Main partner:

Jobs

Instagram, debuttano i profili business, con strumenti di misurazione, targeting e insight

Nella giornata di martedì, Instagram ha portato al debutto i suoi profili business e gli strumenti di marketing ad essi correlati: sono una funzionalità gratuita rivolta a tutti gli utenti che vogliano essere riconosciuti come azienda; ciò permette agli esercizi commerciali di selezionare, in primo luogo, le modalità con le quali preferiscono essere contattati dai loro clienti: chiamata, testo o email grazie al pulsante “Contact”, in aggiunta alle indicazioni stradali.

La nuova tipologia di account permette anche l’accesso agli insight e al comando di promozione. Per quanto riguarda i primi, i nuovi profili consentono anche di tracciare quante volte i vari post compaiono sugli schermi. Tuttavia, Instagram misura le impression e non le view, ciò implica che le aziende sono in grado di vedere quante volte i contenuti organici sono erogati sullo schermo di un dispositivo ma non potranno verificare se un utente ha effettivamente prestato attenzione al post o è passato avanti lungo il flusso di aggiornamenti. I brand saranno dunque in grado di analizzare nel dettaglio le statistiche sui loro post cumulativi, ossia il numero totale di impression e i dati relativi all’engagement.

Un ulteriore strumento consente un esame più accurato del bacino di seguaci di un brand, scomponendo l’utenza per età, posizione e sesso; è possibile, inoltre, rilevare su base oraria e giornaliera la quantità di nuovi follower ottenuti.

Per quanto riguarda la promozione, la nuova funzione consente ai business di selezionare un post già condiviso su Instagram per aggiungervi un pulsante di azione. Si può selezionare un pubblico specifico o permettere al social di suggerire il targeting più adatto, dopodiché la foto o il video sarà promosso come annuncio con termini temporali personalizzabili.

Tutto ciò è ottenibile semplicemente convertendo un regolare profilo Instagram nella versione business del servizio. Nei prossimi mesi, i nuovi account saranno rilasciati come opzione gratuita per le aziende negli Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda, saranno poi disponibili globalmente entro la fine dell’anno.

“I profili business non sono concepiti per essere delle soluzioni ad alto livello imprenditoriale, tuttavia notiamo che una grande maggioranza di inserzionisti su Instagram, nel mese di febbraio, era costituita da piccoli business”, ha commentato Vishal Shah, Diretor of Product Management di Instagram, “Sappiamo che ci sono molte aziende che già utilizzano Instagram con successo e pensiamo che questi soggetti possano diventare clienti più grandi con questi strumenti”, ha proseguito Shah, “Questo è il punto di inizio, cercheremo di ottenere ulteriori dati riguardanti le persone che visitano o contattano un negozio o, sul lato promozionale, nuovi modi per gli esercizi locali per portare traffico ad un determinato punto vendita”.

Le più lette