business che costituisce circa tre quarti del suo fatturato con il fine di concentrarsi sull’unità dati LiveRamp, comprata nel 2014 per 310 milioni di dollari e ora in forte crescita. Le trattative sono in fase avanzata, ha rivelato la fonte dell’agenzia di stampa, e potrebbe essere annunciato una accordo già questa settimana.

Dopo la chiusura dell’operazione, Acxiom esplorerà la vendita potenziale del sue attività restanti, nonostante il consiglio d’amministrazione possa decidere di concedere alla società del tempo per vendere azioni sui mercati pubblici prima di avviare un processo di vendita definitivo.

A settembre dello scorso anno, IPG aveva stipulato una collaborazione globale con Acxiom per rafforzare i servizi del proprio network legati proprio a dati e analytics.

All’inizio dell’anno, era stata la stessa società ad-tech ad annunciare una revisione del suo business come parte di una più ampia riorganizzazione, che prevedeva appunto il consolidamento delle sue attività in LiveRamp o nelle unità dedicata alle soluzioni marketing.

In un commento rilasciato a Campaign, gli analisti della società di consulenza Liberum hanno dichiarato che questa operazione porterà l’attenzione dell’industria sull’importanza della proprietà dei dati in un “ecosistema fortemente condizionato dalla GDPR”.

“C’è da chiedersi se ora le agenzie intraprenderanno azioni simili e se l’acquisizione influenzerà la decisione di WPP relativamente alla gestione del business di Kantar Data Management, considerando che il gruppo ha storicamente affermato il valore della proprietà dei dati”, hanno riferito gli analisti.

Il riferimento di Liberum riguarda le indiscrezioni su una eventuale vendita di Kantar e altre attività da parte di WPP, operazione che potrebbe essere effettuata per soddisfare gli investitori del gruppo.

Interpublic Group spinge sul programmatic mobile. Siglato un accordo globale con Millennial Media

Interpublic Group spinge sul programmatic mobile. Il gruppo pubblicitario ha siglato una partnership strategica globale con Millennial Media. Grazie all’accordo, le agenzie IPG e i loro clienti potranno beneficiare di maggiore efficienza, ricerche personalizzate, accesso alle banche dati estese e modulari di Millennial Media e a un’anteprima dei nuovi prodotti della piattaforma di mobile advertising. La partnership, guidata da IPG Mediabrands, media holding globale di Interpublic Group, comprende sia le agenzie media che i servizi creativi, digital e marketing di IPG.

La collaborazione punterà sulle potenzialità della tecnologia real-time bidding su mobile, offrendo un servizio di targeting e retargeting di alta qualità, oltre che di programmatic inventory. Cadreon, la piattaforma automatica centralizzata di acquisto IPG Mediabrands, sarà integrata con le offerte programmatiche di Millennial Media. Un accordo globale, quello con Millennial Media, che segna un ulteriore passo avanti nel programma di automazione di IPG Mediabrands.

«Stiamo adottando la tecnologia programmatica per ottimizzare gli investimenti dei nostri clienti mobile – ha detto David Cohen, chief investment officer UM, e presidente global partnerships, Magna Global -. Grazie alla collaborazione con Millennial Media, saremo in grado di sfruttare i dati di contesto, di comportamento e di localizzazione per migliorare il targeting dei consumatori attraverso diversi dispositivi, utilizzando l’automazione per l’acquisizione di utenti e il retargeting dei consumatori».

«Il settore sta affrontando un cambiamento programmatico. Secondo un recente studio di Millennial Media, circa il 75% degli inserzionisti sta comprando in modo programmatico, il 57% dei quali su mobile – ha aggiunto Carrie Seifer, svp, global strategy di Millennial Media -. Inutile dire che stiamo facendo investimenti significativi per contribuire all’accelerazione dell’innovazione nel nostro settore e siamo entusiasti di collaborare con IPG in questo momento del mercato».

Per dare il via alla nuova collaborazione, Millennial Media e Ansible, l’agenzia full-service mobile di IPG, hanno recentemente pubblicato un rapporto congiunto, intitolato Moms & Mobile – Are We There Yet?. I risultati dello studio forniscono alle aziende gli elementi fondamentali per comprendere meglio i comportamenti mobile e cross-screen delle mamme Millennial e di come i brand possono programmare al meglio strategie integrate per conquistare questo mercato in crescita.